Proponiamo il ritorno ai boschi planiziali: la produzione del cippato

ENERGIA DAL LEGNO: COMUNI VIRTUOSI E SUPERAMENTO DELLA DIPENDENZA DAL PETROLIO (E DALL’INTOSSICAZIONE PER I NOSTRI POLMONI)

Tempo fa i nostri più attivi redattori del blog (Alberto e Paolo) hanno inserito una serie di notizie e considerazioni sulle energie rinnovabili (in particolare la notizia su “energie rinnovabili e sostenibilità”). Un discorso che non si può lasciar correre, dimenticare, ma anzi vorremmo iniziare ed approfondire.

Presentiamo (cliccando qui sotto) un powerpoint con 13 slides che, brevemente, cercano di dimostrare l’importanza della produzione del cosiddetto “cippato” (legno vergine triturato ad uso energetico).

…. economicamente la cosa funziona se il legno vergine prodotto sarà da usare per il riscaldamento (e/o raffreddamento) di edifici di una certa dimensione (caldaie di ospedali, scuole, ma anche condomini…), e se la produzione non richiede eccessive spese di trasporto… il legno dovrà venire dalle nostre campagne…..

Importante è che l’Ente Pubblico (i Comuni, le USL…) crei la DOMANDA, che fa sì che agricoltori si mettano in gioco su una prospettiva concreta di MERCATO, dove appunto la domanda c’è, esiste veramente….. interessante è che così si inizia un SISTEMA VIRTUOSO: 1- il ritorno a boschi planizali che danno un contributo attivo alla risoluzione dell’effetto serra e alle quote verdi che ciascuna nazione deve assolvere…, 2- un progetto economico redditizio per le nostre campagne ora in crisi, 3-meno inquinamento atmosferico dalle ciminiere degli edifici, con l’uso del legno vergine, 4- un nuovo ruolo dell’agricoltore, che può diventare imprenditore di tutta la filiera: non solo produrre il legno, ma anche gestire la caldaia…. (solo così avremo figure nuove specializzate in agricoltura…)…….

…. vedete il powerpoint….

Annunci

One thought on “Proponiamo il ritorno ai boschi planiziali: la produzione del cippato

  1. albertograva sabato 29 marzo 2008 / 16:52

    Mi fa molto piacere vedere questo post, in quanto sono un grande sostenitore di questa iniziativa, non solo per le questioni “energetiche/economiche” ma soprattutto per le loro funzioni ecologiche/ambientali infatti in un area come la nostra, di alta pianura, sarebbe di assoluta importanza per la ricarica delle falde, in quanto oltre a favorire la filtrazione dell’acqua attuerebbero una parziale depurazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...