Il mondo della geografia volontaria

Anche per avvicinarci all’incontro da noi organizzato il 10 giugno (vedi “i nostri eventi”), Vi presento questo articolo, disponibile al momento solo in inglese, sembra interessante.

Citizens as sensors: the world of volunteered geography

di Michael F. Goodchild
Negli ultimi mesi c’è stata un’esplosione di interesse nell’utilizzare il Web per creare, assemblare, geografico e diffondere informazioni fornite volontariamente da persone fisiche. Siti come Wikimapia e OpenStreetMap sono il coinvolgimento dei cittadini per creare un mosaico globale di informazione geografica, mentre Google Earth e altri virtual globe stanno incoraggiando lo sviluppo di applicazioni che utilizzano i propri dati. Questo libro prende in esame di questo fenomeno, e rappresenta un tentativo di esaminare le questioni ad esso connesse: che cosa spinge le persone a fare questo, quanto accurati siano i risultati, e come possono stimolare l’aumento delle fonti convenzionali? Inoltre contiene un confronto tra questo nuovo fenomeno e la più tradizionale cienza del cittadino con una particolare sottolineatura del ruolo dei dilettanti idella geografica dell’osservazione.
Link alla pagina
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...