Goodnews: il Dipartimento di Geografia su Corriere.it

Devo dire che trovare un articolo sul Corriere della Sera (del 16 settembre) che parla di una ricerca del Dipartimento di Geografia dell’Università di Padova mi ha piacevolmente sorpreso. Mi sembrava giusto darne notizia anche nel nostro blog non solo per debito di riconoscenza verso il “nostro” dipartimento ma anche per iniziare a parlare di geo-archeologia.

Dal sito dell’Università di Padova apprendo che la notizia è stata diffusa anche da media internazionali come il Times… Per gli interessati ecco il link alla pagina di Unipd.it nella quale potete trovare tutti le informazioni su questa ricerca e i link agli articoli pubblicati dai vari giornali: http://www.unipd.it/area_news/altino.htm

Ricostruita l’antica Altino: da qui le pietre della Serenissima

Le foto della città segreta
«Così è nata Venezia»

Ora si potranno avviare gli scavi per portare alla luce quanto è stato «fotografato» nell’area protetta

MILANO — La città da cui ha avuto origine Venezia ha finalmente un volto. È Altino, a una decina di chilometri a nord della «perla della Laguna », ed è (per il momento) nascosta sotto la campagna. Ma ora grazie alle nuove tecnologie di telerilevamento ed elaborazione, strade, palazzi, edifici pubblici, quartieri, hanno preso corpo e sono chiaramente visibili. Scavando, a circa un metro di profondità, si troverebbero le fondamenta degli edifici. In passato si era identificato il perimetro delle mura, adesso al loro interno si scorgono due teatri, il foro con possibili tracce di templi, il corso d’acqua che l’attraversava. E al di fuori un grande anfiteatro.

È quanto gli abitanti hanno lasciato dopo essersi portate via le pietre con le quali hanno poi costruito le case di Venezia. Accade nel VII secolo dopo Cristo dopo che Attila a capo degli Unni invade i territori veneti e dopo che i Longobardi scorporano, sotto l’esarcato di Ravenna, la parte marittima. Appunto per sfuggire alle violenze, Altino viene abbandonata e spoliata per rinascere sulle isole nel cuore della laguna più splendente protetta dalle acque. Il suo primo insediamento risaliva al VI secolo a.C. romanizzandosi pacificamente intorno al II secolo. Sorgeva lungo una grande strada, l’Annia, e il suo porto diventava uno dei maggiori scali commerciali romani dell’Italia Nordorientale e un nodo strategico tra le rotte marittime adriatiche e le vie consolari verso l’area danubiana. Quando arrivano i barbari la decadenza di Altino, comunque, era già iniziata da tempo ed era ormai inarrestabile. Il volto nascosto della città è frutto di una ricerca condotta dal Dipartimento di geografia dell’Università di Padova nell’ambito di un progetto finanziato da Arcus e sostenuto dalla Regione Veneto, dal Comune di Padova e dalla Soprintendenza per i beni archeologici del Veneto. «Elaborando le immagini fornite da Telespazio assieme a quelle da noi ottenute con ricognizioni aeree nella lunghezza d’onda del visibile e dell’infrarosso — spiega Paolo Mozzi, coordinatore della ricerca a cui ha partecipato Alessandro Fontana — siamo riusciti a costruire la mappa della città facendo emergere le strutture nascoste valutando diversi parametri comprendenti dalla disposizione della vegetazione all’umidità del suolo».

Ora con una convenzione in corso di definizione tra il Dipartimento di geografia padovano, l’Università di Venezia e la Soprintendenza ai beni archeologici e la collaborazione dell’Osservatorio geofisico di Trieste, si procederà agli scavi per portare alla luce quanto oggi è stato «fotografato» nell’area già protetta. Così sarà pure realizzato un identikit preciso degli abitanti che dovevano essere alcune migliaia (forse ventimi-la): ma il numero esatto uscirà solo dalle nuove indagini. Chi vuol vedere traccia concreta della storia, sul campanile di San Vidal, nel sestriere San Marco, un’incisione romana ricorda Altino come luogo d’origine del materiale lapideo. E, intanto, l’eredità popolare racconta che i nomi delle isole Torcello, Murano e Burano derivano da Torricellum, Ammurianum e Porta Boreana, tutti quartieri, in origine, di Altino.

Giovanni Caprara

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...