I docu-film che raccontano i fiumi: il bellissimo “La Fiuma – Incontri sul Po e dintorni” (ma dobbiamo pure decidere che futuro dare ai nostri fiumi…)

lafiumaLa interessante e ricca rassegna cinematografica, sui temi del paesaggio, di Pieve di Soligo denominata PaesAgire (14 eventi da ottobre a dicembre 2008), si è conclusa con un “documentario-film” dedicato al Po, ambientato in vari luoghi del fiume, anche dei suoi affluenti (tutto comunque nell’area lombarda), intitolato “LA FIUMA – INCONTRI SUL PO E DINTORNI”. Lavoro realizzato da Rossella Schillaci, giovane e pertanto ancor più promettente “antropologa-regista” (così potremmo definirla).

Va qui rilevato che sempre più rilevanza assumono i cosiddetti “docu-film”, che, appunto oltre a raccontare cose e idee, riescono a farlo con un piglio narrativo “filmico”, che fa partecipare lo spettatore alla storia tanto quanto la fiction di un film (anche se qui la storia è vera, i personaggi reali).

“LA FIUMA – INCONTRI SUL PO E DINTORNI” racconta appunto del Po e dei suoi affluenti, narrati con le parole di chi ha vissuto sulle loro rive, tra antiche tradizioni, racconti di giorni lontani, attraverso luoghi in cui il tempo sembra essersi fermato.

Il “docufilm” è stato realizzato nel 2007/2008, e al Festival CINEMAMBIENTE di Torino ha avuto la “Menzione speciale” con la motivazione: “Un film che percorre con nostalgia e potenza evocatrice, affidandosi a immagini piene di suggestione, le atmosfere e l’umanità di una realtà geografica che sta rischiando di trasformarsi in resto archeologico. Gli uomini e le donne, depositari di sapienza millenaria e passione per una terra che ha vita e dà vita al fiume, sono colti nella loro dignità e senza retorica, ma anzi con humor penetrante e tenerezza poetica“.

Nel filmato (di poco più di un’ora) si parla del modo di vivere il fiume da parte di chi abita vicino ad esso: le testimonianze sono concentrate (come spesso accade nel parlare di “luoghi”) sulle esperienze di persone anziane, quelle cioè che hanno realmente “vissuto il fiume”. Si vede allora un costruttore di pupazzi (vedi foto) a grandezza naturale in legno che rappresentano personaggi realmente vissuti in epoche passate (e gli abitanti che parlano a questi pupazzi, interloquiscono con loro… bellissimo!)… c’è una poetessa che recita versi sul fiume… un costruttore di biciclette antiche in legno dell’ottocento che mostra le sue opere d’arte (molti di questi personaggi sembrano usciti da un film di Fellini) …. un gruppo di anziani che racconta vicende ridicole accadute nel fiume e da loro vissute… come la pesca del pesce “siluro”, specie di grande pesce mitico che raggiunge dimensioni enormi (… i racconti e i pomeriggi al fiume di queste persone anziane assomigliano molto alla rappresentazione fatta da Ermanno Olmi nel suo ultimo film, “Centochiodi”)… quel che alla fine appare (condiviso dalla “regista-antropologa”) è che vivere vicino a un fiume caratterizza positivamente le persone, può renderle più creative, dotate di “brio”, e più ben disposte a vivere bene la quotidianità…

…ma si tratta sempre di “memoria”, di persone anziane…. per questo la Schillacci si è ripromessa di “tornare in quei luoghi” per  vedere come vivono il fiume i giovani… qualche esempio, secondo lei, c’è (come l’organizzazione di eventi musicali, rave-party, sulle rive… o l’utilizzo di casoni per far musica e feste….).

La difficoltà di vivere  il fiume  è, secondo la regista, dato anche dall’inquinamento (sottolineato da quasi tutti gli intervistati nel documentario… l’acqua del Po, come di tutti i corsi d’acqua, è ben diversa da quella di una volta…)….

…. e qui nasce la necessità di parlare dei fiumi non solo con il senso della MEMORIA, ma anche come LUOGHI DA RISCOPRIRE, VALORIZZARE, RECUPERARE…. cioè tornare a vivere…. (COME “PROGETTARE” IL FUTURO DEI FIUMI E’ UNO DEI TEMI ALL’ATTENZIONE DELLA GEOGRAFIA… e qualcosa bisognerà pur iniziare a dire e proporre…)

…. è un tema appassionante il recupero dei propri territori (solo tornando a viverli ci si attiverà perché non siano inquinati o strumenti di speculazioni e abusivismi…)… la crisi economica che sta un po’ avvolgendoci forse è un’occasione da non perdere (virtuosamente): si viaggerà di meno (ora è più facile che uno conosca Sharm el-Sheikh che le colline a trecento metri da casa), e ci si potrà concentrare di più sui luoghi vicino a casa (questo non esclude, anzi!, un interesse crescente  e partecipato a ciò che accade nel mondo…).

Annunci

One thought on “I docu-film che raccontano i fiumi: il bellissimo “La Fiuma – Incontri sul Po e dintorni” (ma dobbiamo pure decidere che futuro dare ai nostri fiumi…)

  1. paolomonegato venerdì 19 dicembre 2008 / 22:27

    è un tema appassionante il recupero dei propri territori (solo tornando a viverli ci si attiverà perché non siano inquinati o strumenti di speculazioni e abusivismi…)
    Parole sante Sebastiano!!
    A mio modo di vedere molti dei problemi attuali (e non parlo solo di quelli ambientali) sono frutto di questo distacco dalla propria terra e del pigro disimpegno figlio del continuo delegare agli altri…. Riusciremo, grazie a questa crisi, a tornare cittadini attivi e responsabili?

    Chiudo con questa parole scritte da un geografo francese più di 150 anni fa che mi sembrano attualissime….

    Un’armonia segreta si stabilisce tra la terra e i popoli che essa nutre; quando le società sconsiderate si permettono di manomettere ciò che determina la bellezza del loro territorio, finiscono sempre col pentirsene. Là dove il suolo è stato deturpato, là dove ogni poesia è scomparsa dal paesaggio, ivi si è estinta l’immaginazione, la mente s’è impoverita e la routine e il servilismo si sono impadroniti dell’anima inducendola al torpore e alla morte.Elisée Reclus (tratto da “Il sentimento della natura”, 1866)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...