Luoghi di valore: la terza edizione dell’iniziativa della Fondazione Benetton sui luoghi da non dimenticare nella Marca trevigiana – il ruolo strategico del “segnalatore”

El moreron della famiglia Tocchetti a Godega Sant'Urbano
"El moreron" (il gelso) della famiglia Tocchetti a Godega Sant'Urbano (da "luoghi di valore" 2009)

“Luoghi di valore” sembra quest’anno voler “dar valore” al ruolo del “segnalatore”  che, appunto, segnala un luogo della propria vita di grande pregio (naturalistico, architettonico, storico..) che fa parte della sua memoria, del suo vissuto e delle sue emozioni. E, meritoriamente, lo segnala (il luogo) alla Fondazione Benetton. Che a sua volta (la Fondazione) documenta, fotografa il luogo (siamo nella Marca trevigiana): come quei frati amanuensi che attorno al mille conservavano e ricopiavano i testi antichi affinché il loro contenuto così importante potesse superare il momento difficile di quel (alto)medioevo buio e anarchico che rischiava di distruggere un vissuto da salvare e che sarebbe servito (ci è servito) per il futuro.

Il segnalatore diventa pertanto anche una persona che “resiste” all’omologazione verso il brutto dei nostri paesaggi, alla scomparsa della memoria dei luoghi, sotto quasi sempre l’incessante azione del proprio piccolo comune, la propria amministrazione comunale (per questo chi nasce in un piccolo comune è spesso fregato), a cui si lascia (irresponsabilmente) gestire il proprio territorio di competenza (ricordiamo che l’urbanistica e l’edilizia privata è potere sovrano dei comuni..). Così il segnalatore diventa figura di chi testimonia l’esistenza della bellezza, sempre più residua dei luoghi della propria vita.

casa di Stefan Zavrel
quella che è stata la casa di Stefan Zavrel a Sarmede (pittore che ha inventato la mostra internazionale della pittura per l'infanzia) (da "luoghi di valore" 2009)

Poi c’è anche il segnalatore che non segnala “gli ultimi luoghi rimasti da conservare assolutamente” (come i monaci amanuensi), ma è un “segnalatore” che segnala le “novità positive”: un giardino pensile al secondo piano di Pediatria infantile all’ospedale di Treviso, perché i bambini possano vivere le cure in ospedale in un contesto più umano (idea grandiosa); un asilo di fabbrica a Ponzano, ipermoderno e aperto al territorio, e dove pure (all’asilo) si coltiva con i nonni l’orto; luoghi-giardini-palazzi recuperati all’antico fasto e adattati a idee nuove per vivere meglio in comunità il presente e il futuro (il Centro famiglie a villa Civran a Castion di Loria). Bello poi che tra chi segnala comincino ad apparire classi primarie e secondarie di scuole, scolari di scuole elementari o studenti di liceo, forse positivamente sollecitati da bravi insegnanti e professori (nel 2009 su 156 segnalazioni di “luoghi di valore”, 64 sono quelle provenienti dal mondo della scuola).

Insomma se non avete niente di meglio da fare (…è un modo di dire…), ma anche se avete qualcosa di meglio, e se non abitate troppo lontano da Treviso, vi invitiamo a visitare la mostra “Luoghi di valore” a Palazzo Bomben (sede della Fondazione Benetton, in Via Cornarotta 7-9, appunto a Treviso, vicinissimo al Duomo (rimarrà aperta fino al 7 febbraio 2010, da martedì a venerdì ore 15-20, sabato e domenica ore 10-20, sempre ad ingresso libero): per altre notizie e orari guardate www.fbsr.it

Ne avevamo già parlato in questo blog dei “Luoghi di valore” , che in tre anni (2007, 2008, 2009) ha visto “mappati”, catalogati, ben 454 luoghi presenti in 86 comuni della provincia di Treviso (su un totale di 95 comuni).

Cinque sono le cose che vengono in mente, sul senso più profondo di questa iniziativa: 1- il ruolo del segnalatore (la Fondazione ha messo in luce molto questo elemento in questa terza edizione), figura anche di “controllo” positivo del territorio, di presa di coscienza che la “bellezza” non può più essere perduta. 2- la proposta (nostra, qui) alla Fondazione, di estendere l’iniziativa, nei modi dovuti, oltre la Marca Trevigiana: magari al Veneto, o qualsiasi luogo d’Italia, d’Europa, del mondo, in cui qualcuno volesse farsene carico nell’organizzarla. 3- da queste segnalazioni appare sempre più quello che “non può più essere luogo di valore”: cioè il “non luogo di valore”, la diffusa bruttezza del paesaggio, dell’architettura che ci pervade; e qui c’è il tema di come recuperare, magari caso per caso, i luoghi deteriorati, quelli che non sono più belli come un tempo, ma potrebbero ridiventarle, pur nell’inserimento di elementi della modernità. 4- la necessità di “mettere in rete” le virtuosità che esistono: non si capisce come giardini pensili non potrebbero essere costruiti anche in altri ospedali (oltre a quello di Pediatria infantile di Treviso…)… la diffusione di esperienze positive di luoghi di valore sarebbe sicuramente contagiosa e trovare sempre più “segnalatori-operatori” che si impegnano volontaristicamente o con le amministrazioni comunali, a tutelare e valorizzare le tante diffuse micro-situazioni ambientali, architettoniche etc. che vale la pena conservare o ripristinare al loro valore. 5- Cittadini che possono diventare “cittadini attivi” nella salvaguardia del loro ambiente (ad esempio che i tanti “comitati” che nascono su crisi ambientali vissute o minacciate, possano anche essere propositivi di idee nuove di salvaguardia territoriale e alternative (ma altrettanto valide se non di più) a quel che si vuol fare (molte volte lo sono già propositivi).

…………

LA  MARCA  IN  156  «ECCELLENZE»

di Vesna maria Brocca – da “la tribuna di Treviso” del 30 ottobre 2009

Concetto di luogo versus quello di spazio. Questo l’argomento principale della querelle che ha coinvolto ed appassionato direttamente oltre 400 persone nelle tre edizioni del concorso «Luoghi di valore», indetto da Fondazione Benetton Studi Ricerche per individuare dei «luoghi nei quali la condizione dei patrimoni di natura, di memoria e di invenzione sia tale da contribuire alla elevazione della cultura, del gusto e della qualità della vita delle persone e delle comunità che li abitano o li visitano».

Il frutto di questo crescente interesse per un terreno scientifico in parte inesplorato, si materializza nella mostra che inaugurata venerdì 30 ottobre negli Spazi Bomben per la cultura, in via Cornarotta a Treviso, in presenza di Domenico Luciani (supervisore scientifico del concorso), Francesco Vallerani (docente Università Cà Foscari) e Simonetta Zanon (coordinatore del concorso). La mostra della terza edizione illustra i 156 luoghi di valore in 57 comuni della Marca, 6 dei quali per la prima volta nella «classifica» d’eccellenze, attraverso l’esposizione di tutti i materiali consegnati dai partecipanti: 70 sono segnalazioni personali, 7 provengono da enti pubblici, 4 da enti religiosi, 11 hanno coinvolto l’interesse di enti privati, associazioni, ed infine ben 64 arrivano dal mondo della scuola. In particolare hanno collaborato le classi seconde A e B del Liceo scientifico Marconi di Conegliano, la Scuola primaria di Canizzano a Treviso e l’IPSAA di Corazzin di Piavon ad Oderzo.

I materiali esposti sono stati riordinati, integrati e allestiti per offrire una conoscenza immediata di tutti i luoghi, inclusa la loro distribuzione nel territorio provinciale, grazie anche ad una carta che include i luoghi segnalati nel corso degli anni. Vi è dunque la possibilità di scoprire o ri-scoprire in questo singolare allestimento il nostro territorio, che viene sviscerato nella sua struttura a frattale da un’ampia documentazione fotografica e audiovisiva, con l’ausilio anche di interviste svolte nell’arco dell’estate, con alcuni dei protagonisti in una decina dei luoghi segnalati (tra i quali l’Asilo di Ponzano, il tratto del fiume Monticano tra Ramera e Soffratta a Mareno di Piave, e ancora Casa Zavrel a Sarmede) e un filmato di 45’ che raccoglie alcune delle testimonianze più significative anche delle scorse edizioni.

Si è tentato, inoltre, un primo bilancio dell’iniziativa attraverso un cenno ai risultati delle analisi condotte sulle motivazioni e sulle provenienze dei segnalatori. Se ne deduce, come spiega Domenico Luciani, «un bisogno di luogo, un’esigenza costitutiva della condizione umana che si manifesta in assoluta indipendenza dalle condizioni sociali, culturali, etnolinguistiche, religiose del segnalatore».

Emerge chiara una controtendenza agli standard attuali di omologazione di massa, e si rivendica un senso forte di appartenenza al luogo d’origine e a quella capacità di leggere il mondo circostante con l’occhio critico e consapevole della storia, per riappropriarsi di una visione orizzontale delle cose. Di quella visione, cioè, interna alle cose.

Una mostra che apre sicuramente dei nuovi scenari sia in ambito scientifico sia di politiche ambientali. Mostra aperta fino a domenica 7 febbraio 2010, da martedì a venerdì ore 15-20, sabato e domenica ore 10-20 (ingresso libero). Per informazioni e richiesta visite guidate (possibili per le scuole anche da martedì a venerdì ore 10-15): Fondazione Benetton tel. 0422.5121, fax 0422.579483, luoghidivalore@fbsr.it, http://www.fbsr.it. – (Vesna Maria Brocca)

…………

I  GIOVANI  SCOPRONO  I  LUOGHI  DI  VALORE

di Laura Simeoni, da “il Gazzettino” del 31/10/2009

Può essere la quercia secolare che si vede ogni mattina spalancando i balconi di casa o la chiesetta del paese dove si sono sposati i nonni. Ma anche il cortile della scuola ribattezzato “il giardino dei sogni” perché esprime ciò che potrebbe diventare uno spazio verde se pensato e ridisegnato dai più piccoli.
La mostra delle opere partecipanti al concorso “Luoghi di valore” torna negli spazi Bomben della Fondazione Benetton a Treviso e sigla in questa terza edizione una massiccia partecipazione delle giovani generazioni che hanno acceso i riflettori su molti dei 156 luoghi segnalati nel 2009. Il valore che ciascuno dà ad un luogo non sta tanto nei suoi pregi monumentali ma nel vissuto affettivo, nelle emozioni che riesce a suscitare nel cuore delle persone. Lo conferma questa mostra, come hanno sottolineato il nuovo direttore della Fondazione Marco Tamaro e la guida storica Domenico Luciani, che ieri ha spiegato tutto ciò inaugurando l’esposizione dei lavori, corredati da video illustrativi e documenti cartografici. Hanno partecipato Francesco Vallerani docente dell’università Cà Foscari di Venezia e Simonetta Zanon coordinatrice del Concorso.
Un premio senza premi, perché tutti i luoghi segnalati, 486 in tre anni, hanno ciascuno una propria dignità che va rispettata. Sono luoghi di valore o meglio: luogo di valori. Ma se cresce indubbiamente la sensibilità dei cittadini che hanno partecipato in massa alla sfida lanciata da Fondazione Benetton, non altrettanto si può dire delle amministrazioni pubbliche che quei luoghi dovrebbero tutelare. «Il bisogno universale e trasversale di tutelare il proprio luogo dovrebbe trovare maggior attenzione da parte delle autorità». Eppure i Comuni coinvolti dai cittadini nel progetto sono ben 86 su 95, con sei «nuove entrate» quest’anno: Arcade, Loria, Mareno di Paive, Motta di Livenza, San Fior, Sarmede. Nove gli assenti: Borso del Grappa, Caerano San Marco, Cappella Maggiore, Gorgo al Monticano, Mansuè, Maser, Paderno del Grappa, Povegliano, Zenson di Piave. I «luoghi di valore» della Marca sono visitabili ad ingresso libero fino al 7 febbraio dal martedì al venerdì ore 15-20, sabato e domanica 10-20. Sono previste visite guidate per le scuole prenotandole al numero 0422/5121.

…………

Concorso Luoghi di valore – terza edizione, 2009

Segnalazioni ricevute e segnalatori
I luoghi sono elencati per comune di appartenenza, in ordine alfabetico. La numerazione è provvisoria e corrisponde all’elenco generale che, a sua volta, fa riferimento all’ordine di ricevimento delle segnalazioni; i luoghi appartenenti a più comuni sono indicati ogni volta.(prop 2007) = segnalatore anche nell’edizione 2007
(prop 2008) = segnalatore anche nell’edizione 2008
(ldv 2007) = luogo segnalato anche nell’edizione 2007
(ldv 2008) = luogo segnalato anche nell’edizione 2008

Arcade (1)
152. Antico complesso in via Gravoni; Paola Vendramin Pilla, Arcade

Asolo (2)
48. Antica Osteria al Bersagliere; Lucio Polo, Treviso (con la collaborazione di Giovanni Stona, Asolo; Mario Malaguti, Treviso; Mariuccia Polo, Treviso)
74. Colle di San Martino; Mariano Puglierin, Asolo (prop 2008)

Breda di Piave (1)
71. Molino della Sega; Adelaide Scarabello, Istituto Comprensivo di Breda di Piave (prop 2007) (prop 2008)

Carbonera (1)
118. Uccellanda nella tenuta agricola di Villa Passi; Alberto Passi (prop 2007) (prop 2008) e Simone Serafin, Villa Tiepolo Passi, Carbonera

Casale sul Sile (5)
1. Santuario Madonna del Carmine, Conscio. I capitelli di tutto il comune di Casale sul Sile (ldv 2008); Franco Bagaggia, Treviso (prop 2007) (prop 2008)
39. Chiesa di San Martino, Lughignano; Andreina Semenzato, Preganziol
72. Casa dei sette camini; Emanuele Bellò, Treviso (prop 2007) (prop 2008)
80. Campagna da Lughignano a Casale sul Sile sul Sile lungo l’alzaia del Sile; Adelina (prop 2007) (prop 2008) e Renzo Secco, Treviso
98. Chiesa di Lughignano; Luisa Tosi, Treviso (prop 2008)

Castelfranco Veneto (1)
23. Campo sportivo di Campigo; Sergio Appon, Castelfranco Veneto

Castello di Godego (1)
134. Barco Mocenigo Priuli; Stefania Trojetto, Castello di Godego (prop 2008)

Cimadolmo (4)
2. Chiesetta delle Grave di Papadopoli; Maria Teresa Furlan, Venezia
3. Idrometro del Madorbo; Simone Menegaldo, Cimadolmo (prop 2007) (prop 2008)
92. Traghetto del Madorbo; Simone Menegaldo, Cimadolmo (prop 2007) (prop 2008)
115. Olivo in casa privata, San Michele di Piave; Cristina Polese (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II B)

Cison di Valmarino (1)
33. Le Vallalte; Margherita Dalle Ceste, Follina

Codognè (3)
57. Cipresso di villa Paoletti, Cimetta; Makeliada Llapushi, Gaiarine (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II A)
58. Magnolia di casa Modolo, Cimetta; Vinicio Modolo, Codognè (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II A)
64. Frassino di Cimetta; Silvia Lucchetta, Codognè (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II A)

Colle Umberto (1)
111. Gelsi di Borgo Maiole; Giacomo Sammons Conegliano (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II B)

Conegliano (16)
31. Oratorio di San Michele Arcangelo, Ogliano; Gianfranco Tonello, Conegliano (prop 2008)
34. Chiesetta di San Giorgio e casa vicina, Manzana; Laura Silvestri, Conegliano
46. Abete di via Dina; Alessandro Balliana, Conegliano (liceo scientifico Marconi Conegliano, classe II B)
50. Vecchia canonica di Ogliano; Matteo Ghirardi, Colle Umberto (prop 2007) (prop 2008)
54. Gelso secolare nel cortile delle case ex Mazzer, Ogliano; Alessandra Della Libera, Conegliano (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II A)
55. Cipressi di via Matteotti; Adele Di Costanzo, Conegliano (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II A)
56. Tasso di Villa Maresio, Ogliano; Lisa Fiorotto, Conegliano (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II A)
59. Magnolia di palazzo Tosetto; Alessia Imparato, Conegliano (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II A)
65. Palme di casa privata; Michele Todero e Sara Busetto, Conegliano (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II A)
87. La sentinella di Parco Rocca; Giulia Fabbro, San Venedemiano (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II B)
108. Ulivo della canonica, Ogliano; Elena Masut, Conegliano (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II B)
109. Cipressi di Colnù; Giuseppe Pietro Gava, Conegliano (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II B)
113. Carpini in località Monticano; Gian Antonio Lodde Tartari, Conegliano (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II B)
144. Belvedere “Dal Vera”; Carlo Dal Vera, Conegliano
145. Abete bianco di casa Iacovino; Alessandra Iacovino, Conegliano (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II A)
146. L’ulivo di casa Candreva, Parè; Desire Somma e Alice Chiesurin, Conegliano (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II A)

Cordignano (1)
22. Chiesa parrocchiale di Santo Stefano; Mons. Terenzio Rusalen, Parrocchia di Cordignano

Crocetta del Montello (2)
15. Agriturismo Al castagno, presa XI; Paola Muselli, Treviso (prop 2008)
28. Montello; Paola Muselli, Treviso (prop 2008)

Farra di Soligo (2)
38. Chiesetta di San Lorenzo; Cristian Callegaro, Roncade
110. Bagolaro di Casa Minchet, Col San Martino; Andrea Bellavitis, Farra di Soligo (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II B)

Follina (2)
21. Abbazia cistercense Santa Maria della Follina in Sanavalle (ldv 2008); fr. Ermenegildo Pietro Zordan, convento Servi di Maria Follina
33. Le Vallalte; Margherita Dalle Ceste, Follina

Fontanelle (1)
49. Villa Marcello-Raccolta etnografica nella barchessa; Marco Marcello Del Majno

Giavera del Montello (3)
28. Montello; Paola Muselli, Treviso (prop 2008)
32. Casa Baldasso, Cusignana; Giorgio Marconato, Povegliano (TV)
82. Ex ferrovia Montebelluna-Susegana; Alessandro Facchin, Volpago del Montello (prop 2008)

Godega di Sant’Urbano (1)
43. El moreron della famiglia Tocchetti; Teresa Tocchetti Cravedi, Villorba

Loria (2)
5. Villa Civran Manfrin (casa famiglia), Castione; Padre Giuseppe Chemello, Loria
52. Casa Maria, rustico di inizio ’900 con brolo; Mario Malaguti, Treviso

Mareno di Piave (3)24. Tratto del fiume Monticano tra le località di Ramera e Soffratta; Sante Gava, Mareno di Piave
86.Quercia di San Fris; Alessandro Canzian, Mareno di Piave (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II B)
136. Oasi Campagnola (ex cava); Stefano Donadello, vice sindaco del Comune di Mareno di Piave

Maserada sul Piave (1)
155. Monumento alla 7a Divisione Britannica, Salettuol; Alberto Cellotto, Maserada sul Piave

Meduna di Livenza (1)
143. Palazzo e Parco Piva; Michele Zanetti, Musile di Piave (VE) (prop 2007)

Miane (2)
25. Strada che conduce da Miane al Santuario della Madonna del Carmine; Tiziano Vettorazzo, Treviso
37. Antico pozzo di risorgiva protetto da una costruzione in pietre locali a secco, Colmellere, Combai; Silvana Sibille-Sizia, Treviso

Monastier (1)
6. Santa Maria del Pero (ldv 2007); Maria Ester Nichele, Treviso

Monfumo (1)
114. Chiesetta dedicata alla Madonna di Pompei, La Valle; Elisa Piccoli, vicesindaco del Comune di Monfumo

Montebelluna (3)
28. Montello; Paola Muselli, Treviso (prop 2008)
82. Ex ferrovia Montebelluna-Susegana; Alessandro Facchin, Volpago del Montello (prop 2008)
103. Ex mulino su canale del consorzio di bonifica Brentella; Giuseppe Borghero, Montebelluna (prop 2008)

Morgano (1)
90. Busa dei Celeste; Pericle Guidotto, Chioggia (VE)

Motta di Livenza (2)
96. Parco della Rimembranza; Anna Miotto (Istituto Piavon di Oderzo, classe II B) con Rosa Cenari (prop 2008) e Riccardo Carlet (insegnanti)
104. Parco di Villa Gini; Mario Po’, Civiltà Alto Livenza, Portobuffolè (presidente)

Nervesa della Battaglia (3)
13. Grotta Tavaran grande, Montello; Paola Muselli, Treviso (prop 2008)
28. Montello; Paola Muselli, Treviso (prop 2008)
82. Ex ferrovia Montebelluna-Susegana; Alessandro Facchin, Volpago del Montello (prop 2008)

Oderzo (5)
18. Villa Galvagna, Colfrancui; Paola Muselli, Treviso (prop 2008)
60. Sophora japonica in Piazza Grande; Francesca Spricigo, Ormelle (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II A)
94. Mutera di Colfrancui; Alberto Corsi, Simone Casti, Riccardo De Zotti (Istituto Piavon di Oderzo, classe II B) con Rosa Cenari (prop 2008) e Riccardo Carlet (insegnanti)
95. Vecchio mulino di Faè; Alex Menegaldo Mattia Segato, Mattia Camillotto (Istituto Piavon di Oderzo, classe II B) con Rosa Cenari (prop 2008) e Riccardo Carlet (insegnanti)
147. L’ulivo di casa Zago; Alessandro Zago, San Polo di Piave (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II B)

Ormelle (3)
14. Presepe in ferro; Paola Muselli, Treviso (prop 2008)
150. Magnolia; Gaia Magro, Ormelle (liceo scientifico Marconi, Conegliano)
151. Quercia centenaria di via Bidoggia; Matthias Pezzutto, Ponte di Piave (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II B)

Orsago (1)
66. Quercia dell’Istituto Nievo; Sarah Della Libera, Orsago (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II A)

Paese (1)
122. Edificio storico di Paese; Hanmo Conte, classe V A scuola primaria di Canizzano con Manuela Mulato e Maria Lucia Marangon (insegnanti)

Pieve di Soligo (3)
91. Brolo di Villa Brandolini d’Adda; Gabriella Busetto, Treviso (FAI) (prop 2007) (prop 2008)
106. Maglio Pradella, Solighetto; Giustino Moro, sindaco del Comune di Pieve di Soligo (alla data della segnalazione)
107. Chiesetta di San Zuanet, Solighetto; Giustino Moro, sindaco del Comune di Pieve di Soligo (alla data della segnalazione)

Ponte di Piave (3)
51. Il corso acqueo della Negrisia; Roberto Pescarollo, Venezia (prop 2008)
101. Scorcio di un ponte sul canale Bidoggia; Francesca Faloppa, Comune di Ponte di Piave e Istituto Comprensivo di Ponte di Piave
102. Fosso Negrisia; Luciano De Bianchi, vicesindaco del Comune di Ponte di Piave (alla data della segnalazione)

Ponzano Veneto (2)
36. Asilo/nido; Brigitte Plank, Villorba
137. Sorgenti e percorsi iniziali dei fiumi che affluiscono nel Sile; Umberto Zandigiacomi, Treviso (prop 2007) (prop 2008)

Quinto di Treviso (3)
124. Casa vecchia nella campagna, Riccardo Marangon, classe V A scuola primaria di Canizzano con Manuela Mulato e Maria Lucia Marangon (insegnanti)
129. Strada di ghiaia al posto di una ex ferrovia; Cristina De Lazzari classe V A scuola primaria di Canizzano con Manuela Mulato e Maria Lucia Marangon (insegnanti)
73. Fortino in cemento armato in via Fornaci, San Cassiano; Marilena Marangon, Mogliano Veneto (prop 2008)

Refrontolo (2)
11. Molinetto della Croda; Diego Callegaro, Spinea (VE)
97. Molinetto della Croda; Associazione Molinetto della Croda, Refrontolo

Revine Lago (1)
141. Abitato di Sottocroda; Michele Zanetti, Musile di Piave (VE) (prop 2007)

San Biagio di Callalta (3)
27. Chiesetta di Nerbon San Sisto ora del Redentore; Paola Muselli, Treviso (prop 2008)
30. Chiesetta di Santa Menna; Paola Muselli, Treviso (prop 2008)
93. Fosso di Cavriè; Alberto Antoniazzi, Dylan Moretto, Andrea Carraro (Istituto Piavon di Oderzo, classe II B) con Rosa Cenari (prop 2008) e Riccardo Carlet (insegnanti)

San Fior (1)
83. Gelso di casa Carniel; Alberto Zanin, San Vendemiano (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II B)

San Pietro di Feletto (6)
4. Antico eremo camaldolese di Rua di Feletto (ldv 2008); Don Giuseppe Gerlin, parrocchia di San Pietro Apostolo, San Pietro di Feletto
8. Club Verdurin, Pianale; Maria Ester Nichele, Treviso
63. Olmo di via Vecellio; Omar El Jamal, San Pietro di Feletto (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II A)
81. Roccolo di Santa Maria; Francesco Comuzzi, San Pietro di Feletto (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II B)
88. Magnolia grandiflora; Jessica Arnosti, Conegliano (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II B)
117. Villa Careni ora Lucchetti-Stiz; classi IV e V scuola primaria Silvio Pellico; insegnanti Loredana Collodel (prop 2008), Anna Zanchetta e Alice Basso

San Vendemiano (3)
84. Fico della Calpena; Michael Mazzer, San Vendemiano (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II B)
112. Rovere del Menarè; Davide De Toffoli, San Vendemiano (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II B)
148. Carpino del Menarè; Giulio Sanson, San Vendemiano (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II B)

Santa Lucia di Piave (3)
53. Pioppo bianco di via Colonna, Calandra; Letizia Sossai, Santa Lucia di Piave (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II A)
68. Betulla sull’argine del Crevada; Carlotta Collodel, Santa Lucia di Piave (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II B)
79. Gelso secolare di Sarano; Margherita Meneghin, Santa Lucia di Piave (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II B)


19. Abitazione di mezza collina, Rugolo; Luciana Moretto e Aldo Granzotto, Oderzo

Spresiano (4)
7. Casa padronale del 1600 costruita dai nobili signori veneziani Bove, Lovadina (ldv 2007); Maria Ester Nichele, Treviso
75. Colmello delle cesolle; Flavia De Adamo e Barbara Frate, Spresiano
76. Case coloniche abbandonate e fondi rurali appartenuti alla commenda Giustiniani Recanati; Flavia De Adamo e Barbara Frate, Spresiano
77. Via “Cesoe” (Manzoni); Flavia De Adamo, Spresiano

Susegana (6)
9. Castello di San Salvatore (ldv 2007); Maria Ester Nichele, Treviso
16. Museo dell’Uomo; Paola Muselli, Treviso (prop 2008)
62. Pioppo dell’ex sede ANAS; Federica Marcon, Santa Lucia di Piave (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II A)
69. Castello di San Salvatore (ldv 2007); Luca Sperandio, Conegliano (liceo classico Marconi, Conegliano, classe I B)
85. Salici sul Crevada; Federica Dei Negri, Conegliano (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II B)
149. Cedro del Libano nel Castello di San Salvatore; Leonardo Meneghin, Susegana (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II B)

Tarzo (3)
42. Giardino Museo Bonsai della Serenità; Armando Dal Col, Tarzo
47. Pini di Tarzo; Edoardo Tona, Conegliano (liceo scientifico Marconi, classe II B)
135. Va’ dee femene sulla sponda del lago di Santa Maria, Colmaggiore; Mirella Da Ros, Tarzo

Treviso (27)
10. Villa con cipresso calvo; Franco Arca, Treviso
17. Isola del Paradiso; Paola Muselli, Treviso (prop 2008)
20. Tronchi di pioppi secolari nel parco Storga (area ex Case Stefani), Sant’Artemio; Laura Cacciolato e Raffaella Frattini Urettini, Treviso
26. Ca’ Zenobio, Santa Bona; Paola Muselli, Treviso (prop 2008)
29. Parco di Villa Manfrin; Pietro Bernardin, Treviso (prop 2008)
35. Oasi e chiesetta di San Spiridione, Canizzano; Mario, Angelo, Agnese, Menoncello, Treviso
44. Centrale idroelettrica della fonderia; Roberto Zandò, Treviso (prop 2008)
45. Edificio denominato “ex molinetto” (all’interno del complesso di villa Margherita); Rita Maria Sari Zanini, Treviso
(prop 2008)
78. Casa dei sette pastori – Pastoria del Borgo Furo; III A scuola primaria San Giovanni Bosco, Treviso con le insegnanti Antonella Mazzobel e Paola Dalla Giustina
99. Villa Margherita; Luisa Tosi, Treviso (prop 2008)
100. Turbina dell’ex Fonderia; Luisa Tosi, Treviso (prop 2008)
116. Sottoportico del vicolo Rinaldi; Sandra Milani e Loredana Gagno, scuola primaria Marco Polo, Villorba
119. Aula a gradinata dell’ITC Riccati-Luzzatti con la collezione di strumenti di fisica; Rossana Montanari, ITC Riccati-Luzzatti Treviso (prop 2008)
120. Giardino dei sogni della scuola di Canizzano; classe V A scuola primaria di Canizzano con Manuela Mulato e Maria Lucia Marangon (insegnanti)
121. Piccolo grande lago nel Sile-ex cava Beton Nord a Canizzano; classe V A scuola primaria di Canizzano con Manuela Mulato e Maria Lucia Marangon (insegnanti)
123. Parco sul Sile di via Sant’Angelo; Alessandro Zanella, classe V A scuola primaria di Canizzano con Manuela Mulato e Maria Lucia Marangon (insegnanti)
125. Vecchia casa in riva al Sile a Canizzano; Margherita Pagini, classe V A scuola primaria di Canizzano con Manuela Mulato e Maria Lucia Marangon (insegnanti)
127. Acque del Sile del lungosile Mattei; Caterina Pompeo, classe V A scuola primaria di Canizzano con Manuela Mulato e Maria Lucia Marangon (insegnanti)
128. Monumento dedicato ad un tenente, San Vitale; Alberto Gobbo, classe V A scuola primaria di Canizzano con Manuela Mulato e Maria Lucia Marangon (insegnanti)
130. Il cuore del Sile a Ponte Ottavi; Martina Zanzot, classe V A scuola primaria di Canizzano con Manuela Mulato e Maria Lucia Marangon (insegnanti)
131. Villa del ’700-’800 in riva al Sile, Canizzano; Daniele Libralato, classe V A scuola primaria di Canizzano con Manuela Mulato e Maria Lucia Marangon (insegnanti)
132. Veduta sul Sile a Canizzano; Andrea Biondo, classe V A scuola primaria di Canizzano con Manuela Mulato e Maria Lucia Marangon (insegnanti)
133. Campo vicino alla chiesa di Canizzano; Serena Zanibellato, classe V A scuola primaria di Canizzano con Manuela Mulato e Maria Lucia Marangon (insegnanti)
137. Sorgenti e percorsi iniziali dei fiumi che affluiscono nel Sile; Umberto Zandigiacomi, Treviso (prop 2007) (prop 2008)
138. Contesto d’acqua a Selvana tra Storga e Limbraga; Andrea Malacchini, Treviso
139. La finestra sul cortile; Andrea Malacchini, Treviso
156. 3° Reparto Manutenzione Veicoli, Canizzano; Silvana Artuso (prop 2008), Treviso

Valdobbiadene (5)
12. Prima osteria senza l’oste, Santo Stefano; Paola Muselli, Treviso (prop 2008)
40. Casera Frascada Alta; Nadia Palazzani, Resana
41. Lavatoio pubblico di via Cordana; Nadia Palazzani, Resana
89. Colture antiche ma moderne: prosecco e marroni; Elena Modolo, Valdobbiadene
140. Oratorio di Santo Stefano; Simone Adami, Valdobbiadene

Vazzola (2)
61. Sophora japonica in zona agricola a Tezze; Riccardo Tomasi, Conegliano (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II A)
67. Pianta di ligustro volgare; Gaia Tesser, Vazzola (liceo scientifico Marconi, Conegliano, classe II A)

Vedelago (1)
105. Area agricola località Tredase, Barcon; Brigida Bergamin, WWF Montello Piave, Montebelluna

Villorba (2)
137. Sorgenti e percorsi iniziali dei fiumi che affluiscono nel Sile; Umberto Zandigiacomi, Treviso (prop 2007) (prop 2008)
126. Ponte di legno sul torrente Giavera; Gloria Borghetto, classe V A scuola primaria di Canizzano con Manuela Mulato e Maria Lucia Marangon (insegnanti)

Vittorio Veneto (2)
142. Abitato di Savassa Alta e sorgenti del Meschio; Michele Zanetti, Musile di Piave (VE) (prop 2007)
154. Passeggiata lungo il fiume Meschio, da San Giacomo a Vittorio Veneto; Luca Breda, Spresiano e Matteo Ghirardi (prop 2007) (prop 2008), Colle Umberto

Volpago del Montello (3)
28. Montello; Paola Muselli, Treviso (prop 2008)
82. Ex ferrovia Montebelluna-Susegana; Alessandro Facchin, Volpago del Montello (prop 2008)
153. Conca Grande e Conca Piccola, Selva del Montello; Alessandro Facchin, Volpago del Montello (prop 2008)

Zero Branco (1)
70. Scorcio del paese da lungofiume Zero; Maria Margherita Sagramora, sindaco di Zero Branco (alla data della segnalazione) (prop 2008)

immagine del fiume Monticano
scorcio del Monticano (a Mareno)
Casa Zavrel
ancora su "casa Zavrel"
luoghi-valore2
l'inaugurazione di "luoghi di valore" il 30 ottobre a Palazzo Bomben a Treviso, sede della Fondazione Benetton
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...