Essere Geografo facendo Geologia

L’articolo scritto da Marvin riporta la sua esperienza didattica post Padova alla ricerca di una laurea specialistica adatta a noi geografi usciti dal corso di Geografia dei processi territoriali.

Sappiamo che la Geografia in Italia è ormai vista come “Scienza” secondaria e di poco conto e chi ne è appassionato e ha scelto la via accademica si trova spesso a doversi confrontare con il proprio futuro lavorativo. Molti pensano che questa materia debba restare una semplice passione mentre altri, come noi di Geograficamente, pensano che questa debba essere sfruttata e valorizzata sia nel campo personale sia in quello del lavoro. È per questo che si vuole ora fare presente della possibilità di continuare il percorso di studi (Laurea Magistrale) direzionandosi verso una materia apparentemente molto più scientifica della nostra: la Geologia.

L’Università degli Studi di Ferrara offre un corso di laurea magistrale in Scienze Geologiche, Georisorse e Territorio appartenente alla Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali, aperto oltre che ai Geologi anche ai Geografi e senza dover recuperare debiti formativi.

Si è parlato prima della Geologia come materia apparentemente più scientifica della Geografia in quanto il corso dell’ateneo ferrarese prevede la compilazione di un piano di studio che, se scelto in maniera accurata e con molta attenzione, potrebbe non discostarsi troppo dal nostro mondo geografico (per lo meno della geografia fisica).

Facciamo un piccolo esempio che vuole risaltare l’idea di ciò che si è detto fin’ora. Stiliamo qui un piano di studio ipotetico: oltre che alle materie obbligatorie e strettamente geologiche, tra le quali Vulcanologia, Sedimentologia, Geofisica applicata e Idrogeologia, il piano ti permette di inserire materie tipo Applicazioni GIS alla Cartografia, Tecniche di Telerilevamento, Dinamiche delle Coste, Ecologia, Rischio Climatico più altri 18 CFU da scegliere all’interno dell’offerta di tutto l’Ateneo. Queste ultime materie potrebbero benissimo essere di indirizzo geografico come per esempio Elementi di VIA, Geografia, Pianificazione territoriale, ecc…

Certo, il corso è un corso scientifico e ci vuole l’impegno che questa disciplina richiede, almeno per le materie obbligatorie, ma pensando ad un ipotetico futuro potrebbe valerne la pena. L’ateneo infatti offre la possibilità di partecipare ad un bando che consente a 5 studenti iscritti al I anno di corso di conseguire in accordo con L’Università di Cadice, Spagna una laurea a doppio titolo (Master in “GESTION INTEGRADA DE  AREAS LITORALES (GIAL)” – Curriculum:  “Riesgos e impactos”). È un’opportunità che un Geografo dovrebbe prendere seriamente in considerazione dato che il corso spagnolo è incentrato più su una visione geografica piuttosto che geologica (il presidente del corso è un Geografo). La facoltà spagnola di riferimento infatti non è Scienze m.f.n. ma Scienze del Mare, è un corso incentrato sulle dinamiche costiere con particolare riferimento a quelle spagnole. È da sottolineare che i 5 studenti vincitori del bando riceveranno una borsa di importo non indifferente. Proprio in questo periodo un ragazzo laureato in Geografia dei processi territoriali presso l’Università degli Studi di Padova ed ora iscritto al I anno della magistrale a Ferrara sta usufruendo di questa opportunità. Non preoccupatevi se non sapete lo spagnolo, è previsto un corso intensivo gratuito che si svolgerà prima della partenza.

Esistono anche altre possibilità offerte dall’ateneo come ad esempio quella di poter svolgere l’erasmus oltre che un periodo di ricerca all’estero per svolgere la propria tesi. Quest’ultima è un’opportunità reale in quanto non è la prima volta che uno studente ne usufruisce, tra cui il sottoscritto (ci siamo accordati proprio ora con L’UNIS-The University Centre in Svalbard , il centro di ricerca e Università di Longyearbean nelle Isole Svalbard, Norvegia per svolgere un periodo di ricerche riguardanti la climatologia, glaciologia e geomorfologia attraverso l’uso della strumentazione GIS per lo svolgimento della mia tesi).

Per concludere possiamo dire che questo corso darebbe la possibilità di mettersi in tasca una laurea scientifica, una laurea a doppio titolo, un’esperienza di ricerca/stage all’estero e la possibilità di potersi iscrivere all’albo dei Geologi previo superamento del relativo esame di Stato. Il corso ti permette di essere Geologo ma con forti basi geografiche le quali ti permetterebbero di rimanere comunque nell’ambiente geografico e di svolgere un lavoro vicino a quest’ultimo.

Possiamo considerare chi esce dall’Università con una laurea triennale in Geografia e una laurea magistrale in Geologia un geologo con forti basi geografiche ma con una sufficiente conoscenza scientifica da poter spendere in un mondo lavorativo più ampio.

Marvin Duca

 

Per chi si sente un geografo fisico o geomorfologo appassionato di geografia è bene che consulti l’offerta formativa dell’Università di Ferrara cliccando qui.

Annunci

2 thoughts on “Essere Geografo facendo Geologia

  1. Agata Lo Tauro venerdì 25 febbraio 2011 / 7:49

    Il Papa ci esorta a valutare percorsi “pluridisciplinari” ed a mettere insieme le risorse per il bene comune, utilizzando anche i MEDIA (sempre per il bene comune).
    Perdonatemi se anche io la penso così!

    Ho impiegato tanti anni per capire che ero appassionata di geomatica… credo sia un filone disciplinare che accoglie tutti, sbaglio?

    Nonostante le sassate ricevute, non si è spenta questa passione!
    Ciò che sto tentando di capire è:… per crescere culturalmente è necessario “etichettarsi”?

    ps-Feci anche io un corso intensivo di spagnolo (per l’Erasmus), ma poi la mia prof. mi mandò in GB… casi della vita?

    ad maiora

  2. Geo85 domenica 30 ottobre 2016 / 17:13

    Sembra che non sia più possibile.

    Posseggono i requisiti curriculari per essere ammessi al corso di Laurea Magistrale in Scienze Geologiche, Georisorse e Territorio tutti gli studenti che abbiano conseguito un titolo di laurea triennale nella Classe L-34 (Scienze Geologiche) ex DM 270/04 e Classe 16 (Scienze Geologiche) ex DM 509/99 mentre lo studente che non provenga da queste due classi deve essere in possesso di requisiti curriculari relativi ad un numero minimo di CFU in specifici gruppi di settori scientifico-disciplinari (SSD).

    http://www.unife.it/scienze/lm.geologia/scegliere/modalita-di-accesso#null

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...