MARY POPPINS 2.0 – Lavorare come AU PAIR all’estero

Con una folata di vento, Mary Poppins arrivava alla Bank’s House per esaminare il signor Bank ed eventualmente accettare il posto di governante presso la sua famiglia. Mary Poppins in qualche modo rappresenta il precursore di tutte le au pair. Cosi’, seguendo il suo esempio, con un volo

low- cost  della Ryanair, sono arrivata a Cork per vedere che cosa mi aspettava.  

 

Questo post, è frutto della mia esperienza come au pair, per tre mesi a Ventry, Co Kerry in Irlanda. Ho soggiornato presso una famiglia di contadini occupandomi di 4 bambini dai 4 mesi ai 4 anni e viaggiando nei week end, intorno all’Irlanda.  Ho mangiato all’irlandese per 3 mesi, solamente patate in ogni forma possibile ed immaginabile. Ho imparato qualche frase in gaelico e fatto il bagno nell’oceano Atlantico. E soprattutto mi sono fatta 3 amiche italiane che mi hanno fatto compagnia nelle domeniche libere, che sono state denominate “giornata badante” perché unico momento in cui eravamo libere da impegni “lavorativi” e libere di parlare in italiano.

 

Una ragazza / un ragazzo alla pari è un assistente domestico di un paese straniero che lavora presso  una  famiglia ospitante che in cambio fornisce, vitto, alloggio e un piccolo pocket money per le esigenze personali.  In genere, le/i ragazzi alla pari assumono una parte di responsabilità della famiglia per la custodia dei bambini, così come per alcuni lavori domestici, e ricevono una piccola indennità in denaro per uso personale.

In Europa, dove il concetto è nato, le/i ragazzi alla pari dovrebbero solo lavorare part-time, e spesso anche studio part-time, in genere con particolare attenzione alla lingua del paese ospitante.

Una ragazza alla pari (plurale: alla pari) è un assistente domestico da un paese straniero che lavora per, e vive come parte di una famiglia ospitante.

 

Il titolo deriva dal termine francese au pair, che significa “alla pari” o “uguale a”, che indica che il rapporto è destinato ad essere uno dei pari: l’au pair è destinato a diventare un membro della famiglia, almeno momentaneo , piuttosto che un lavoratore domestico tradizionale.

Il concetto di ‘au pair ha avuto origine in Europa dopo la seconda guerra mondiale. Prima della guerra, un’ abbondante offerta di personale domestico era stata disponibile ad accudire i figli di famiglie medie e superiori di classe, ma i cambiamenti negli atteggiamenti sociali, e gli aumenti di salari e delle tasse dopo la guerra, ha fatto si che il vecchio sistema diventi inaccessibile ai più.

L’au pair riceve un assegno e un bagno privato. La prassi è che i alla pari mangiano con la famiglia la maggior parte del tempo, e si uniscono in alcune delle consuetudini attività di famiglia come gite e viaggi. Tuttavia, le famiglie ospitanti normalmente rispettano il diritto di avere un po ‘di tempo privato per se stessi, soprattutto la sera. Durante questo tempo, una/un ragazza/o alla pari dovrebbe avere il tempo per ritirarsi in camera sua a guardare la televisione, di studio, o uscire con gli amici.
Alcuni alla pari ora sono di sesso maschile, ma le femmine restano la stragrande maggioranza. Molti governi impongono limiti al numero di ore a cui una/un alla pari è permesso di lavorare. Le attività possono includere di prendere i bambini a scuola, portare i bambini alle attività di dopo-scuola, cucinare, pulire, stirare, e babysitting. Ogni posizionamento varia a seconda della famiglia ospitante.

Per diventare au pair, ci si può’ rivolgere ad agenzie specializzate oppure creare un profilo su uno dei seguenti siti, che secondo me sono i migliori: www.findaupair.com/; http://www.aupair-world.it/

Il profilo serve per presentarsi alla famiglia, contattare ed essere contattati.

Anche Facebook può’ essere molto utile perché esistono molti gruppi per au pair, per scambiarsi idee  oppure per trovare altre au pair o famiglie. Per quanto riguarda l’Irlanda alcuni gruppi sono: Au Pairs in Ireland e Au pair in Ireland oppure Au pair Ireland 2013.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...