IL RAPPORTO ISTAT 2021 (presentato il 9/7/2021) mostra un Paese sfiancato dalla pandemia, ma non sconfitto – Si riprenderà? (nell’economia, nella scuola, nel pubblico…)? Le svolte ecologica, digitale…ci saranno davvero? Supereremo la povertà allargatasi? Si realizzerà la “promessa” che saremo migliori di prima?

(dal Rapporto Istat 2021, l’Appendice) – “Questa ventinovesima edizione del Rapporto Annuale sulla situazione del Paese considera gli effetti dell’emergenza sanitaria sulla società e sull’economia italiane e le tendenze al recupero che stanno emergendo. La rapida evoluzione dei comportamenti che si è determinata nel 2020 è colta anche attraverso indagini specifiche presso le famiglie e le imprese, condotte nel corso della crisi. Il Rapporto analizza l’impatto della pandemia sugli andamenti demografici, proponendo un approfondimento sulla mortalità per cause, e sulla tenuta del sistema sanitario in termini di prestazioni. Esamina le tendenze del capitale umano e del mercato del lavoro con riferimento alle dimensioni di genere, territoriale e generazionale, che corrispondono agli assi d’intervento del PNRR. Analizza i punti di forza e le fragilità del sistema delle imprese nella fase di recupero, ancora non estesa all’intera economia, e il tema della digitalizzazione del sistema produttivo. Infine, considera le dimensioni degli investimenti, del livello di sviluppo delle infrastrutture e della sostenibilità ambientale, centrali nell’impianto del Programma italiano e in quello europeo Next Generation – EU. (vedi il RAPPORTO ISTAT 2021: https://www.istat.it/it/archivio/259060) (nell’immagine: copertina del Rapporto Istat 2021)

……………………………………….
Il RAPPORTO ISTAT annuale 2021 sulla situazione del Paese lo ha presentato venerdì 9 luglio 2021, a Roma a Palazzo Montecitorio, il presidente dell’ISTAT GIANCARLO BLANGIARDO (nella foto)

ISTAT, L’ITALIA POST PANDEMIA: «CONSUMI AL MINIMO MAI COSÌ BASSI DAL DOPOGUERRA»

di Alessandra Arachi, da Corriere.it del 9/7/2021 https://www.corriere.it/

– Presentato alla Camera il ventinovesimo rapporto dell’Istituto nazionale di statistica. Il presidente Giancarlo Blangiardo: «Lo scenario di un paese che comincia a riprendere ritmi e tempi di vita vicini alla normalità» –

   È un’Italia che, inevitabilmente, nel 2020 risente di tutti gli influssi negativi della pandemia, dal crollo delle nascite al crollo dei consumi, alla forte crescita della povertà assoluta, ma che può guardare con fiducia al futuro grazie all’impatto positivo del Pnrr sul Pil, una ripresa che attraverso una «simulazione» vede un «innalzamento del livello del Pil, rispetto allo scenario base tra il 2,3 e il 2,8». Lo afferma l’Istat nel suo ventinovesimo rapporto annuale presentato il 9/7/2021 alla Camera dal presidente Giancarlo Blangiardo: «Lo scenario di un paese che comincia a riprendere ritmi e tempi di vita vicini alla normalità. Nel 2020 il Pil è tornato a livelli del 1998» (Alessandra Arachi, da Corriere.it del 9/7/2021)

dal Rapporto Istat 2021 (CLICCARE SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRLA)

CONSUMI AL MINIMO MA ITALIANI «FORMICHE»

Nel 2020 il reddito disponibile delle famiglie si è ridotto del 2,8% (-32 miliardi) e i consumi finali hanno subito una caduta di dimensioni molto più ampie (-10,9%) mai registrate dal dopoguerra. La spese dei beni e dei servizi è crollata del 19,3%. Il calo dei consumi riguarda soprattutto le famiglie più abbienti (-9%) che solitamente spendono di più per viaggi, ristoranti, abbigliamento calzature, cultura e spettacoli, i settori cioè che hanno risentito maggiormente della crisi. Tuttavia gli italiani si sono comportati come «formiche» e la propensione al risparmio è quasi raddoppiata, salendo al 15,8% rispetto all’8,1% dell’anno precedente. Nel 2020, inoltre, c’è stata una forte crescita della povertà assoluta, salita al 7,7% dal 6,4% del 2019. La povertà assoluta ha riguardato quindi oltre 2 milioni di famiglie e più di 5,6 milioni di persone. (Alessandra Arachi, da Corriere.it del 9/7/2021)

dal Rapporto Istat 2021 (CLICCARE SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRLA)

CROLLO DEI MATRIMONI E DELLE NASCITE

La pandemia ha portato inevitabilmente a un crollo dei matrimoni, -97 mila di meno, un calo eccezionale, quasi il doppio rispetto al 2019. Nel 2020 si è registrato inoltre il «nuovo minimo storico di nascite dall’Unità d’Italia» e il numero massimo «di decessi dal secondo dopoguerra». I nati da popolazione residente sono stati 404.104 in diminuzione del 3,8% rispetto al 2019, e di quasi il 30% sul 2008 (anno più recente con il massimo delle nascite). A marzo del 2021 si osserva «una prima inversione di tendenza» (+3,7% rispetto allo stesso mese del 2020, soprattutto da genitori non sposati). Nel 2020 il totale dei decessi è stato di 746.146. Dice il presidente Blangiardo: «Nel 2020 il calo della popolazione è stato più della metà che in sei anni». La speranza di vita è scesa a 82 anni, ovvero ben 1,2 anni in meno rispetto al 2019. In leggero recupero le nascite nel primo trimestre del 2021: ha riguardato soprattutto le donne con almeno una laurea (+8,6%). (Alessandra Arachi, da Corriere.it del 9/7/2021)

dal Rapporto Istat 2021 (CLICCARE SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRLA)

LA FRAGILITÀ DEI NOSTRI GIOVANI

Non è rosea la situazione dei giovani nel nostro paese. Nel 2020 sono stati 2,1 milioni di giovani tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano, (i cosiddetti «Neet»), ovvero quasi uno su quattro di questa fascia di età (il 23,3%) e in aumento di oltre 2 punti rispetto al 2019. Inoltre il nostro Paese si pone al penultimo posto nella graduatoria Ue27 di laureati tra i 30 e i 34 anni: 27,8% contro una media europea del 40%. Nel 2020 il 13,1 % dei giovani tra i 18 e i 24 anni (contro il 10,1 in Europa) ha abbandonato precocemente gli studi avendo raggiunto al massimo la licenza media. La crisi pandemica ha influito anche alla diminuzione del tasso di occupazione dei giovani tra i 18 e i 24 anni (dal 35,4% del 2019 al 33,2% del 2020). (Alessandra Arachi, da Corriere.it del 9/7/2021)

dal Rapporto Istat 2021 (CLICCARE SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRLA)

……………………………………………

dal Rapporto Istat 2021 (CLICCARE SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRLA)

………………………………..

RAPPORTO ISTAT 2021: SFIANCATI MA NON SCONFITTI

di Giuseppe Trapani, blog da IL RIFORMISTA (https://www.ilriformista.it/blog/ ), 9/7/2021

   Un paese sfiancato dalla pandemia ma non sconfitto – per citare un esortazione sapienziale – continuamente in stato di “crisi” e alla ricerca di una traiettoria riformista. 

   Il rapporto istat 2021 presentato alla Camera dei Deputati traccia un quadro organico fornendo una cartina di tornasole per istituzioni e media ad indicare una mission (e speriamo una vision) al paese Italia. 

Partiamo dal fatto che soprattutto in tempi di pandemia con la sua intrinseca interdipendenza tra emergenze (sanitaria, economica, sociale) è emersa tutta l’urgenza – detta in sintesi – di separare ma non contrapporre i fatti (e i numeri) dalle opinioni/interpretazioni, polarità  che in questi anni di diffusione di bufale e fake news si sono spesso sovrapposte fino a confondersi con esiti devastanti.

   In questo senso – come spiega il filosofo Remo Bodei – questo bombardamento non prevede alcun confronto sulle idee, non ne contempla l’analisi né, tanto meno, produce forme di discussione, ecco che «tutte le opinioni diventano equivalenti. Non a caso si è parlato di “infodemia” ovvero di bulimia informativa nel flusso della “total audience”, sindrome dalla quale non si distingue il vero dal presunto, il puntuale dall’errore.

   L’emergenza sanitaria (e la crisi economica e sociale che ne è seguita) ha  reso ancora una volta chiaro perciò quanto sia vitale il ruolo dell’informazione statistica all’interno dei processi decisionali complessi, quale presupposto per scelte consapevoli e fondate sulla conoscenza. La crisi legata all’emergenza sanitaria – si legge nel report – ha aggravato molte delle disuguaglianze strutturali che già caratterizzavano il nostro Paese, a partire da quelle riguardanti l’istruzione

   Ne cogliamo una considerazione significativa poiché sta qui uno dei principali “nodi” culturali ancora non del tutto “processati” in questi anni di globalizzazione ovvero come trovare una quadra nel rapporto tra quantità e qualità delle informazioni ricevute a qualità dell’elaborazione e del discernimento delle stesse.

   Ci ricordiamo la famosa differenza – alle elementari – tra lordo, netto e tare? Ebbene torniamoci su a sapremo di cosa stiamo parlando.  La cronaca di questi anni ci offre due esempi – seppur antipatici  per alcuni lettori ma drammaticamente veri  – di quel che molti chiamano  “deficit di competenze” nel nostro paese: il primo riguarda l’analfabetismo funzionale dove l’Italia è ai primi posti (il 4°) dell’area Ocse per la maggiore incidenza di adulti con problemi di corretta comprensione delle informazioni (fanno peggio solo Indonesia, Turchia e Cile). Speculare a questo terribile dato la mediocre competitività nello spettro delle performances (concorsi pubblici, colloqui tecnici nelle aziende).

   In fatto di crescita (non solo volumi e fatturati) l’Italia rimane paradossalmente un allievo che non mette a frutto le capacità, insomma è bravo ma non si applica.

   Ne viene fuori una bella fetta di classe dirigente composta da battitori liberi con poca coscienza di sé e del proprio rapporto con la collettività. E più in generale, viviamo in un contesto di comunità destrutturata, devitalizzata, a tratti egoista e che si aggrappa alle (poche) esperienze unitive per definirsi una cosa sola.

   Ci sono segnali di ripresa? Sì ma il rischio è che quest’anno ci porti ad un rimbalzo in qualche modo episodico ma non come premessa per una ripresa strutturale.

   Bisognerà partire dai fondamentali come la scuola, la crescita demografica, i giovani, il merito.  

   La lettura del Rapporto Istat dunque non è roba solo da addetti ai lavori ma – a mio modesto avviso – un vademecum rigoroso su cui basare il discorso pubblico dei problemi del paese e poter dire con il presidente dell’Istat che il nostro è un paese che comincia a riprendere ritmi e tempi di vita vicini alla normalità (Giuseppe Trapani)

Leggi il Rapporto Istat 2021 qui 

 

ISTAT rapporto 2021 (immagine tratta da il RIFORMISTA)

……………………………..

SCUOLA, DISUGUAGLIANZA E DISABILITÀ: COSA È ACCADUTO IN ITALIA NEL 2020?

da https://www.infodata.ilsole24ore.com/, 9/7/2021

   E’ stata presentata venerdì 9 luglio la ventinovesima edizione del Rapporto Annuale di Istat che analizza la situazione emersa dall’emergenza sanitaria e ne considera gli effetti sulla società e sull’economia italiana. L’attenzione quest’anno si è concentrata nell’analisi dell’impatto sull’economia del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) da 235 miliardi. Come Info Data abbiamo scelto tre numeri su scuola che descrivono bene quello che è accaduto a scuola nel drammatico prima anno del Covid-19. 

– 600mila

Dad non seguita dall’8% degli studenti. Tra aprile e giugno 2020, l’8% degli iscritti (600mila studenti) delle scuole primarie e secondarie non ha partecipato alle video lezioni, con un minimo di esclusi al Centro (5%) e un massimo nel Mezzogiorno (9%). Più alta la quota di esclusi nella scuola primaria (12%), più bassa nella secondaria di primo (5%) e secondo grado (6%)”.

– 430mila

Richieste di dispositivi per la didattica

Secondo l’Istituto di statistica “circa 430mila ragazzi, pari al 6% degli studenti, hanno fatto richiesta di dispositivi informatici tra aprile e giugno 2020, con punte in Basilicata e in Calabria (rispettivamente 15% e 11%)”.

– 1,7 milioni

Gli studenti che non hanno perso lezione. Tra marzo e giugno 2020 – dice l’Istat – solo 1,7 milioni bambini e ragazzi di 6-14 anni (33,7%) hanno fatto lezione tutti i giorni e con tutti gli insegnanti; si arriva a 2 milioni 630mila (circa il 52%) se si includono quelli che hanno dichiarato lezioni con la maggioranza dei docenti”. “Gli alunni con disabilità che non hanno partecipato alle video lezioni – prosegue – raggiungono il 23,3% (29% nel Mezzogiorno); la quota di non partecipazione è più elevata nelle scuole primarie (quasi il 26%) e minore per le secondarie di secondo grado”. Nel 2020 – conclude l’Istat – è “forte l’aumento dei giovani con meno di 14 anni che hanno utilizzato Internet almeno una volta a settimana”. (da https://www.infodata.ilsole24ore.com/, 9/7/2021)

…………………………….

GLI ORFANI DELLA SCUOLA

di Linda Laura Sabbadini, da “la Repubblica” del 10/7/2021

   Concentrati sui nostri traumi nel nostro mondo di adulti ci stiamo occupando poco dell’impatto di questa pandemia sul mondo dei bambini. Non sono semplici ipotesi, non sono le valutazioni delle associazioni o degli insegnanti. Sono i DATI ISTAT che parlano e preoccupano, quelli presentati (venerdì 9 luglio, ndr) nel RAPPORTO ANNUALE alla Camera dei deputati dal presidente GIAN CARLO BLANGIARDO.

   Sì, perché un anno così critico per la formazione dei bambini rappresenta Continua a leggere

La SUPERSTRADA PEDEMONTANA VENETA, in funzione ora da Malo a Montebelluna, servirà alla conurbazione pedemontana vicentina-trevigiana per il predominante traffico locale? Come in origine voluto? Pare proprio di no – Un monito di “come non fare”, per le prossime opere del Recovery Fund europeo

Il tracciato della SUPERSTRADA PEDEMONTANA VENETA una volta conclusa (ora aperta da Malo a Montebelluna)

   L’apertura di uno dei tratti forse più importanti della superstrada pedemontana veneta, i 30 chilometri tra Bassano del Grappa e Montebelluna, al di là dei toni assai enfatici e tutti positivi che ci sono ad ogni inaugurazione di grande opera, buona o cattiva che sia…, questa apertura, inaugurazione, lascia perlomeno molte perplessità sulla funzionalità, l’efficacia, e il futuro utilizzo di quest’opera che è costata così tanti soldi e sacrificio territoriale.

   Viene da pensare che si poteva fare di meglio. E che adesso ci dobbiamo rassegnare ad avere un’opera non adatta a quello che era lo scopo iniziale, prioritario: cioè far circolare meglio gli abitanti della pedemontana trevigiana e vicentina, togliendo traffico alla direttrice Schiavonesca-Marosticana. Ma più avanti, nelle prossime righe, cercheremo di spiegare questa iniziale affermazione.

    Perché, prima di tutto, va detto che il momento storico attuale è importante nel nostro Paese: tra poco partiranno molti cantieri (grazie al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e ai finanziamenti europei connessi). E si vorrebbe che la trasformazione della mobilità in Italia, infrastrutturale, logistica, geografica, avvenga con opere effettivamente utili, necessarie e, in ogni caso, che risolvano veramente le carenze per le quali sono state pensate. E cioè: 1-superare la difficoltà a muoversi da un luogo all’altro; 2-aiutare zone marginali a collegarsi economicamente ai centri; 3-non impattare sul territorio e sull’ambiente e perlomeno trovare la migliori forme di mitigazione per non danneggiare popolazioni e ambienti di pregio; 4-inquinare di meno o per niente…..

    E così la superstrada pedemontana veneta a nostro avviso può essere un esempio di come non dev’essere fatta una strada per rispettare e assolvere ai compiti che ci si aspetta da opere di così grande rilevanza. Innanzitutto va rilevato che è “superstrada” solo di nome: a detta di tutti (anche di chi la ha così voluta e costruita), nella conformazione, nella segnaletica, specie poi nei caselli… è un’autostrada; e costruita con un metodo tradizionalissimo ormai superato dai tempi, in tutto il mondo. Ci riferiamo alla sua “rigidità”, ai caselli autostradali anziché a forme automatizzate di esazione del pedaggio (bastavano dei portali e con pagamenti anche addebitabili nei telefonini degli automobilisti, o con lettura automatica della targa….) (lo spreco territoriale di costruire i caselli è enorme: far convogliare le corsie di traffico in un unico luogo richiede una grande quantità di terreni, di ettari utilizzati).

   Inoltre i caselli autostradali che ci saranno nella SPV, nei 95 chilometri quando sarà completata coi rimanenti 35 chilometri (in tutto i caselli saranno 14) mostrano che non può collegarsi con la maggior parte delle strade nord-sud di una certa importanza che la SPV incontra nel suo percorso est-ovest.

   I progetto politico originario era di fare una strada che fosse nient’altro che la “variante” all’attuale strada Schiavonesca-Marosticana: cioè in pratica si chiedeva di costruire un continuum di circonvallazioni per tutti i centri della pedemontana veneta; una “grande circonvallazione” connessa con tutte le strade provinciali e comunali di un certo interesse che la intersecavano. Ne è invece uscita un’autostrada con, come dicevamo, caselli tradizionali che niente hanno a che vedere con la viabilità locale, intercomunale; viabilità locale che risulta essere l’80% del traffico attuale. Pertanto la SPV a niente servirà al traffico da un comune all’altro.

   L’assoluta rigidità di quest’opera, ripetiamo, con i suoi caselli autostradali, è peraltro dimostrata dalla necessità di essere contornata in futuro di una sessantina di chilometri di nuove opere di adduzione (altre strade di collegamento, rotatorie, cavalcavia, sottopassi, etc…..da fare) per risolvere i problemi di viabilità che ci saranno nei comuni interessati dai caselli (e già i sindaci dei comuni temono un aumento di traffico di passaggio nei propri centri, si stanno preoccupando…). Un’opera che da opportunità per dei territori diviene una servitù di passaggio.

   Il collegamento facilitato da un comune all’altro significa che, geograficamente, la conurbazione data dall’area pedemontana trevigiana e vicentina rappresenta oramai da molto tempo di fatto un’unica area metropolitana: data da un’urbanizzazione diffusa (e molto confusa…), e con relazioni continue ed affollate tra frazioni, paesi, zone rurali, cittadine, tragitti casa-lavoro, zone industriali e produttive, uffici pubblici, terziario, servizi scolastici, strutture sanitarie…. che si intrecciano tra loro in un dialogo costante, quotidiano, e che avrebbero bisogno di una viabilità connessa da luogo a luogo, a pettine con l’esistente; e che il progetto di una “circonvallazione” variante alla strada regionale 248 aveva ben previsto nel piano di traffico regionale del 1990 (e che invece adesso, dopo più di trent’anni, ci ritroviamo con la SPV, che nulla ha a che vedere con questa necessità).

   Fallito così il progetto originario, resta un’opera che però il Veneto, i veneti, si dovranno accollare pure finanziariamente (e non solo per i pedaggi quasi il doppio delle odierne autostrade) per i prossimi 39 anni di concessione alla società che la ha realizzata e la gestirà (visti i livelli mediocri di traffico prevedibili rispetto all’impegno finanziario). Così che noi e le future generazioni ci sobbarcheremo un costo che da quello odierno di costruzione di quasi 3 miliardi, nei 39 anni di gestione privata arriverà a 12 miliardi di euro.

  Convinti poi, come siamo, che, come accade sempre con le grandi opere, brutte e/o inutili, che “ci faremo l’occhio”, ci si rassegnerà all’esistenza di questa cosa; magari ci servirà ogni tanto per andare lontano (o al nuovo centro commerciale fuori da casello!), mantenendo inalterati i disagi del traffico locale da comune a comune nella nostra quotidianità.

   Questo per dire che se grandi opere nasceranno nei prossimi mesi e anni (fino al 2026) con il Recovery Fund europeo, è auspicabile di non commettere gli errori che stanno portando alla realizzazione finale, così com’è, della superstrada pedemontana veneta. (s.m.)

Superstrada pedemontana veneta

L’ITALIA (e l’EUROPA) con i MIGRANTI necessari per svolgere SERVIZI ESSENZIALI (dal CIBO al WELFARE). Un Paese, il nostro, con un tasso demografico in caduta libera cui servirebbero giovani, nuove generazioni. E’ possibile una società multietnica con “NUOVI ITALIANI” superando la psicosi dell’invasione?

MIGRANTI. L’ULTIMO NAUFRAGIO NEL MEDITERRANEO. Ecco i volti degli scomparsi (foto da www.avvenire.it/ del 27/4/2021)

   L’arrivo di immigrati, di persone che fuggono da paesi poveri verso l’Europa e altri paesi considerati ricchi (dove si è sicuri di vivere meglio); la preoccupazione di un’ “invasione” che faccia dire che “non c’è posto per tutti”…. tutto questo è pensabile che sarà una problematica che caratterizzerà i prossimi 10, 20, 30 anni, 40… e chissà fino a quando.

Crisi ambientale e migrazioni forzate. Difendere il Pianeta non i confini (foto da https://asud.net/ )

   Processi di sviluppo e miglioramento delle condizioni di vita in Africa è possibile che avvengano, che popolazioni di determinate aree geografiche riescano a superare la povertà: ma magari ci saranno conflitti civili, guerre per il potere (non basta un miglioramento economico…), oppure condizioni ambientali (come la crescita verso nord dei deserti, delle zone aride) che incentiveranno l’emigrazione.

LA ROTTA DEI MIGRANTI VERSO LA LIBIA (foto da “il Corriere della Sera” del 22 aprile 2021)

   Finora l’Europa ha mostrato tutte le sue difficoltà e paure ad affrontare con equilibrio l’arrivo di immigrazione dal Sud cosiddetta “clandestina”: perlopiù sponsorizzando dittatori (Erdogan) e paesi dove non esistono diritti alla persona (la Libia) per “fermare” i profughi, gli emigranti clandestini, creare muri. Oppure, nel corso degli anni, regolarizzando quello che non si voleva all’inizio: “accorgendosi” che quelli stranieri arrivati nel nostro Paese e di fatto assimilati (solo alcuni integrati) fanno lavori che ci sono utili, e anche a buon prezzo (a volte di fatto un vero schiavismo, come descritto nel libro di Valentina Furlanetto che in questo post proponiamo).

NOI SCHIAVISTI – COME SIAMO DIVENTATI COMPLICI DELLO SFRUTTAMENTO DI MASSA, di VALENTINA FURLANETTO – ed. LATERZA, maggio 2021, euro 16,00 – L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro. Soprattutto sul lavoro dei para-schiavi, uomini e donne senza diritti che mandano avanti gran parte della nostra economia. Un libro inchiesta durissimo, che farà molto discutere.

   La situazione politica europea poi, in questo momento, non lascia presuppore a niente di buono sul fronte immigrazione. C’è il blocco dei paesi di Viségrad (Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia), ma anche Ungheria ed Austria, da sempre contrari all’accoglienza; e paesi che negli anni passati si erano mostrati più solidali nell’accoglienza ai migranti, come Germania e Francia, che sono entrambi alle prese con scadenze elettorali strategiche, importanti per non far rinascere destre omofobe (la Merkel che lascia, Macron che deve affrontare il secondo mandato presidenziale con la Le Pen che cresce nei voti…)

   Pertanto, siccome politiche migratorie umanitarie fanno perdere le elezioni, persisterà in Europa la linea di far bloccare il flusso migratorio con accordi coi principali paesi di origine e transito per bloccare le partenze: appaltare a un dittatore come Erdogan e ai torturatori libici la gestione dei flussi migratori verso l’Europa. Ma è giusto questo?

Tante ore di lavoro e poco denaro, immigrati sfruttati nei campi (foto da www.avvenire.it/ )

   In questo momento storico, presente, nel calendario di primavera e di prossina estate, aumentano e aumenteranno gli sbarchi di immigrati dal Mediterraneo… e si riparla della rotta balcanica (peraltro mai fermatasi, anche nel freddo inverno, con condizioni disumane di profughi bloccati in Bosnia). Prepariamoci a ulteriore tragedie, augurandoci che perlomeno sia data libertà di movimento a quelle navi delle Ong che attuano salvataggi di emergenza (quando possono, quando arrivano in tempo…). Ma così non va bene; è tutto disumano.

Le rotte balcaniche (fonte: borderviolence.eu)

   Il senso di questo post è il tentativo di capire come uscirne da un processo comunicativo e politico che pare si riproporrà inalterato nei prossimi decenni chissà fino a quando. Esiste una prospettiva in inserimento “pacifico” ed equilibrato di così tanti migranti (ma che in realtà tutto è, ma non un’invasione di massa come molti vogliono fare credere)? …la maggior parte, dei migranti, più che propensi ad integrarsi, e ad occupare lavori che gli “indigeni” (gli italiano doc, gli europei…) non fanno?…. E siamo pronti a riconoscere ad essi migranti uguali diritti (e doveri) per un’integrazione naturale loro e dei loro figli? (come pare sia abbastanza avvenuta con i primi arrivati da noi nei decennio a partire dal 1990)

   E se la situazione demografica italica è in grave crisi, perché non pensare che più bambini immigrati, o nati e che nasceranno qui, non solo abbiano diritto alla cittadinanza (lo jus soli), ma anche che il loro esserci possa essere il frutto per “noi” di un “sano egoismo”: cioè i bambini possano ravvivare il sistema scolastico, nuovi italiani per un domani; e gli adulti “utili” a partire dai lavori necessari, e poi in seguito in tutte le nostre attività economiche, sociali, e della società in generale? (s.m.)

………………………….

da AVVENIRE, 27 APRILE 2021

MIGRANTI. L’ULTIMO NAUFRAGIO NEL MEDITERRANEO: ECCO I VOLTI DEGLI “SCOMPARSI”

di NELLO SCAVO, 27/4/2021, da AVVENIRE https://www.avvenire.it/ )

– Lasciati morire in mare o riportati nelle prigioni. Ora alcune foto raccontano chi erano i 130 dispersi del 21 aprile scorso: hanno atteso per due giorni che qualcuno li soccorresse –

   Per chinarsi in direzione della Mecca danno le spalle al mare. Ma è dalla parte opposta che hanno l’appuntamento con i sogni e con gli incubi, ammesso che con il mare in tempesta e il buio della notte si possa ancora sognare. E’ questa l’ultima immagine degli ultimi desaparecidos del Mediterraneo.

   Abbandonati senza soccorso. Fatti sparire dai ragionieri delle vite a perdere: i trafficanti che li hanno dati in pasto al mare sapendo che quella notte il Mediterraneo non avrebbe smesso di ruggire. Condannati dall’inerzia di quanti, per dirla con papa Francesco, “possono aiutare, ma preferiscono guardare da un’altra parte”.

Desaparecidos perché di loro non si sa nulla. Perché vuol dire, letteralmente, “fatti sparire”. Nelle immagini che pubblichiamo ci sono i volti di molti dei ragazzi affogati, ma altri potrebbero essere adesso in un campo di prigionia e non c’è modo per le famiglie di sapere se i loro figli sono tra i sepolti vivi nei luoghi dell’orrore quotidiano, o perduti per sempre da qualche parte in fondo al mareSanno che quel giorno sono partiti tutti insieme, ma non sanno chi di loro è ancora vivo da qualche parte. Come sempre le autorità tripoline non forniscono informazioni. Non c’è modo di identificare i vivi, figurarsi i morti.

   Il 21 aprile, quando hanno preso il mare, erano partiti almeno due barconi. I giovani nelle foto erano in quel gruppo. Circa 250 persone sui due grandi canotti che si piegano e si afflosciano ad ogni onda. Forse per un’avaria al motore di fabbricazione cinese, un gruppo è rimasto bloccato dopo poche miglia, e i guardacoste non hanno dovuto percorrere troppe miglia per riportarli indietro e farli rinchiudere nella prigione, dove ad attenderli ci sono i tormenti che speravano di non rivivere mai più.

   Somali, sudanesi, eritrei. Inghiottiti per sempre. Non avranno diritto neanche a un nome sopra a un mucchio di terra. Perfino le poche immagini che di loro circolano, spesso non hanno un nome accanto. Però ci guardano. I due amici che avevano lavorato come operai, ma che poi sono finiti chissà come in un campo di prigionia, dove le vite dei neri si rubano per strada, anche casa per casa, per farne carne da riscatto.  Oppure i ragazzi sudanesi, in posa spavalda, di chi non ha paura di sognare, e invece quella notte si sarà forse pentito anche solo di aver sognato.

   Senza rotta né più un motore che spinge, navigare nell’oscurità a bordo di un gommone che si squassa vuol dire non sapere da dove arriverà la prossima spallata. Come nei film dell’orrore, quando sai che il mostro c’è, che ti farà male, ma non sai da dove ti prenderà: forse un’onda improvvisa da dietro, oppure un sobbalzo da prua, con il mare che travolge e spazza via, e ad ogni scossone il gommone riemerge con qualcuno in meno. Fino a che non ci sarà più nessuno a cavalcioni dei tubolari sgonfi.

Prima della partenza i trafficanti li avevano portati in una casa ben arredata per girare un video promozionale. Immagini che dovevano servire a reclamizzare i servizi delle bande di Khoms che trafficano in esseri umani. Uno spot per far credere che in fondo la sosta in Libia non è così come dicono.

Che tanto poi si parte, e nella vecchia Europa sarà una nuova vita.

   Le previsioni meteo la settimana scorsa erano tra le peggiori. Quando martedì 21 aprile il barcone è stato spinto tra le onde la nave di salvataggio più vicina navigava in direzione opposta, verso la Tunisia. Con le buone o con le cattive gli scafisti devono aver convinto i 130 a prendere il largo. Ed è stata la fine.

   I loro volti stanno ora circolando tra i figli delle diaspore di mezza Africa. Le numerose immagini sono state raccolte fra gli altri da un attivista sudanese che si fa chiamare Mohamed Musa. Mostrano i ragazzi in posa prima della partenza, oppure ripresi in abiti eleganti durante qualche cerimonia prima di lasciare i Paesi d’origine. La volontaria francese Andrea Gagne, che raccoglie testimonianze dirette di rifugiati e prova a fornire supporto legale, ha ottenuto altre foto. Succede a ogni disgrazia. E’ la prova che tutti sanno del rischio. Ma che è sempre meglio morire in balia del mare, che restare vivi in balia dei capricci degli aguzzini.

   “Se si fosse trattato di 130 morti europei o americani, la notizia sarebbe sui giornali di tutto il mondo – dice Andrea – ma poiché si tratta di migranti e rifugiati africani, allora il mondo può ignorarli”.

La ricostruzione dei fatti non smette di confermare come per lunghe ore si sia perso tempo prezioso per tentare un’operazione di salvataggio in tempo utile. La lettura delle email inviate dall’agenzia Ue Frontex fornisce nuovi dettagli.

Sono le 16.06 di giovedì 22 aprile quando Frontex risponde con una mail ad Alarm Phone, chiarendo che il giorno precedente un aereo dell’agenzia Ue per il controllo dei confini aveva avvistato il gommone segnalato dai volontari del “centralino civile”.

   La gravità della situazione è nota. Frontex precisa: “In seguito alle condizioni di pericolo della barca in distress (termine tecnico con cui si definisce l’imminente naufragio, ndr) un messaggio radio “Mayday” è stato lanciato alle navi che transitano nell’area”. Circostanza confermata dalle navi mercantili e dal ponte di comando della Ocean Viking, che aveva ascoltato il messaggio radio dall’aereo europeo Osprey: “Mayday Mayday per una barca in distress”. Poi l’indicazione delle coordinate per raggiungere i naufraghi.

   Questa volta, però, dal quartier generale di Varsavia, Frontex aggiunge un dettaglio che da solo spiega come gli avvisi precedenti fossero stati ritenuti insufficienti: “Tutti gli Mrcc nell’area (le centrali di coordinamento di soccorso, ndr) sono stati informati, incluso quello di Tripoli quale Centro di coordinamento responsabile”, per le operazioni nel mare di ricerca e soccorso libico. Otto ore prima, infatti, sempre Frontex pur essendo a conoscenza della situazione di grave pericolo nella Sar libica, in un’altra email circoscriveva il coinvolgimento dell’allerta alle sole autorità di Roma e La Valletta. “Abbiamo immediatamente ritrasmesso il messaggio di allarme (ricevuto attraverso Alarm Phone, ndr) alle autorità maltesi e italiane”, si legge in un messaggio di posta elettronica inviato alle 08,49 del mattino. Alle 07.52, infatti, Alarm Phone aveva avvertito Frontex dei rischi in mare, precisando la posizione gps ricavata dalla chiamata satellitare dei migranti, che collocava il barcone in area libica.

   Il portavoce della Marina libica, il contrammiraglio Massoud Abdelsamad, ha negato che la guardia costiera Tripoli non abbia fatto tutto il possibile per salvare le vite dei migranti.

   Nelle ultime settimane Abdelsamad ha dovuto far fronte a molte rivelazioni. Nei giorni scorsi rispondendo alle domande di Rainews che aveva ottenuto nuove prove sull’uso di armi da fuoco durante le operazioni di intercettazione dei migranti, aveva spiegato che talvolta dalla motovedette “vengono esplosi dei colpi di arma da fuoco in aria per calmare i migranti durante le operazioni di soccorso”. (NELLO SCAVO, 27/4/2021, da AVVENIRE)

…………………………

I MIGRANTI, UN’EMERGENZA UMANITARIA

di Roberto Saviano, da “il Corriere della Sera” del 12/5/2021

   L’emergenza migranti c’è, ma non nei termini in cui viene raccontata, perché non è emergenza invasione ma emergenza umanitaria e l’Italia, insieme all’Europa, ancora una volta non sembra essere sulla strada giusta.

   Da un lato va sottolineata con forza la assoluta necessità di salvare migranti in mare, dall’altro bisogna mostrare lungimiranza e pragmatismo ammettendo, una volta per tutte, che l’immigrazione, per un Paese demograficamente morto come l’Italia, è una benedizione e una necessità.

   Benedizione e necessità da riportare immediatamente nei confini della legalità e del rispetto dei diritti umani che, al momento, Continua a leggere

L’avvelenamento da PFAS, sostanze chimiche che INQUINANO le PRODUZIONI AGRICOLE e l’ACQUA POTABILE di venti comuni veneti tra Verona, Vicenza e Padova (danneggiando il sistema endocrino, causando tumori, colesterolo e difficoltà al sistema riproduttivo), approda ora in Tribunale: si farà giustizia?

“(…) Nel nostro paese esiste UNA DELLE PIÙ VASTE CONTAMINAZIONI europee da PFAS. La lavorazione di materiale chimico necessita di GRANDI QUANTITÀ DI ACQUA e l’Italia è un paese ricco di fiumi: ne ha più di 1.200. Secondo il DOSSIER DI LEGAMBIENTE H2O. LA CHIMICA CHE INQUINA L’ACQUA, infatti, circa il 60 PER CENTO DI QUESTI FIUMI È INQUINATO e ci sono 45 sostanze che rappresentano un “rischio significativo” per (o proveniente da) l’ambiente acquatico. (…)” (Laura Fazzini, da LIFEGATE del 25/2/2021) (vedi rapporto_H2O_la-chimica-che-inquina_2020.pdf (legambiente.it) )

COSA SONO I PFAS, GLI INQUINANTI DELLE ACQUE DEL VENETO

– Nel 2013 si scoprì che un’azienda chimica aveva diffuso queste sostanze nell’ambiente: a luglio inizierà un processo –

3 MAGGIO 2021 da IL POST.IT https://www.ilpost.it/

   Dalla scorsa primavera, nelle campagne tra la provincia di Padova e la provincia di Vicenza, in Veneto, si sta costruendo un acquedotto di emergenza di circa 22 chilometri: porterà a migliaia di persone acqua non inquinata da sostanze perfluoroalchiliche e polifluoroalchiliche, più note con la sigla PFAS, che sono particolarmente presenti nel territorio di più di 30 comuni veneti. È un problema di inquinamento noto dal 2013 e per cui da luglio ci sarà un processo. La scorsa settimana sono state rinviate a giudizio 15 persone legate in vario modo alla Miteni di Trissino (Vicenza), un’azienda chimica ora fallita che per decenni aveva diffuso PFAS nell’ambiente: le accuse sono avvelenamento di acque, inquinamento ambientale e disastro innominato.

   I PFAS contengono legami tra carbonio e fluoro, tra i più forti della chimica organica. Sono questi legami a dare ai PFAS le caratteristiche per cui vengono utilizzati a livello industriale fin dagli anni Quaranta: rendono le superfici impermeabili ad acqua e grassi, sono resistenti al calore e a molti agenti chimici e hanno proprietà tensioattive, dunque sono usati per produrre carta da forno, padelle antiaderenti, indumenti pensati per stare all’aperto quando piove e schiume antincendio, oltre a cosmetici e farmaci.

 

LA FABBRICA MITENI A TRISSINO (VI) – “PROCESSO PFAS: TUTTI RINVIATI A GIUDIZIO I MANAGER DELLA EX MITENI DI TRISSINO”.Sono stati tutti rinviati a giudizio i 15 manager accusati a vario titolo di AVVELENAMENTO DI ACQUE, DISASTRO INNOMINATO, INQUINAMENTO AMBIENTALE e reati fallimentari per la ex ditta di Trissino – La decisione è arrivata al termine di tre ore di camera di consiglio dopo la quale il giudice Roberto Venditti ha preso la decisione.  IL PROCESSO davanti alla Corte d’Assise di Vicenza INIZIERÀ IL PRIMO LUGLIO 2021 – da “Green” di “Padovaoggi” del 26/4/2021 https://www.padovaoggi.it/

   I legami tra carbonio e fluoro sono anche la ragione per cui i PFAS sono molto poco degradabili, per cui una volta dispersi in un ambiente o assorbiti dal corpo umano ci restano molto a lungo: uno studio del 2016 ha stimato che ai reni umani servano dai 10 ai 56 anni per eliminare i PFAS più persistenti.

   Di PFAS ce ne sono tantissimi, più di 4.700, e per questo solo di alcuni si conoscono abbastanza bene gli effetti sulla salute umana: non è semplice studiarli perché normalmente le zone inquinate da PFAS sono inquinate anche da altre sostanze ed è difficile capire quali abbiano un legame con i problemi di salute della popolazione locale.

   I PFAS più noti sono l’acido perfluoroottansolfonico (PFOS) e l’acido perfluoroottanoico (PFOA); quest’ultimo è la sostanza di cui si parla nel film del 2019 Dark Waters, che racconta un caso di inquinamento ambientale causato dalla grande azienda chimica DuPont in West Virginia. Sia il PFOS che il PFOA sono ritenuti cancerogeni e tossici, a seconda dell’esposizione, per alcuni organi e per embrioni e feti; in particolare hanno effetti negativi sull’apparato endocrino, cioè sulle ghiandole che producono gli ormoni.

   Per questo dai primi anni Duemila le due sostanze sono state sempre più sostituite da altri PFAS, in particolare da acidi polifluoroalchilici (e non perfluoroalchilici), che però sono a loro volta molto persistenti. (da IL POST.IT)

COSA SONO I PFAS? – 12/6/2017 – da http://scienzamateria.blog.tiscali.it/?doing_wp_cron – Una famiglia di COMPOSTI CHIMICI POLI E PERFLUORATI UTILIZZATI IN MOLTI SETTORI INDUSTRIALI, soprattutto per la produzione di materiali resistenti ai grassi e all’acqua. Sono molecole caratterizzate da un forte legame tra fluoro e carbonio che le rende difficilmente degradabili, perciò SI ACCUMULANO NELL’AMBIENTE E POSSONO FACILMENTE PASSARE NEI VIVENTI interferendo anche in modo grave con il loro metabolismo

   Dei PFAS in Veneto si parla dal 2013, anno in cui il Consiglio nazionale delle ricerche (CNR) e il ministero dell’Ambiente fecero una ricerca su potenziali inquinanti «emergenti» nei principali bacini fluviali italiani: lo studio rivelò la presenza di PFAS in acque sotterranee, superficiali e potabili, e un inquinamento elevato di queste sostanze nelle province di Vicenza, Padova e Verona.

   Nei comuni vicentini di Brendola, Lonigo e Sarego fu trovata la concentrazione più alta: pari a 1,2 microgrammi per litro. In generale nel bacino del fiume Fratta fu trovato più di 1 microgrammo per litro di PFOA e più di 2 microgrammi per litro di PFAS; il composto più presente era l’acido perfluorobutansolfonico (PFBS), che già da un po’ di tempo era usato al posto del PFOS. (da IL POST.IT)

“(…) I PFAS contengono legami tra carbonio e fluoro, tra i più forti della chimica organica. Sono questi legami a dare ai PFAS le caratteristiche per cui vengono utilizzati a livello industriale fin dagli anni Quaranta: rendono le SUPERFICI IMPERMEABILI AD ACQUA E GRASSI, sono resistenti al calore e a molti agenti chimici e hanno proprietà tensioattive, dunque sono usati per produrre CARTA DA FORNO, PADELLE ANTIADERENTI, INDUMENTI pensati per stare all’aperto quando piove e SCHIUME ANTINCENDIO, oltre a COSMETICI e FARMACI. (…)” (da IL POST.IT https://www.ilpost.it/, 3/5/2021) (FOTO da http://www.greenme.it/)

   Nel 2013 non esistevano limiti di legge per queste sostanze nell’acqua potabile, né a livello italiano né europeo; nemmeno l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) aveva raccomandazioni in merito.  Tuttavia l’alta presenza di PFAS nell’acqua potabile spinse le autorità a intervenire: cominciarono ulteriori indagini e nel giro di pochi mesi furono introdotti dei filtri speciali negli impianti di trattamento delle acque per ridurre la presenza di PFAS, secondo le indicazioni date dal ministero della Salute. Poi si cominciarono a progettare degli acquedotti emergenziali per prelevare l’acqua destinata alle case da fonti non inquinate; tra questi c’è la condotta di 22 chilometri attualmente in costruzione, che collegherà i comuni di Ponso (Padova), Montagnana (Padova) e Pojana Maggiore (Vicenza). (da IL POST.IT)

PFAS IN VENETO (MAPPA ARPAV, DIFFUSIONE DELL’INQUINAMENTO) – “La sola zona rossa è un’area vasta tra i 150 e i 200 km quadrati, che comprende almeno 79 comuni tra le province di Verona, Vicenza e Padova; ci abitano circa 350mila abitanti. «Ma i contaminati da Pfas sono molti di più», secondo Giuseppe Ungherese, responsabile della campagna Stop PFAS di Greenpeace: «Recentemente, cittadini di comuni non inseriti nella zona considerata a rischio, hanno scoperto di avere alti livelli di Pfas grazie ad analisi fatte di propria iniziativa. È verosimile quindi che il problema sia più esteso di quanto si possa immaginare».(…)” (Sara Milanese, da “Il Manifesto” del 10/1/2018)

   Già nel 2013 si stabilì che la principale fonte di inquinamento da PFAS della zona era lo stabilimento della Miteni di Trissino: i PFAS venivano diffusi attraverso gli scarichi industriali nelle fogne, nel vicino torrente Poscola e nella falda sotterranea. Alla società fu chiesto di prendere provvedimenti immediati per ridurre l’inquinamento.

   La Miteni aveva uno stabilimento a Trissino dal 1968. La società era nata, col nome di RiMAr, come centro di ricerca per l’azienda tessile Marzotto, poi però cambiò proprietà: nel 1988 fu rilevata da EniChem, la divisione petrolchimica di Eni, e dall’azienda giapponese Mitsubishi, che le cambiarono nome in Miteni. Nel 1996 Mitsubishi comprò le azioni di EniChem e nel 2009 vendette l’intera società al gruppo Icig, che ha sede in Lussemburgo e possiede varie aziende farmaceutiche e chimiche. (da IL POST.IT)

Associazione MAMME NO-PFAS (foto da http://www.osservatoriodiritti.it)

   La scoperta dell’inquinamento da PFAS diede il via a varie inchieste giudiziarie sulla Miteni e nel giro di qualche anno la società si trovò in difficoltà «per i molti oneri derivanti dai problemi ambientali» che avevano «inciso in modo importante sul bilancio», e non riuscì a trovare finanziamenti dalle banche locali «preoccupate per la reputazione della società a seguito delle polemiche»: per queste ragioni nel 2018 la Miteni dichiarò fallimento.

   Il processo inizierà il primo luglio e avrà per imputati dirigenti della Mitsubishi, della Icig e della Miteni stessa. Si svolgerà a Vicenza: gli accusati avevano chiesto che fosse spostato a Trento, sostenendo che i magistrati vicentini potessero essere influenzati dal fatto di essere residenti nel territorio inquinato, ma la richiesta è stata respinta. (da IL POST.IT)

CICLO DEI PFAS (immagine da www.microbiologiaitalia.it/) – PFAS, LA REGIONE VENETO BATTUTA AL TAR: DEVE CONSEGNARE I DATI SULLA CONTAMINAZIONE DEGLI ALIMENTI A GREENPEACE E ALLE MAMME NO PFAS – La Regione Veneto ha tentato inutilmente di non rendere pubblici i DATI SULLA CONTAMINAZIONE DA PFAS NELLA CATENA ALIMENTARE. Ma il Tribunale amministrativo regionale, accogliendo due ricorsi presentati da GREENPEACE e dalle MAMME NO PFAS, l’ha condannata a mettere a disposizione dei due movimenti i DOCUMENTI relativi alle INDAGINI SUGLI ALIMENTI che potrebbero essere stati contaminati dalle sostanze perfluoroalchiliche.(…) (di Giuseppe Pietrobelli, da “Il Fatto Quotidiano” del 10/4/2021)

   Nell’Unione Europea l’uso di PFOS è limitato da un regolamento del 2019 che in futuro riguarderà probabilmente anche il PFOA. Di entrambi si dovrebbe eliminare la produzione e l’uso secondo la Convenzione di Stoccolma sugli inquinanti organici persistenti, un accordo internazionale che è in vigore dal 2004 ma che l’Italia, unica tra i firmatari europei, non ha ancora ratificato. A novembre il governo ha approvato un disegno di legge per farlo, che ora è in attesa di essere approvato dal Parlamento. (da IL POST.IT)

PFAS rilevati in Italia

   Intanto a gennaio è entrata in vigore una nuova direttiva europea sull’acqua potabile che dovrà essere adottata come legge negli stati membri dell’Unione Europea nel giro di due anni: stabilisce che nell’acqua potabile possano essere presenti al massimo 0,5 microgrammi per litro di PFAS in generale o al massimo 0,1 microgrammi per litro di una selezione di PFAS, tutte sostanze perfluoroalchiliche tra cui il PFOS e il PFOA. In Veneto dal 2017 si osservano dei limiti più stringenti: 0,03 microgrammi per litro per il PFOS e 0,09 microgrammi per litro per il PFOS e il PFOA insieme. In molti paesi della provincia di Vicenza comunque si preferisce bere l’acqua in bottiglia. (3/5/2021 da IL POST.IT https://www.ilpost.it/)

PFAS: SIT-IN DEI COMITATI DAVANTI ALLA PROCURA DI VICENZA

…………………….

PERCHÉ L’ITALIA NON LIMITA LE SOSTANZE CHIMICHE PFAS CHE AVVELENANO LE NOSTRE ACQUE?

di LAURA FAZZINI, da LIFEGATE del 25/2/2021 (https://www.lifegate.it/)

– Non sono bastati disastri ambientali ed emergenze sanitarie: l’Italia non ha ancora posto limiti alle sostanze pericolose Pfas –

(…)Quali e quanti limiti mettere alla grande famiglia dei Pfas, composti chimici definiti a livello mondiale forever chemicals, non degradabili naturalmente e ritenuti tossici per l’ambiente e l’uomo, molti già elencati nella lista delle sostanze “estremamente preoccupanti” dell’Agenzia europea delle sostanze chimiche (Echa).

   Nel nostro paese esiste una delle più vaste contaminazioni europee da Pfas, dove vengono prodotti per la lavorazione delle pelli, che le rende impermeabili, diverse parti delle automobili e centinaia di altri prodotti di vita quotidiana come le padelle antiaderenti, la sciolina fino alle attuali mascherine chirurgiche. Sostanze tossiche rilasciate negli scarichi e non ancora normate a livello legislativo, libere quindi di immettersi nei fiumi, nei terreni, nelle rete idriche fino ai cibi che mangiamo.

   Gruppi ambientalisti VENETI e PIEMONTESI che da anni combattono contro l’inquinamento idrico dovuto agli sversamenti nei fiumi del nord Italia che hanno causato emergenze ambientali, e nato dopo anni di lavoro delle Agenzie regionali per l’ambiente (Arpa), l’Istituto superiore di sanità (Iss) e l’Istituto superiore per la protezione e ricerca ambientale (Ispra). Continua a leggere

Il PNRR (piano nazionale di ripresa e resilienza) di 191,5 miliardi di euro di fondi europei, è un piano di vera transizione ecologica? Oppure è solo un ammodernamento di uno sviluppo che resta insostenibile? – Quel che appare è che è un grande piano, ma dovrà essere ben migliorato negli interventi che ci saranno

«WHATEVER IT TAKES» (in italiano “Tutto ciò che è necessario” o anche “Costi quel che costi”) è una famosa frase in lingua inglese che il governatore della Banca Centrale Europea MARIO DRAGHI pronunciò il 26 luglio 2012, nell’ambito della crisi del debito sovrano europeo, per indicare che la BCE avrebbe fatto appunto “tutto il necessario” per salvare l’euro da eventuali processi di speculazione. (da Wikipedia) – PNRR, 26 aprile 2021, per GREENPEACE il Piano di Draghi è «UNA MEZZA SVOLTA VERDE» – «Con uno spazio davvero troppo esiguo per un serio dibattito pubblico e senza le schede progettuali da cui si potrebbe capire di più, il Pnrr presenta qualche novità di rilievo ma ancora diversi limiti» (nella foto: presidio di Greenpeace a Montecitorio)

   Il PNRR (piano di ripresa e resilienza), o Recovery Plan più semplicemente chiamato, che il nostro governo ha presentato il 30 aprile scorso alla Commissione europea, è cosa assai complessa: prevede la messa in moto dello sviluppo di tutto il Paese, ma è rivolto un po’ a tutti i paesi europei; cioè riguarda l’Europa del post pandemia (almeno, se presto finirà il covid…).

PNRR, DRAGHI presenta il Piano alla Camera dei deputati (26/4/202): “NON SOLO PROGETTI: C’È IL DESTINO DEL PAESE”

   Per l’Italia ci sono complessivamente a disposizione 222 miliardi tra i fondi europei del Recovery Plan (191,5 miliardi), ma anche delle risorse nazionali (circa 30 miliardi). Sono sei le aree di intervento individuate: digitalizzazione e innovazione; transizione ecologica (cui va il 30% del totale); infrastrutture e mobilità; istruzione e ricerca; inclusione e coesione; salute.

   Il piano rimane, nel complesso, una grande opportunità di sviluppo e porta certamente con sè aspetti positivi, come l’attenzione alla parità di genere, alle politiche giovanili, alla rivoluzione digitale; e in particolare “ufficializza” che siamo entrati nell’èra della crisi ambientale, e c’è la urgente necessità di una concreta riconversione ecologica del pianeta (e pertanto anche dell’Europa).

PNRR, CINGOLANI: RINNOVABILI e IDROGENO ma anche GAS nel futuro (v. l’intervista a “la Repubblica” qui riportata) (nella foto: Roberto Cingolani, ministro della Transizione Ecologica)

   Nel suo complesso, però, questo piano manca di una visione veramente ecologica. Questa è il giudizio delle associazioni ambientaliste; ma anche di chi sperava veramente in un cambio di rotta nello sviluppo attuale; e che in fondo, pur mettendo in moto le maggiori forze possibili, non ci saranno i cambiamenti verso una riconversione ambientale che si sperava (un “transizione ecologica” come ora si dice, dal nome del nuovo ministero, in sigla MITE, appunto MInistero per la Transizione Ecologica).

SLOW FOOD: «Questo PNRR è un piano di ammodernamento di un modello di sviluppo insostenibile, non promuove la transizione ecologica e non affronta alla radice le cause delle crisi che stiamo vivendo»: durissima la presa di posizione di Slow Food sul Piano nazionale di Ripresa e Resilienza presentato dal Governo e votato dal Parlamento. «Non riconosce limiti e responsabilità dell’attuale modello di sviluppo ed è privo di una visione sovranazionale». (foto-manifesto da www.slowfood.it)

   Ad esempio è scettica Slow Food, meritoria associazione sul cibo, l’agricoltura pulita, l’alimentazione, l’equità nord-sud del pianeta…. secondo cui questo Pnrr sarebbe “un piano di ammodernamento di un modello di sviluppo insostenibile, che non promuove la transizione ecologica che dovrebbe essere un passaggio da un modello all’altro e non un aggiustamento, pur se profondo, di un modello che si vuole perpetuare”. Il riferimento è, ad esempio, al rinnovo del parco macchine in agricoltura. Una misura che secondo il Comitato esecutivo di Slow Food Italia “può anche non voler dire nulla in termini di transizione ecologica o, addirittura, può avere effetti negativi, se dovesse tradursi nel passaggio a mezzi sempre più pesanti che compattano sempre più i suoli” (vi proponiamo in questo post l’articolo di Slow Food che parla di questo).

PNRR, ANCHE PER LEGAMBIENTE È INADEGUATO – “Sono diversi i miglioramenti apportati al Piano nazionale di ripresa e resilienza del nostro Paese elaborato dal governo Draghi. Un lavoro che però consideriamo solo all’inizio, perché il Pnrr non è pienamente coerente con le politiche europee ispirate al Green Deal e alla transizione ecologica e non è adeguato alle sfide ambiziose che la salute del Pianeta ci impone”, sono queste le prime parole di commento di STEFANO CIAFANI (NELLA FOTO), presidente nazionale di Legambiente al nuovo Pnrr (da https://www.qualenergia.it/, 28/4/2021)

   Forse giudizi un po’ ingrati e da verificare, quelli di chi esprime dapprincipio il fallimento di un cambiamento epocale nel senso di avviare nei tanti interventi previsti una nuova “epoca” ecologica. I tempi imposti dalla scadenza del 30 aprile hanno forse fatto fare in fretta di “scrivere” le proposte, non offrendo margini per una discussione e un ripensamento profondo del piano (come sempre, vien da dire, ci si prende all’ultimo momento, e questo non fa ben sperare nella realizzazione concreta del piano, prevista entro il 2026).

MAPPA DELLA RIPARTIZIONE DEI FONDI DEL RECOVERY PLAN IN EUROPA (da https://www.tgcom24.mediaset.it/)

   Insomma tante sono le perplessità, sia nella realizzazione del piano, e che si tratti poi anche di vera “transizione ecologica”. E per non parlare delle riforme che devono accompagnare il tutto (della Pubblica Amministrazione, della burocrazia, della giustizia…. con forme di semplificazione nelle procedure degli appalti che, sì, richiedono tempi certi e brevi, ma fanno temere a molti la possibilità di abusi e intromissioni mafiose).

   Tuttavia, pur avendo dubbi sul tutto (e poi, ce la farà il nostro Paese, la nostra pubblica amministrazione, gli enti comunali e statali a gestire questo grande piano??), è lo stesso da sperare che un ciclo virtuoso si realizzi. E anche sui progetti più opinabili (che in questo post vengono descritti nei vari interventi riportati), la partita non sia chiusa: ad ogni progetto, e specie ai più strategici, bisognerà controllare il modo in cui i soldi saranno effettivamente spesi, e vedere di incidere rendendolo (il progetto) conforme a una visione veramente nuova del nostro modello di sviluppo. (s.m.)

…………………………………

da SLOW FOOD:

QUESTO PNRR È UN PIANO DI AMMODERNAMENTO DI UN MODELLO DI SVILUPPO INSOSTENIBILE

27/04/2021, da https://www.slowfood.it/

– Questo Pnrr è un piano di ammodernamento di un modello di sviluppo insostenibile, non promuove la transizione ecologica e non affronta alla radice le cause delle crisi che stiamo vivendo – Secondo Slow Food il Pnrr presentato non riconosce limiti e responsabilità dell’attuale modello di sviluppo ed è privo di una visione sovranazionale –

   Si addensano molte nubi nel cielo del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. C’era da aspettarselo, tale è la posta in palio (complessivamente il Presidente Draghi parla di 248 miliardi di euro investimenti) e tali sono gli interessi solleticati da questa enorme quantità di denaro.

Pnrr, Slow Food: «Non è una strategia per la transizione ecologica»

«Quella che emerge dalla lettura del Pnrr non è una strategia per la transizione ecologica ma piuttosto un programma per l’ammodernamento del Paese. Come se all’origine delle crisi che stiamo vivendo ci fosse principalmente una condizione di arretratezza dell’Italia rispetto al contesto globale e non, invece, un problema di modello di sviluppo. La transizione dovrebbe essere un passaggio da un modello all’altro e non un aggiustamento, pur se profondo, di un modello che si vuole perpetuare. Per fare un esempio: nei capitoli dedicati all’agricoltura si propone il rinnovo del parco macchine, che può anche non voler dire nulla in termini di transizione ecologica o, addirittura, può avere effetti negativi, se dovesse tradursi nel passaggio a mezzi sempre più pesanti che compattano sempre più i suoli», afferma Francesco Sottile, a nome del Comitato esecutivo di Slow Food Italia.

Riqualificazione in salsa verde

«L’approccio del piano sembra fondarsi su una “riqualificazione dei consumi in salsa verde”. Il Pnrr, insomma, sembra essere stato partorito non avendo piena coscienza delle cause che hanno determinato la più drammatica crisi dall’ultimo Dopoguerra a oggi e rincorrendo vecchi modelli produttivistici di sviluppo conditi con parole come “digitalizzazione” (che sembra essere diventata la soluzione di tutti i mali dell’Italia), “ecodesign”, “green”: non è possibile, per esempio, che sui rifiuti si parli solo di riciclo e mai di riduzione, come pure non si capisce come in tutto il documento non compaia mai la parola agroecologia, l’unica pratica agricola che può rigenerare la terra e l’ambiente circostante», prosegue Sottile.

Manca una visione ecologica

Il piano rimane, nel complesso, una grande opportunità e porta certamente con sé aspetti positivi, come l’attenzione alla parità di genere, alle politiche giovanili, la novità delle Green communities o la riforma della pubblica amministrazione. Purtroppo, però, nel suo complesso, manca di una visione veramente ecologica, forse a causa dalla fretta con cui si è elaborato il documento, in assenza di un adeguato dibattito: «La partita si è giocata principalmente in seno al Governo e alle forze politiche, con un coinvolgimento delle parti sociali che è parso più di facciata che di sostanza, per non parlare del bassissimo livello di interlocuzione con il resto del mondo, a partire dalle organizzazioni della società civile che pure avrebbero avuto molto da dare», continua Sottile.

«Il Pnnr italiano non ha il coraggio di mettere in discussione il modello di sviluppo insostenibile che è all’origine non solo della pandemia ma di tutte le crisi sistemiche che attraversano il nostro tempo: ambientale, climatica, alimentare, demografica, migratoria, economica e sociale, finanziaria e, infine, culturale e politica.

Non si tratta solo di rimettere in moto l’economia, bensì di ripensare un modello di sviluppo in grado di riconsiderare la nostra impronta ecologica, far propria la cultura del limite, riqualificare il lavoro e le produzioni. Questa è la nostra idea di transizione ecologica».

Affrontare la crisi a livello sovranazionale

C’è poi un altro aspetto fondamentale da evidenziare. Con il Next Generation Eu, proprio per pensare alle future generazioni a partire dai nostri giovani, forse per la prima volta l’Europa politica ha avuto il coraggio di intraprendere un programma strategico fondato su alcune linee di lavoro che affrontano la crisi sanitaria, ambientale e produttiva. Non c’è ancora un cambio di paradigma, ma il fatto stesso di immaginare una politica economica e finanziaria europea (con l’inedita e prima sempre avversata emissione di titoli di debito europei) attorno ai grandi temi del futuro, rappresenta comunque una svolta importante.

«Ma in una nuova visione europea, ogni Paese non dovrebbe replicare gli stessi investimenti e le stesse linee di sviluppo, bensì riconsiderare vocazioni territoriali e ambientali, prerogative e unicità culturali, assetti proprietari e fiscali, devoluzione di poteri verso l’Europa e forme diffuse di autogoverno. Il Next Gen Eu non dovrebbe essere la sommatoria di 26 piani nazionali e c’è una domanda che tutti dovremmo porci: è possibile affrontare le crisi che stiamo vivendo dentro lo spazio di ciascun Paese?».

Pnrr, Slow Food: chiediamo una visione sovranazionale

Non è chiaro quanto la Commissione europea vorrà e potrà fare per far acquisire ai singoli piani nazionali una visione sovranazionale ma Slow Food crede che «le dimensioni europea ed euromediterranea rappresentino l’ampiezza di sguardo necessaria se vogliamo che le straordinarie risorse messe in campo dall’Unione europea possano risultare efficaci».

Scendendo nello specifico dei temi che più stanno a cuore a Slow Food, saltano subito agli occhi alcune assenze che pesano.

«Non possiamo accettare che nell’elenco delle riforme non ci sia la legge sul consumo di suolo, e potremmo aggiungere anche la chiusura dell’iter della legge sul biologico. Come si fa a non considerare queste riforme come urgenti per un Paese che guarda alla transizione ecologica?», sottolinea ancora Sottile.

«Inoltre, come già accennato, notiamo l’assenza della parola agroecologia: in presenza di un Green Deal e delle strategie Farm to Fork e Biodiversità 2030 (che pure vengono citate), è una dimostrazione di straordinaria miopia.

Il grande investimento nelle energie rinnovabili, poi, solleva come minimo un grande punto interrogativo su quanto e come contribuirà alla conservazione delle risorse naturali, e non il contrario: a questa domanda occorrerà dare una risposta prima che partano gli investimenti. Si parla di biometano senza approfondirne i termini, con il rischio che una misura di economia circolare diventi un ulteriore stimolo a incentivare un sistema di allevamento intensivo.

Un piano a stretta vocazione industriale

Anche perché la sensazione è che, almeno per quanto riguarda la parte agricola, questo piano sia di stretta vocazione industriale: logistica, commercio e internazionalizzazione sono utili e necessarie ma vengono dopo fertilità del suolo, ruolo dell’agricoltura nella gestione del territorio, biodiversità agricola, prossimità e filiere, il cui ruolo nel Pnrr non ci sembra invece adeguatamente considerato».

Il tema del cibo, per noi così cruciale, investe in maniera trasversale l’ambiente, l’agricoltura, le attività artigianali e industriali di trasformazione, la salute, la cultura e l’educazione, la ricerca, il commercio e il turismo, la cooperazione… Ha a che fare direttamente con la crisi climatica, con la crisi alimentare e molto spesso con i processi migratori. Per queste ragioni, come Slow Food crediamo vi si debba riservare una nuova centralità, contrariamente alla disattenzione e alla marginalità che si evince dalla stesura del Pnrr.

Aree interne dimenticate

Infine, anche l’attenzione per le aree interne, così importanti per l’agricoltura e la biodiversità in particolare, è ampiamente inadeguata: eppure proprio la pandemia sembrava averci mostrato le opportunità per costruire efficaci politiche di rigenerazione di terre alte e aree rurali.

I tempi imposti dalla scadenza del 30 aprile non offrono oggi margini per una discussione e un ripensamento profondo del piano. Tuttavia, la partita non è chiusa: a fare la differenza sarà il modo in cui i soldi saranno effettivamente spesi e c’è ancora la possibilità di incidere. In questa ottica, Slow Food propone 5 punti, che considera imprescindibili, da portare in evidenza nel seguito del cammino del Pnrr:

– l’approvazione di una legge per fermare il consumo di suolo;

– la riduzione e riqualificazione dei consumi come asse portante di tutto l’approccio;

– l’avvio di un grande programma nazionale di educazione alla cittadinanza sui temi della transizione ecologica e dell’alimentazione, a partire dal coinvolgimento delle scuole;

– una maggiore centralità del cibo e il rafforzamento di politiche locali legate a modelli agricoli non industriali;

– il rafforzamento, anche in termini di risorse dedicate, delle Green communities (pensate per le aree interne ma che potrebbero essere interessanti su tutto il territorio, anche le isole). (27/04/2021, da https://www.slowfood.it/)

………………………….

CINGOLANI “VIA LA BUROCRAZIA RIPARTIAMO DA SOLE E VENTO”

Intervista al ministro della Transizione ecologica, di Luca Fraioli, da “la Repubblica” del 28/4/2021

– Per il governo il Pnrr non sarà solo un piano post pandemia, ma vuole gettare le basi per il futuro del Paese e delle prossime generazioni. Il gas verrà usato solo per stabilizzare la rete elettrica. Rinnovabili al 70% entro il 2030, ma per l’idrogeno è ancora presto –

   «Il nome Recovery Plan dà l’idea che stiamo mettendo una toppa a qualcosa che è andato storto.
Preferisco Next Generation EU e vorrei che agli italiani arrivasse un altro tipo di messaggio: questo è un progetto più ambizioso della semplice ripresa post pandemia, vuole impostare il futuro del Paese per le generazioni a venire
».
   Dopo settimane in cui ha evitato di scendere nei dettagli («Mi sembrava corretto attendere che il presidente Draghi illustrasse il Piano al Parlamento»), il ministro ROBERTO CINGOLANI accetta di raccontare in cosa consisterà la sua transizione ecologica: Continua a leggere

IL SUMMIT del presidente Usa Biden del 22/4/2021 scorso con i grandi della Terra, per impegnarli (e impegnarsi) a salvare il pianeta dalla catastrofe ambientale – Come convincere il mondo a scelte coraggiose? E per ciascuno di noi a cambiare stile di vita? Basteranno nuove sensibilità ecologiche a mutare rotta?

«OBIETTIVI INSUFFICIENTI»: lo scetticismo di GRETA THUNBERG (nella foto) sul VERTICE PER IL CLIMA organizzato dal presidente Usa JOE BIDEN (cui hanno partecipato in streaming 40 capi di Stato) il 22/4/2021, giornata annuale della Terra – «I leader riuniti al summit parlano di obiettivi ambiziosi, di emissioni-zero entro il 2050, ma la realtà è che con il contrasto al cambiamento climatico siamo indietro di 10 anni». Greta Thunberg si pronuncia così sulle soluzioni per risolvere la questione ambientale, tema principale del LEADER SUMMIT ON CLIMATE organizzato in streaming dal presidente americano JOE BIDEN e al quale ha partecipato anche il presidente del Consiglio MARIO DRAGHI. Al summit, che si è svolto in parallelo alla GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA, lo stesso Biden ha aperto i lavori sostenendo che gli Usa si impegneranno «alla RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI COMBUSTIBILI FOSSILI fino al 50-52 per cento entro il 2030», cifre doppie rispetto agli obiettivi prefissati da BARACK OBAMA a ridosso della Cop21 di Parigi. I contenuti del vertice, che ha visto aderire 40 capi di Stato e di governo, da XI JINPING a VLADIMIR PUTIN fino a BORIS JOHNSON ed EMMANUEL MACRON, sono «insufficienti», secondo l’attivista svedese. «Il mondo è complesso», ha proseguito Greta nel video, «ma non possiamo accontentarci perché è in gioco il nostro futuro. Possiamo fare di più per colmare il gap tra l’emergenza che stiamo vivendo e le attuali condizioni del nostro pianeta». (22/4/2021, da https://www.open.online/)

   Il 22 aprile scorso (2021) il presidente degli USA, Joe Biden, ha indetto un summit sul clima, in videoconferenza, in occasione della giornata della Terra, per avviare la cooperazione sulla riduzione dei gas serra e raggiungere poi l’obiettivo “emissioni zero”; in modo da affrontare la problematica del surriscaldamento globale. Il risultato più positivo è che all’evento hanno partecipato quaranta leader dei sei continenti, i cui Paesi insieme rappresentano l’80% dell’economia mondiale. E questo non è risultato da poco: un “parlarsi” mondiale, globale; un accettare l’invito, per un tema come la “salvezza ambientale”, che richiede impegni concreti, è cosa positiva che sia accaduta.

   I risultati concreti lo sono molto meno: ad esempio Cina, Russia, India, Brasile… si son guardati bene dal prendere impegni concreti…oppure (il caso della Cina) hanno sottolineato che si impegneranno di più concretamente giunti al picco del processo interno di sviluppo industriale (previsto dal leader cinese Xi Jin Ping nel 2030)…

 

VERTICE DI 40 CAPI DI STATO SUL CLIMA (in streaming): all’evento convocato da JOE BIDEN (nella foto) giovedì 22 aprile 2021, GIORNATA DELLA TERRA, hanno partecipato i ‘grandi’ dei sei continenti. TANTE LE PROMESSE e gli impegni, POCA L’AMBIZIONE, e gli impegni concreti, per dire stop alle emissioni

   E’ anche sicuro che l’accadimento della pandemia, che stiamo vivendo, in cui il mondo è immerso dall’inizio del 2020, ha fatto capire a tutti che non è il caso di sottovalutare gli effetti della crisi climatica: del rischio cui si va incontro (che se ne vivono già le conseguenze, dell’inquinamento e del clima cambiato); e della necessità di cambiare rotta. Ne parliamo negli articoli che vi proponiamo in questo post cercando di fare il “punto geopolitico” della “SITUAZIONE DEL CLIMA”, cioè di quel che può accadere e quel che può avvenire nei mesi prossimi nei rapporti tra le aree geopolitiche mondiali sulla lotta al cambiamento climatico.

 

IL PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) reso noto dal governo il 23 aprile scorso (suscettibile di qualche altra modifica prima dell’approvazione definitiva del governo e del parlamento e la consegna entro il 30 aprile all’UE) (clicca nel link qui sotto)

   Una occasione politica del 2021 per il nostro Paese può essere offerta dalla presidenza italiana e britannica della Cop26 che si terrà dall’1 al 12 novembre 2021 a GLASGOW in Scozia, più specificatamente detta “Convenzione delle parti sul clima delle Nazioni unite”. Oltre alla Cop26 di Glasgow, c’è l’occasione per britannici e italiani di mettere l’azione per il clima al centro dei lavori del G7 e del G20, summit dei quali i due Paesi hanno nel 2021 rispettivamente la presidenza di turno. È l’occasione per l’Europa di riprendere un ruolo guida nel processo di decarbonizzazione (che entrambi i paesi condividono), riuscendo a convincere tutti gli Stati ed entità geopolitiche della necessità di tassare le emissioni inquinanti (una carbon tax… come chiede più di tutti la Francia di Macron), e abolire i sussidi ai combustibili fossili (è paradossale che l’Europa dia ancora sussidi a combustibili che vorrebbe man mano abolire!). Sussidi invece da indirizzare completamente (e solamente) alla incentivazione dell’uso di fonti rinnovabili pulite.

il “LEADERS SUMMIT ON CLIMATE” organizzato in modalità virtuale dal Presidente americano JOE BIDEN, e apertosi giovedì 22 aprile 2021

   Parlare di inquinamento atmosferico, di modificazione climatica, in un momento di piena pandemia, sembra tema secondario, o perlomeno non prioritario rispetto alle difficoltà planetarie (ma che sono europee, nazionali, locali, personali…) di adesso. Ma gli effetti delle mutazioni climatiche, oramai a detta di tutti (scienziati delle più varie discipline), sono assai preoccupanti (irreversibili?) e ci cambieranno la vita.

   Fenomeni come l’innalzamento della temperatura, la diminuzione delle piogge, lo scioglimento dei ghiacciai, gli eventi atmosferici estremi (da noi pensiamo al riscaldamento del Mediterraneo, che essendo un mare semichiuso si sta scaldando più velocemente degli oceani) con fenomeni mai accaduti (pensiamo all’uragano Vaja della notte del 29-30 ottobre 2018), e altri nuovi accadimenti metereologici, cose raccontate con l’evidenza dei numeri e le analisi degli studiosi… tutto questo sta a dimostrare che siamo entrati nell’èra della crisi ambientale, nella quale ci viene chiesto il conto di decenni di sviluppo non sostenibile, dove abbiamo consumato e inquinato senza considerare il fragile equilibrio della natura.

GRAFICO da ISPI (Istituto per gli Studi di Politica Internazionale) 23/4/2021 (https://www.ispionline.it/ )

   Inverni troppo miti, estati torride, fiumi sempre più asciutti, terreni in via di desertificazione, acque alte sempre più spesso (a Venezia…), con l’innalzamento dei mari e l’erosione dei litorali; poi come prima detto gli uragani tipo Vaia; la scomparsa delle api e l’arrivo di nuove specie animali e vegetali…. Tutti episodi visibili, che non ci vogliono rilevazioni statistiche a dircelo, ma li possiamo vedere e notare ognuno di noi.

   Sulla necessità di porre un freno all’innalzamento climatico causato dalle attività umane, c’è coscienza in Europa (perlomeno nelle istituzioni che adesso ci rappresentano) e in altre parti del mondo. Però quando si tratta di fare scelte concrete, coraggiose, allora ognuno “mette dei paletti”: necessità di Stati in via di sviluppo che non vogliono rivedere i loro trend di crescita (pensiamo appunto alla Cina); e comunque situazioni di ricchezza (o povertà) diversa, che fanno sì che la sensibilità ambientale possa essere maggiore in aree geografiche dove la qualità della vita è migliore (come l’Europa) (e non si vorrebbe perderne i benefici con la crisi ambientale); mentre risulta più difficile convincere i Paesi in via di sviluppo di non commettere gli stessi errori di distruzione ambientale commessi dai paesi ricchi di più antica tradizione (come l’Europa), ma di trovare “vie nuove” a un progresso non inquinante, che valorizzi la salute della propria popolazione e conservi l’ambiente (pensiamo al Brasile e la foresta amazzonica)(…ma se i paesi ricchi necessitano di tanta carne come cibo, gli allevamenti e le coltivazioni di soia in Amazzonia soddisfano a questo, e allora tutti siamo coinvolti nel dover cambiare…).

(foto da https://distribuzionemoderna.info/) – “(…) Negli ultimi anni sono aumentati i MERCATI CONTADINI, i GRUPPI DI ACQUISTO e altre forme di DISTRIBUZIONE ALTERNATIVE a quella organizzata, che hanno favorito la creazione di relazioni e momenti di DIALOGO TRA PRODUTTORI E CONSUMATORI, con un maggior guadagno per i primi e un costo pressoché invariato per i secondi, ma con una merce più fresca, di stagione che non ha percorso innumerevoli chilometri. COOPERAZIONE, TRASPARENZA e SOLIDARIETÀ sono BISOGNI CHE CITTADINI via via più responsabili e informati, CHIEDERANNO a gran voce, anche ALLA GRANDE DISTRIBUZIONE E AL COMPARTO ONLINE, che registra tassi di crescita impressionanti. In questo caso è la singola azienda a dover farsi garante di pratiche rispettose dell’ambiente e dei lavoratori, mettendo così il maggior potere di cui gode sul mercato al servizio della filiera. (…)” (IL PIANETA HA LANCIATO L’ULTIMO APPELLO: RIGENERAZIONE O ESTINZIONE, di CARLO PETRINI, da “La Stampa” del 22/4/2021)

   Sia a livello globale, che europeo, ma anche nazionale, l’imperativo che ci si propone politicamente (almeno nelle intenzioni teoriche) è quello assai semplice e doveroso, di premiare l’impiego di fonti energetiche rinnovabili e non inquinanti; e invece accollare più costi a quelle (fonti energetiche) finora tradizionali, inquinanti e non rinnovabili, causa della crisi ambientale odierna. Ma non sembra che questo proponimento accada ora realmente.   

A livello nazionale, ad esempio, se è pur vero che si adotta una politica di sussidi alle fonti rinnovabili, dall’altra altrettanti sussidi vengono mantenuti per l’industria tradizionale petrolifera, per i trasporti di merci su strada (ampiamente sovvenzionati nei costi del carburante e delle autostrade)… contribuendo così ad “accontentare tutti”, ma non venire a cambiare effettivamente la barra dello sviluppo che adesso si vorrebbe “sostenibile”. Ora è in fase di approvazione ed inizio il PNRR, Piano di Recupero e Resilienza italiano (all’interno del grande progetto di rilancio economico dalla pandemia dell’Unione Europea denominato “Next Generation Eu”) che stanzierà enormi risorse in progetti di conversione ambientale (cercheremo di vederli nei prossimi post, di valutarne la portata, speriamo positiva). Comunque un’occasione da non sprecare, attuando interventi “veramente” ecologici.

JONATHAN SAFRAN FOER, “POSSIAMO SALVARE IL MONDO, PRIMA DI CENA. PERCHÉ IL CLIMA SIAMO NOI”, Guanda Ed., 2019, 12 euro – Il tema dell’emergenza climatica affrontato in un libro unico, che ha l’urgenza di un pamphlet e il fascino di un romanzo. – “Nessuno se non noi distruggerà la terra e nessuno se non noi la salverà…Noi siamo il diluvio, noi siamo l’arca.”

   Per cercare di limitare l’aumento del riscaldamento globale, nel 2015 quasi tutte le nazioni hanno firmato l’accordo di Parigi con l’obiettivo di mantenere l’aumento della temperatura media al di sotto dei 2°C in più rispetto ai livelli preindustriali, e di proseguire gli sforzi per limitarlo a 1,5°C attraverso piani d’azione per ridurre le emissioni. Ma questo non basta ancora per uscire dall’emergenza ambientale.

   I settori strategici da considerare, per un’inversione di tendenza, ecologica, che oggi sono responsabili di tre quarti delle emissioni di Co2 del pianeta sono quelli dell’ENERGIA e dei TRASPORTI: pertanto i sussidi vanno alle energie rinnovabili e non inquinanti e le penalizzazioni a quelli “tradizionali”: questa è forse la scommessa della riuscita della Cop26, della Conferenza sul clima di Glasgow del prossimo novembre.

   C’è da prendere un insieme di impegni mondiali, europei, nazionali, locali, personali di ciascuno di noi, che richiedono uno sforzo convinto; sicuri purtroppo che se questo impegno non ci sarà, le condizioni di vita dei nostri luoghi, climatiche, ambientali… saranno ben peggiori di quelli che già stiamo vivendo e verificando nella nostra quotidianità. (s.m.)

…………………………

IL PIANETA HA LANCIATO L’ULTIMO APPELLO: RIGENERAZIONE O ESTINZIONE

di Carlo Petrini, da “La Stampa” del 22/4/2021

   Ogni anno il 22 aprile, giorno di primavera, si celebra la Giornata Mondiale della Terra. Una ricorrenza che ci ricorda di avere cura e attenzione per il pianeta che ci ospita, (…) e mi trovo d’accordo con quella componente sempre più ampia del mondo scientifico, che sostiene che lo scatenarsi della pandemia sia stata una sorta di risposta biologica con cui la nostra Terra Madre ha tentato di aprirci gli occhi sulle conseguenze del nostro sistema consumista, sulla profonda interconnessione del tutto e sulla comunione di destino a cui nessuno può sottrarsi.

   Ecco quindi che il fiorire della natura circostante, dovrebbe andare di pari passo con lo sbocciare nelle menti di nuovi valori e comportamenti che accolgano l’appello del pianeta e affrontino le problematiche che ci attendono.

   Risponderemo al cambiamento climatico con coerenza e rapidità? Realizzeremo un modello di sviluppo rigenerativo? Dismetteremo l’attuale sistema agricolo dipendente da input chimici e ad alto consumo di energie per praticare invece un’agricoltura attenta alle risorse, alla biodiversità e agli ecosistemi?  Adotteremo stili alimentari consapevoli, che Continua a leggere