La scomparsa di CAVALLI SFORZA: GENETISTA ESPLORATORE del microcosmo che legge nel DNA l’origine umana, eventi di migliaia di anni fa, la storia dei popoli – Non ci sono RAZZE, ma solo una SPECIE, quella UMANA: con accadimenti culturali, linguisti, geografici, che rendono l’umanità ricca e diversificata

“….LO STUDIO E L’ANALISI DEL DNA, HA PERMESSO DI RICOSTRUIRE IN DETTAGLIO IL PASSATO PIÙ REMOTO della storia dell’uomo…. Lì dove non c’erano più prove concrete sull’origine dell’uomo, dove non si poteva scavare in siti archeologici per ottenere risposta, si è passati all’analisi e alla ricostruzione del dna e alle origini della nostra specie di «homo sapiens», ORIGINI CHE HO CIRCOSCRITTO IN AFRICA. NATO AFRICANO, infatti, L’UOMO È STATO SEMPRE CARATTERIZZATO DALLA VOLONTÀ DI VIAGGIARE, quasi un istinto, che ha portato i nostri antenati a spargersi per il mondo, e colonizzarlo, il tutto in un arco di tempo molto ampio, che va da 100 mila anni fa, con la prima migrazione verso il Medio Oriente, fino a 800 anni fa, con la colonizzazione della Nuova Zelanda e della Polinesia….” (LUIGI LUCA CAVALLI-SFORZA)(la foto è di Luigi Luca Cavalli-Sforza ripresa da “il Manifesto”)

   LUIGI LUCA CAVALLI-SFORZA è morto venerdì pomeriggio del 31 agosto scorso a Belluno, a 96 anni; ed è considerato uno dei più grandi scienziati del Ventesimo secolo. Come gli astronomi osservano nelle galassie lontane cose accadute nel passato, così, grazie a lui, i genetisti ora possono leggere nel Dna eventi accaduti migliaia di anni fa, riuscendo a stabilire tratti della storia dei popoli fino a poco tempo fa del tutto sconosciuti. Dall’origine della specie umana (secondo Cavalli Sforza partita in un unicum dall’Africa), all’importanza delle lingue nella diversificazione avutasi.

80 anni fa la prima legge razziale in Italia

E la capacità riconosciuta a Luigi Luca Cavalli-Sforza è stata proprio di aver scientificamente connesso la ricerca genetica sugli “umani” con accadimenti culturali che questi stessi umani hanno avuto, e che gli hanno diversificati nel loro andare geografico per il globo terrestre; nel venire a stabilirsi a nord o a sud, a est o a ovest: ovunque mantenendo tratti e caratteristiche comunque uniche. E con il desiderio sempre di muoversi, di incontrarsi, in una mobilità positiva che ha cambiato popoli, tradizioni, usanze, economie…

SI PUÒ PARLARE DI RAZZE UMANE? Dal punto di vista scientifico LA DISTINZIONE RAZZIALE NON STA IN PIEDI. Le migrazioni dei nostri antenati infatti hanno mescolato i geni – Il termine “razza” non è scientifico: gli uomini non sono stati isolati geograficamente abbastanza a lungo da creare varietà genetiche distinte. L’UOMO È DA SEMPRE IN CONTINUO MOVIMENTO e le varietà continuano a diluirsi una nell’altra. COME HA DIMOSTRATO IL GENETISTA LUCA CAVALLI-SFORZA, che ha demolito i fondamenti biologici del concetto di razza, LE CIVILTÀ NON SONO STRUTTURE CHIUSE E ISOLATE (da FOCUS, 15/1/2018, https://www.focus.it/ )

   Pertanto siamo in presenza di uno scienziato, ora scomparso a una venerabile età, che ha saputo andare oltre l’antropologia, pur avendola frequentata allo scopo di approfondire i suoi studi, per dare risposte al percorso umano.
Partire dal microcosmo dell’esame scientifico del DNA è, a nostro avviso, un’esplorazione geografica tanto affascinante (e produttiva di risultati e conoscenze) quanto quella degli esploratori di geografie ignote una volta, di terre sconosciute.

“Cavalli Sforza Human Migration” Paths – Espansione dell’uomo moderno nel paleolitico, vie ipotetiche

   E’ interessante che in quest’epoca poco propensa a capire, conoscere e rapportarsi con culture diverse, con un’umanità “diversa”, che Cavalli Sforza sia riuscito scientificamente a dimostrare che non esistono razze umane; che il ceppo originario genetico è lo stesso; e che ogni differenziazione è minima, data da esperienze di vita molteplici (e anche in contesti geografici spesso assai lontani).
Vi invitiamo a leggere gli articoli che qui di seguito vi proponiamo, cercando ragioni nuove al nostro approccio alla vita; di maggiore curiosità verso ogni diversificazione umana, culturale, di vita, che potrebbe essere stata nostra se ci fosse accaduto di vivere in altri contesti all’interno del nostro variegato e affascinante pianeta. (s.m.)

“….LA GENETICA DIMOSTRA IN MANIERA CHIARA CHE L’UOMO APPARTIENE A UNA SOLA E UNICA RAZZA, affermazione dimostrata dal fatto che la differenza genetica tra africani, europei, cinesi e via dicendo è analoga in tutto e per tutto alla variabilità genetica interna a ciascun gruppo….. sono convinto che I GENI SONO INDUBBIAMENTE IMPORTANTI, MA LO È ALTRETTANTO L’EDUCAZIONE per quanto riguarda l’ambiente sociale in cui siamo cresciuti….. abbiamo ormai accertato che LE DIFFERENZE CULTURALI SONO ENORMEMENTE IMPORTANTI, almeno quanto quelle genetiche, anzi probabilmente di più….. Ecco un esempio. Dalla misurazione del QUOZIENTE D’INTELLIGENZA, che io considero una grossa montatura, si è visto che ci sarebbe una differenza media di quindici punti tra l’intelligenza di americani bianchi e neri. Molti hanno cominciato a chiedersi se non dipendesse da fattori genetici. Diversi anni dopo, però, lo stesso test è stato sperimentato sui giapponesi. E questi sono risultati di undici punti più intelligenti degli americani bianchi. Tale esito era semplicemente dovuto al fatto che in Giappone ci sono scuole migliori di quelle americane. Allo stesso modo si è visto – altro esempio – che i cinesi sono molto più bravi in matematica….” (LUIGI LUCA CAVALLI-SFORZA)(nella foto lo scienziato)

………………..

CAVALLI SFORZA, LA GENETICA CHE SVELA LA NOSTRA NATURA MIGRANTE –
CHI ERA
LUIGI LUCA CAVALLI-SFORZA (Italia/USA), Premio Balzan 1999 per la scienza delle origini dell’uomo
È stato il massimo esperto mondiale sulla diversità genetica delle popolazioni e su quanto essa ci può dire sull’albero filogenetico dell’umanità.
Ha intuito come la comprensione dell’evoluzione del genere umano richieda la conoscenza sia dei meccanismi genetici, sia di quelli culturali, ed in special modo linguistici. Studiando i geni di un gran numero di gruppi etnici diversi e analizzando dati storici, demografici e linguistici è pervenuto a ricostruire l’origine delle antiche migrazioni ed a elaborare un modello di diffusione della cultura nell’Età del Neolitico.
Nei lavori onnicomprensivi che egli ha così condotto, hanno avuto un ruolo importante le sue ricerche genetiche su popolazioni primitive quali i Pigmei dell’Africa, uno dei pochi gruppi rimasti che vivono di raccolta e caccia.
Esemplari, inoltre, sono i suoi studi sulle conseguenze genetiche dello sviluppo tecnologico, in particolare sugli effetti della diffusione dell’agricoltura dal Medio Oriente, sua area di origine, verso l’Europa. Tutto ciò, unito ai dati archeologici, gli ha permesso di ricostruire un albero completo della discendenza dei popoli, nel quale geni e linguaggi vanno di pari passo, per dimostrare come la convergenza di dati genetici e culturali consenta di dare una spiegazione convincente dell’evoluzione dell’uomo.
Luigi Luca Cavalli-Sforza ha creato di sicuro, una sintesi molto completa sulla differenziazione delle popolazioni del pianeta, integrando vari campi di ricerca e fornendo in modo evidente la prova della nostra “co-evoluzione” genetica e culturale (Cfr. Premio Balzan 1999).
LUIGI LUCA CAVALLI-SFORZA, nato il 25 gennaio 1922 a Genova e morto a Belluno il 31 agosto scorso (a 96 anni), era cittadino italiano e statunitense.
Laurea in Medicina e Chirurgia (1944), Università di Pavia, e M.A. (1950), Università di Cambridge, UK Direttore dei Laboratori di Ricerca di Microbiologia, Istituto Sieroterapico Milanese, Milano (1950-1957); Docente di Genetica e Statistica, Facoltà di Scienze, Università di Parma e Università di Pavia (1957-1960); Professore di Genetica, Università di Parma (1960-1962); Professore di Genetica e Direttore dell’Istituto di Genetica, Università di Pavia (1962-1970); alla Stanford University come Professore di Genetica (1970-1992), Direttore del Dipartimento di Genetica (1986-1990) e Professore Emerito alla School of Medicine dal 1992.

“Nel Dna – ha raccontato nei suoi saggi, come il celebre STORIA E GEOGRAFIA DEI GENI UMANI – è racchiusa la memoria di tutte le migrazioni – e quindi degli incroci e degli adattamenti all’ambiente – e di come siamo diventati agricoltori, diecimila anni fa.” (Gabriele Beccaria, da “La Stampa” del 2/9/2018)

……………………..

CAVALLI-SFORZA, L’ESPLORATORE DEL DNA CHE HA SMONTATO IL MITO DELLA RAZZA
di Gabriele Beccaria, da “La Stampa” del 2/9/2018
Nell’abisso del Dna ha trovato molto, moltissimo, tranne la parola più pericolosa e scottante: razza. Non siamo una razza, né ci sono razze umane, separate da incolmabili differenze biologiche. C’è solo una specie, quella umana. Che inventa concetti esecrabili – come quello di razza, appunto – ma che negli ultimi 200 mila anni ha realizzato un cammino unico tra gli esseri viventi.
L’esploratore dell’avventura primigenia si chiama Luigi Luca Cavalli-Sforza e la sua intelligenza multiforme si è spenta ieri, a Belluno, a 96 anni. Non c’è retorica nel celebrarlo tra i grandi della scienza. Uno dei suoi meriti è aver contribuito a definire una visione rivoluzionaria: il nostro passato ancestrale non si limita più a una fragile collezione di fossili, in cui dannarsi per far combaciare un dente con un teschio. Da almeno tre decenni stiamo imparando a considerare ognuno di noi, e ogni antenato, come un archivio, vivente o congelato nel tempo. Una massa di informazioni, quasi inconcepibile per i non addetti ai lavori, concentrata nei geni e lì custodita per chi sa decifrarla.

Pelle scura e occhi chiari. Il volto del cacciatore mesolitico ricostruito dal DNA ritrovato a La Braña, nel nord della Spagna (Guido Barbujanni, da “il sole 24ore” del 6/2/2018)

   Nel XXI secolo paleoantropologi e archeologi non possono più fare a meno dei genetisti e così si sono fatte scoperte sorprendenti, come quella che nel nostro Genoma si è riversato un po’ di Dna di una specie concorrente, estintasi 40 mila anni fa, i Neandertal.
Ma a dare il via alla colossale decifrazione dell’Homo sapiens è stato proprio Cavalli-Sforza: lui – ha raccontato – già negli Anni 50 si chiese «se fosse possibile ricostruire la storia dell’evoluzione umana ricorrendo ai dati genetici delle popolazioni attuali». La paleogenetica – l’analisi del Dna antico – non esisteva ancora, e il professore-pioniere raccolse quantità crescenti di dati biologici, a cominciare dai gruppi sanguigni, fino a tracciare un «albero darwiniano» che equivale alla vulgata che oggi va per la maggiore.
Noi Sapiens siamo africani e poi, spinti da una curiosità che non smette di tormentarci (e che Cavalli-Sforza ha interpretato da maestro), abbiamo dato il via all’impetuosa colonizzazione del Pianeta: l’Europa e quindi l’Asia intorno a 55 mila anni fa e le Americhe all’incirca 30 mila anni fa. Nel Dna – ha raccontato nei suoi saggi, come il celebre STORIA E GEOGRAFIA DEI GENI UMANI – è racchiusa la memoria di tutte le migrazioni – e quindi degli incroci e degli adattamenti all’ambiente – e di come siamo diventati agricoltori, diecimila anni fa.

L’origine dell’uomo moderno e delle lingue secondo il genetista Luca Cavalli Sforza

   Cavalli-Sforza, nomade anche lui (nato a Genova, studente a Torino, professore a Stanford e a Pavia), si divertiva a smontare le elucubrazioni di Arthur de Gobineau, assertore della superiorità degli europei. Proprio gli europei – ha dimostrato – sono il vertice di una maionese genetica, frutto di incroci di popolazioni. Non c’è alcuna «purezza» e il diverso colore della pelle non è altro che una variazione del look, mentre all’intelligenza riconosceva aspetti ancora misteriosi, all’incrocio tra sfera naturale e sfera culturale.
Forse l’enigma avrebbe potuto essere sciolto con il mega-progetto dello «Human Genome Diversity Project», destinato a mappare la diversità genetica dei Sapiens. Ma le accuse di razzismo (e biopirateria) hanno incrinato la visione dell’uomo che più di ogni altro ha contribuito a farci riflettere sulle nostre comuni radici. (Gabriele Beccaria)

…………….

DA https.www.slideplayer.it/slide/12354987/

……………………………

Nel suo famoso saggio GENI, POPOLI E LINGUE (1996), usando anche la demografia, CAVALLI SFORZA traccia un parallelismo fra le linee filogenetiche delle popolazioni mondiali, la linguistica e l’archeologia e ne osserva la sostanziale sovrapponibilità. (Luca Tancredi Barone, da “Il Manifesto” del 2/9/2018)

10 Ottobre 2006, da http://www.gazzettadisondrio.it/societa/

DARWIN ABITA ANCORA QUI

(INTERVISTA A LUIGI LUCA CAVALLI SFORZA, GENETISTA DI FAMA MONDIALE, SECOND WORLD CONFERENCE, VENEZIA 20- 23 SETTEMBRE 2006)
L’Italia è un paese immerso in una cultura condizionata dalla religione, in particolare da quella cattolica. E, di conseguenza, il nostro contesto sociale guarda con favore alla cultura scientifica oppure prevale un atteggiamento di rifiuto nei suoi confronti?
Dal centro di ricerche Observa – Science in Society, in collaborazione con “Tutto Scienze Tecnologia” de La Stampa (www.observa.it/), ultimamente è stata realizzata un’indagine sulla prospettiva darwiniana, quella del creazionismo e quella del cosiddetto “disegno intelligente”. Gli italiani sono per il 31% a favore dell’evoluzionismo, mentre il 17% è per il creazionismo (battiamo gli americani di gran lunga, secondo un’indagine condotta nel 2005 da Gallup per conto della CNN ben il 53% della popolazione statunitense ritiene che “Dio ha creato gli esseri umani nella loro forma attuale, così come descritto dalla Bibbia”, mentre solo il 12% condivide la prospettiva evoluzionistica).

“Le differenze tra singoli individui sono più importanti di quelle che si vedono fra gruppi razziali”, come CAVALLI SFORZA scrive efficacemente in CHI SIAMO. LA STORIA DELLA DIVERSITÀ UMANA (1995). In altre parole, il mio vicino potrebbe essere più diverso da me, geneticamente, di un aborigeno australiano. (Luca Tancredi Barone, da “Il Manifesto” del 2/9/2018)

   Inoltre l’ipotesi del “disegno intelligente” – nella quale si riconoscono quasi quattro Italiani su dieci – non sembra si possa ricondurre a posizioni antiscientifiche. Si tratta, infatti, di un atteggiamento più facilmente riconducibile ad una sorta di mediazione pragmatica che, mentre da credito alla teoria darwiniana, si riserva comunque la possibilità di un riferimento trascendente senza per questo entrare in conflitto con la scienza. Senza dubbio la convinzione per cui il processo evolutivo, lungo e laborioso, per mezzo del quale avrebbe preso forma l’uomo, sarebbe stato in qualche modo guidato da un progetto divino non è compatibile con la visione scientifica ortodossa, ma non per questo deve essere necessariamente interpretata come aperto rifiuto dell’evoluzionismo. Il ruolo divino sembra confinato in una funzione marginale: è un Dio lontano, così lontano dalla vicende terrene da non diventare incompatibile, nell’opinione di molti, con la loro spiegazione scientifica.
Infine, l’evoluzionismo si afferma soprattutto fra i giovani e fra le persone più istruite, esattamente il contrario di quanto accade con il creazionismo. Si può dire che l’evoluzionismo, anche nella forma attenuata del “disegno intelligente”, appartiene al futuro, mentre il creazionismo si radica nel passato.
Una cosa è certa: i numerosi scienziati riuniti a S. Giorgio per la Second World Conference, proprio sull’evoluzione, sono assolutamente contrari al cosiddetto Intelligent Design(= Disegno intelligente), che il genetista Luigi Luca Cavalli Sforza, docente di genetica all’Università di Stanford- USA- ha bollato come un mezzo ideato per sostenere la candidatura del presidente Bush.

KARIN BOJS sottopose sé stessa e alcuni familiari ai test genetici e iniziò un viaggio a ritroso nel tempo. Nel libro che lo racconta, I MIEI PRIMI 54.000 ANNI (Utet), la storia della sua famiglia si intreccia con quella dell’Europa preistorica (Telmo Pievani, da “LA LETTURA” supplemento domenicale de “il Corriere della Sera” del 2/9/2018)

   C’è da aggiungere, che al di là delle molte posizioni controverse tra gli studiosi, la scienza non è la sola via per raggiungere la verità, e la teoria di Darwin è “una delle possibili spiegazioni non condivisa da tutti gli scienziati e non ancora dimostrata da un modello matematico che spieghi come dalla non vita si passa alla vita” (Marcelo Sanches Sorondo, cancelliere della Pontificia Accademia delle scienze).
Ma sono talmente tanti gli sviluppi del nostro cervello, il cui volume si è triplicato nel corso dell’evoluzione, che i fattori culturali (linguaggio simbolico, utensili sempre più complessi, internet, utilizzo della mente artificiale…) la faranno da padroni (altro che Darwin).
E leggiamo cosa ci ha detto uno che in quanto a cultura come fattore di crescita umana ne sa una più del diavolo: quel simpaticissimo, amichevole, disponibile, carinissimo genetista LUIGI LUCA CAVALLI SFORZA che tanto onore ha dato all’Italia per le sue scoperte nel campo della genetica culturale.
Prof., tutti gli uomini e le donne del mondo hanno un antenato comune. Che cosa però ci differenzia nel corso dell’evoluzione?
“Noi abbiamo un genoma molto vario che si può ricostruire a pezzi. Ognuno di essi ha un antenato comune. Vi sono state più di duemila persone e il pezzo comune viene da uno di questi 2000. Altro pezzo da un altro e così di seguito. Quindi non c’è stato un solo Adamo ed una sola Eva come scrive la Bibbia, però c’è sempre l’origine in comune che comporta in noi tutti una grande comunione ed una grande somiglianza. La specie umana è una e diversa al tempo stesso, per cui le differenze genetiche sono meno importanti degli apporti culturali e ambientali che separano i diversi gruppi etnici”.
Lei nella sua relazione ha detto che l’antropologia vive una grave crisi. Ci può dire quali sono gli elementi più importanti che l’hanno provocata?

Continua a leggere

Annunci

STA CRESCENDO IL RAZZISMO in Italia? (e in Europa?) Pare di sì, dai fatti di intolleranza che accadono. Il nuovo “nemico” è immigrato, con pelle nera, povero – False notizie, crisi economica, società in declino, latente odio razziale: elementi superabili nella visione ottimistica di un futuro di pace e sviluppo da costruire

TANTI VARI EPISODI DI RAZZISMO – (da http://www.tpi.it/ del 30/7/2018) – NELL’ULTIMO MESE E MEZZO SI SONO SUSSEGUITI DIVERSI EPISODI DI AGGRESSIONI AI DANNI DEI MIGRANTI O DI PERSONE DI ORIGINE STRANIERA. / IL PRIMO RISALE ALL’11 GIUGNO 2018, quando a Caserta due ragazzi immigrati del Mali sono stati aggrediti e feriti al grido di “Salvini Salvini”. L’episodio è avvenuto intorno alle ore 22, quando i due ragazzi sono stati avvicinati da una Fiat Panda su cui viaggiavano tre ragazzi italiani che hanno sparato alcuni colpi di pistola ad aria compressa. Uno dei due ragazzi ha riportato ferite lievi al torace. L’altro ragazzo è stato mancato dal colpo. / IL 20 GIUGNO, INVECE, LO CHEF 22ENNE DEL MALI KONATE BOUYAGUI, in Italia da quattro anni con regolare permesso di soggiorno, è stato colpito a Napoli da un piombino nella pancia sparato da due ragazzi a bordo di un’auto. / IL PRIMO EPISODIO DI AGGRESSIONI DEL MESE DI LUGLIO HA INVECE COINVOLTO UNA BIMBA ROM DI UN ANNO, che vive nel campo di via di Salone a Roma. La bambina è stata ferita alla schiena da un piombino. La vicenda è accaduta martedì 17 luglio: i familiari hanno raccontato che la bambina si trovava in braccio alla madre, che stava camminando lungo via Togliatti, quando la donna si è accorda che la piccola perdeva sangue dalla schiena. / MENO DI 10 GIORNI DOPO, IL 26 LUGLIO, un migrante originario della Guinea e ospite di un centro di accoglienza di San Cipriano d’Aversa nel Casertano ha denunciato di essere stato colpito in pieno volto con una pistola ad aria compressa. Il richiedente asilo ha sporto denuncia ai carabinieri. / IN SICILIA, A PARTINICO in provincia di Palermo, un ragazzo senegalese di 19 anni, richiedente asilo, è stato aggredito da quattro persone il 26 luglio. / UNA DELLE ULTIME AGGRESSIONI HA AVUTO UN FINALE TRAGICO. Nella notte tra il 28 e il 29 luglio ad Aprilia (Latina) un cittadino marocchino è morto dopo essere stato inseguito in auto da due persone convinte che fosse un ladro

Il giornalista LUIGI MASTRODONATO ha iniziato a lavorare su una mappa interattiva che raccoglie tutte le aggressioni razziste in Italia dal primo giugno 2018, (giorno di insediamento del nuovo governo) (clicca sul link qui sopra per avere la mappa aggiornata) (la mappa visibile sovraesposta è aggiornata al 2 agosto 2018, ndr)

………………….

Don Luigi Ciotti, presidente del Gruppo Abele (foto da “la Stampa”) – DON CIOTTI: “LE PAROLE VIOLENTE STANNO FOMENTANDO UN CLIMA RAZZISTA” – «C’è una violenza verbale che rischia di tradursi in violenza di fatto. C’è degrado nelle parole, nei linguaggi e anche nei comportamenti, c’è un clima giudicante. Credo che dovremmo fare una dieta delle parole: dobbiamo trovare l’umiltà di fermarci». (….)(da “La Stampa”, 3/7/2018)

………………………..

   Tutti i fenomeni umani, quelli in particolare che vanno verso il degrado e la guerra, possono (e dovrebbero) essere virtuosamente governati. Cioè nulla è irreparabile, e la china dell’intolleranza, della violenza, possono essere fermati in tempo. E’ così del clima preoccupante che stiamo vivendo adesso di fenomeni di odio xenofobo, di razzismo. Noi siamo tra quelli che pensano che non sono il frutto di questi ultimi mesi, ma sono latenti e “liberi” da vari anni. Il fatto poi che appaiano in crescendo adesso, non può essere un “falsa notizia” promulgata ad arte; ma una evidente realtà.
Nelle ultime settimane c’è stata una sequenza di aggressioni violente a danno di neri, rom e stranieri in generale. Ma non solo aggressioni fisiche: di più di “parole”. Una diffusione di discorsi (e interventi sui social, su tutti i mezzi di informazione…) d’odio e xenofobi – che non è solo italiana ma avviene, è avvenuta, in tutta Europa. Questo (le parole eccessive) può essere effettivamente la causa dei crimini “concreti” motivati dall’odio.

Soumalya Sacko, 29 anni, bracciante e sindacalista – 4 giugno 2018: “SOUMAILA SACKO è morto colpito da un proiettile in testa mentre stava recuperando alcune lamiere in un vecchio stabilimento abbandonato in località “ex Fornace” di San Calogero (Reggio Calabria). Era un migrante regolare del Mali, bracciante sfruttato nei campi agricoli di Reggio Calabria, padre di una figlia di 5 anni. Soumaila era impegnato nella lotta allo sfruttamento e lavorava per un salario di tre euro l’ora al giorno. Era un sindacalista che aiutava i suoi compagni ad avere più diritti.” (da http://www.giornalettismo.com/ )

Qualcuno nega che sia così preoccupante la cosa, e dice che siamo nella “normalità”. Al centro dello scontro sembrano esserci quindi i numeri e le statistiche sulle aggressioni subite da stranieri o persone che semplicemente appaiono diverse: un rimpiattino tra filogovernisti e antigovernisti, tra maggioranza e opposizione.
E’ sicuro che ci vogliono dati certi, che forse adesso non ci sono (leggi il bel reportage de IL POST.IT che qui di seguito riportiamo), e che in questo momento i media danno risonanza a ogni fatto razzista che accade (e che magari in altra epoca ignoravano del tutto). Però è indubitabile che un sommarsi di fattori ora esistenti (immigrazioni, non “invasioni” come spesso si vuol far credere; crisi economica e disoccupazione giovanile; società culturalmente in trasformazione e forse in declino; latente razzismo peraltro sempre esistito; un modo di governare ed esprimersi molto nazionalista, chiuso nei propri confini…) ebbene questi fattori non possono che incentivare un clima di difficoltà a rapportarsi ed accettare il “diverso””.

foto da http://www.giornaledelcilento.t/) – ITALIANI RAZZISTI? – Pare di sì, dai dati diffusi a luglio 2018 dalla COMMISSIONE JO COX su fenomeni di ODIO, INTOLLERANZA, XENOFOBIA, e RAZZISMO, istituita dalla Camera. Il 56% degli italiani pensa che UN QUARTIERE SI DEGRADA QUANDO CI VIVONO TROPPI IMMIGRATI; il 65% li considera UN PESO SOCIALE (in Germania è il 21%); il 40% DIFFIDA persino delle loro PRATICHE RELIGIOSE. (Michele Ainis, “la Repubblica”, 7/11/2017)( Commissione “Jo Cox” sull’intolleranza, la xenofobia, il razzismo e i fenomeni di odio) http://www.camera.it/application/xmanager/projects/leg17/attachments/uploadfile_commissione_intolleranza/files/000/000/001/RELAZIONE_FINALE.pdf )

E’ così che in Italia, come in altri grandi paesi europei, i crimini d’odio motivati da ragioni etniche, religiose e razziali appaiono in aumento da anni, ma adesso di più… Quel che non si capisce è se l’andamento “razzista” sia dovuto da una moltiplicazione effettiva dei reati o invece dalla maggior facilità per le vittime di denunciarli.
Poi è da capire se in Italia va “peggio e meno peggio” rispetto ad altri Paesi europei. Anche se l’Italia sembra essere un paese dove i crimini d’odio motivati da razzismo e xenofobia sono in lenta crescita, va pure detto (dalle analisi che riportiamo in questo post) che in Italia non si è “raggiunto” i livelli toccati da paesi come Francia e Regno Unito.

Una ragazza nera con il tricolore sulle labbra è il volto che Paolo Polegato, amministratore delegato di ASTORIA WINES, ha scelto per dar vita alle parole di MARTIN LUTER KING: “Può darsi non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non farete nulla per cambiarla”

Anche se l’Italia risulta sistematicamente uno dei paesi con le opinioni più negative nei confronti degli stranieri immigrati, ma anche delle persone di religione ebraica e musulmana. Gli italiani, più di britannici, francesi e tedeschi, ritengono l’immigrazione un problema. Percentuali molto elevate chiedono controlli più severi alle frontiere e ritengono l’impatto complessivo dell’immigrazione negativo.
E se le parole, le opinioni, contano e portano a conseguenze, questo “pensare” di massa degli italiani, rischia di non essere di buon auspicio… Anche se sostenere che l’immigrazione sia un problema oppure che le frontiere dovrebbero essere controllate in maniera più sicura, è qualcosa di non razzista, ma, pensiamo, anche di buon senso.

il libro – NON SONO RAZZISTA, MA, di Luigi Manconi e Federica Resta, Feltrinelli 2017- L’odio contro gli stranieri è ormai legittimato? Gli autori analizzano la situazione e indicano come la politica dovrebbe saper raccogliere quel “ma” come grido di aiuto

Pertanto il confine tra xenofobia e non xenofobia è ancora tutto da decidere, pensiamo. L’azione culturale; il maggior “controllo delle parole” da parte di tutti ma ancor di più dei governanti; azioni concrete a sostegno di persone deboli che arrivano da noi; un supporto legislativo contro gli eccessi (com’è la “legge Mancino” in vigore, del 1993, che sanziona gesti, slogan, azioni legate al fascismo, alla discriminazione per motivi razziali…)…tutto questo può far tenere sotto controllo il fenomeno; così da poter dire che siamo ancora in un contesto civile, nonviolento, aperto a ogni diversità. (s.m.)

NUDI E MULTIETNICI, ECCO LA NUOVA CAMPAGNA BENETTON CONTRO IL RAZZISMO – Treviso, Presentato il lavoro di Oliviero Toscani per gli United Colors, un ritorno alle origini

……………………………..

DON CIOTTI: “LE PAROLE VIOLENTE STANNO FOMENTANDO UN CLIMA RAZZISTA”

da “La Stampa”, 3/7/2018
– C’è una violenza verbale che rischia di tradursi in violenza di fatto. C’è degrado nelle parole, nei linguaggi e anche nei comportamenti, c’è un clima giudicante. Credo che dovremmo fare una dieta delle parole: dobbiamo trovare l’umiltà di fermarci». (….) –
SOSPETTO
Torino – Le parole che ogni giorno fanno di ogni erba un fascio, cioè di ogni migrante una persona indesiderata, l’ha detto don Ciotti, creano l’atmosfera che si coglie sui mezzi pubblici, con i borbottii quando una madre velata sale con un passeggino, quando persone identificabili come non di origine italiana vengono additate come «quelli che ricevono aiuti mentre gli italiani fanno la fame».
Don Mauro Mergola, parroco a Torino ai Santi Pietro e Paolo Apostoli a San Salvario e direttore dell’oratorio salesiano San Luigi di via Ormea, tra i più «mondiali» della città, ammette che «c’è un clima di maggior sospetto rispetto ad un po’ di tempo fa e i ragazzi sentono disagio. Naturalmente c’è un grande malessere da parte della gente verso chi vende la droga. Il fatto è che i giovani senegalesi si sono fatti la fama di essere spacciatori. Però, noi che in largo Saluzzo siamo in mezzo alla movida, sappiamo che vendono alla grande anche gli italiani, solo che non sono riconoscibili».
Don Mauro combatte con l’arma della conoscenza e del coinvolgimento. «In settembre in parrocchia apriremo un housing per quattordici giovani italiani e stranieri: stiamo creando una rete di accoglienza per far sì che ogni ragazzo sia sostenuto e accompagnato da una famiglia. Non da un singolo volontario, ma da una famiglia, che lo faccia sentire importante per qualcuno, senza interessi».
SDOGANAMENTO
Non mancano testimonianze che dicono che dalla politica arriva lo sdoganamento del linguaggio razzista. «Ci sono ragazzi italiani che sono cresciuti qui al Valentino tra i giovani migranti, che hanno amici di varie origini – dice Matteo Aigotti, educatore di Spazio Anch’Io, l’oratorio all’aperto del San Luigi accanto a Torino Esposizioni- eppure bisogna leggere cosa scrivono su Facebook: parole cariche di odio. È un modo sbagliato per rivendicare il lavoro che non c’è per i giovani italiani. L’espressione ricorrente su Facebook e sui tram è “io non ho soldi, non ho lavoro ma per i neri c’è tutto”».
Di sdoganamento delle parole che esprimono razzismo parlano anche all’Ufficio Stranieri dell’Anolf-Cisl: «Ci sono datori di lavoro che quando hanno un contrasto con i dipendenti se ne escono con “Adesso c’è Salvini, è finito il tempo della pacchia”. E lavoratori che raccontano come certe parole facciano male, che nello scherzo c’è chi ormai passa il limite».

An anti-immigration protest in Dresden, GermanyHannibal Hanschke / Reuters

……………………………

L’ITALIA È DIVENTATA UN PAESE RAZZISTA?

di Davide Maria De Luca, 2/8/2017 da IL POST.IT (www.ilpost.it/ )
Se n’è parlato per le recenti notizie di aggressioni contro neri e stranieri: siamo andati a vedere i numeri e ci sono brutte notizie e altre che fanno ben sperare. Continua a leggere

LA TRAGEDIA INFINITA di chi fugge da povertà (migranti economici) e/o guerra (rifugiati) – Il fenomeno in Europa si è attenuato, ma la percezione mediatica di “INVASIONE” non guarda la realtà – L’Africa implode demograficamente, e l’Europa non offre ad essa un volano di sviluppo nel mondo globale – CHE FARE?

L’unica donna sopravvissuta al naufragio libico, in cui sono morti una donna con il suo piccolo, ritrovati ormai privi di vita dall’ONG OPEN ARMS, si chiama JOSEPHA e viene dal CAMERUN. Il suo salvataggio è quasi un miracolo: è rimasta per due giorni in mare sostenendosi a galla grazie ad un pezzo di legno, prima che i volontari di OPEN ARMS la ritrovassero al largo della Libia. A raccontare la sua storia è ANNALISA CAMILLI, una giornalista di ‘INTERNAZIONALE’ che si trova a bordo della nave della ong spagnola. Secondo la ricostruzione, i resti del gommone sono stati individuati alle 7.30 del 17 luglio, a una distanza di 80 miglia dalle coste libiche. (17/7/2018, da http://www.fanpage.it/ )

   La percezione di invasione dall’Africa, che stiamo vivendo in questi mesi è, appunto, solo una percezione. I dati dicono che nei primi sei mesi del 2018 gli arrivi sulle coste europee sono diminuiti di cinque volte rispetto ai picchi del 2016 (dati Unhcr, l’Agenzia delle Nazioni Unite specializzata nella gestione dei rifugiati).

A soccorrere la profuga è stato JAVIER FIGUERA, un ragazzo spagnolo di 25 anni: “Quando le ho preso le spalle per girarla – ha detto commosso – ho sperato con tutto il mio cuore che fosse ancora viva. Dopo avermi preso il braccio non smetteva di toccarmi, di aggrapparsi a me”. (17/7/2018, da http://www.fanpage.it/ )

   Su tutto sembra di capire che il problema comunque esiste ed è serio. L’Africa sta implodendo demograficamente, e in ogni caso anche accorte politiche di ciascuno stato africano (anche con progetti di modernizzazione, come l’educazione e la scuola per le bambine, che ridurrà il disequilibrio tra i sessi, ma anche impedirà che dai 13 anni inizino ad avere figli), di sviluppo delle società africane… e dall’altra politiche europee che impediscano l’immigrazione (a volte in modo autoritario e disumano, come accadde adesso con i respingimenti, oppure con progetti di sviluppo in loco atti a “far rimanere” i potenziali migranti)…. ebbene anche con un contenimento demografico africano e la politica di chiusura dei confini europei, ci sarà sempre un grande disequilibrio tra un’Africa con una media di età della popolazione estremamente giovane, e dall’altra un’Europa “vecchia”. E il travaso sarà spontaneo sicuramente: giovani generazioni africane cercheranno di andare dove possono vivere meglio (come è accaduto con le migrazioni europee verso le Americhe nel passato).

16 LUGLIO 2018 – Dopo Francia, Malta e Germania anche Spagna e Portogallo hanno dato la loro disponibilità a prendere 50 dei 450 migranti salvati su un barcone nei pressi dell’ISOLA DI LINOSA. E mentre il premier GIUSEPPE CONTE plaude al risultato, il primo ministro della Repubblica Ceca, ANDREJ BABIS, attacca il governo, dicendo che questa è la «strada verso l’inferno» . Aggiunge che il suo Paese «non prenderà nessun migrante» e chiede di attenersi al «principio di volontarietà» per il quale ci si era accordati al Consiglio europeo, mantenendo rigida la posizione anti immigrazione, che condivide con Polonia, Slovacchia e Ungheria. «Non accogliamo nessuno. Gli elettori ungheresi si sono espressi chiaramente alle ultime elezioni: non vogliono vivere in un paese di immigrati» dice ISTVAN HOLLIK, portavoce del gruppo parlamentare di FIDESZ, il partito del premier VIKTOR ORBAN. Da LA STAMPA del 16/7/2018 (mappa Isole Pelagie_ LINOSA_da WIKIPEDIA)

   Pertanto è pur vero che si sta “contenendo” il flusso “sud-nord”, e la percezione di “invasione” è fomentata dai gruppi sovranisti (nazionalisti) che quasi dappertutto adesso monopolizzano il contesto politico europeo; ma il problema esiste (delle presenti e future immigrazioni), e se ben gestito può anche diventare un volano di nuovo sviluppo per la stessa Europa. Con un “ringiovanimento” della popolazione, opportunità di sopperire anche al nostro calo demografico, che è anche una difficoltà economica, culturale. Ma richiede appunto una accorta politica europea, il non rinchiudersi degli Stati in un perdente progetto nazionalista (con gli slogan di adesso di “prima l’Italia”, la Slovacchia, la Polonia, la Repubblica Ceca, l’Austria… eccetera…”).

“L’AFRICA, ma sarebbe più corretto parlare di AFRICHE, è un continente enorme con oltre un miliardo di persone, 54 Stati diversi per condizioni politiche, economiche, climatiche e sociali…” (Riccardo Barlaam e Giuseppe Chiellino, “Il Sole 24ore”, 15/7/2018)

   Alcune osservazioni però vengono in mente:
– la politica dei respingimenti verso la Libia, un paese che non da alcuna garanzia del rispetto dei diritti umani, non può andar bene: è chiudere gli occhi, non sentire le disumanità che lì accadono (poco o nulla fanno i quasi inesistenti interventi di autorità di garanzia esterni). In Libia è vero che c’è stato l’accordo tra il governo Gentiloni e quello di Fayez Al Sarraj, ma questo governo libico a tutt’oggi viene definito disumano dalle Nazioni Unite, che ha fatto dire all’Alto commissario Zeid Raad Al Hussein: «La sofferenza dei migranti detenuti nei campi in Libia è un oltraggio alla coscienza dell’umanità»;
– politiche di sviluppo e incentivazione “a restare” nei paesi africani di origine, l’Europa non le sta facendo per niente: perché, come qualcuno di tanto in tanto accenna, non pensare a un “piano Marshall” africano? ..che consideri comunque caratteristiche e rispetto delle popolazioni, dell’ambiente, delle risorse naturali, della storia e tradizioni, con valutazioni di impatto ambientale e sociale, del controllo dei finanziamenti, di opportunità di studio e formazione per i ragazzi africani, di cura della salute, di regole e diritti umani rispettati … Un piano di sviluppo pensato, autogenerato in loco, prodotto da quei movimenti africani più democratici e seri?

Nel 2017 gli sfollati sono stati 10 milioni, appena 172mila hanno raggiunto le nostre coste dal Mediterraneo secondo l’Unhcr – Rispetto ai picchi del 2015-2016 gli arrivi sono diminuiti di cinque volte, restano gravi problemi di gestione a cominciare dall’integrazione

   Una immigrazione regolare in Europa permetterebbe poi di ridare fiato a servizi pubblici ora in crisi (come scuole primarie che chiudono per mancanza di bambini), di attività (rurali, artigianali…) e luoghi (paesi) che si desertificano, di un rilancio dell’economia e, come dice il presidente dell’Inps, pure di avere le risorse per pagare le pensioni agli anziani italiani, con i contributi degli immigrati che lavorano…. Pertanto vi è la necessità di realizzare una vera integrazione che trasformi i migranti da scappati di casa in cittadini.
Questioni non da poco, da valutare bene; ma se non si ha il coraggio di cambiare, il decadimento della società europea è nei fatti.

I DANNATI DELLA TERRA DI ADESSO – “(…..) ALESSANDRO LEOGRANDE ne LA FRONTIERA (FELTRINELLI,) il libro che meglio ha raccontato questi nuovi dannati della terra, riferisce alla perfezione cosa significa tutto questo: «Alla base di ogni viaggio c’è un fondo oscuro, una zona d’ombra che raramente viene rivelata, neanche a se stessi. Un groviglio di pulsioni e ferite segrete che spesso rimangono tali. Ma capita altre volte che ci siano dei viaggiatori che ne hanno passate così tante da esserne saturi. Sono talmente appesantiti dalla violenza e dai traumi che hanno dovuto subire, nauseati dall’odore della morte che hanno avvicinato, da non voler far altro che parlarne»(…)”. (ANGELO FERRACUTI, “IL MANIFESTO”, 15/7/2018)

   Il pensiero geografico che qui noi vorremmo frequentare, approfondire, le conoscenze e la convivenza delle etnìe, un’individuazione dei luoghi e delle culture italiche che potranno essere rinvigorite dai “nuovi italiani”, “nuovi europei”…tutto questo la disciplina geografica, liberatasi dei suoi limiti e orpelli scolastici, nozionistici, folclorici… potrà diventare uno strumento serio ed importante di creazione di questo nuovo mondo basato sulla pace e sullo sviluppo, e rispetto di ciascuna persona. (s.m.)

“…L’Africa subsahariana rappresenta solo il 14% della popolazione mondiale ma quasi la metà dei nuovi rifugiati si registra dal Sahara in giù: 5,5 milioni di persone, 46,4% del totale mondiale. Nord Africa e Medio Oriente hanno avuto 4,5 milioni di rifugiati. A questi vanno aggiunti i migranti economici. In totale nel 2017 hanno lasciato la loro casa in Africa circa 10 milioni di persone. Ma dal «fronte Sud» di Italia, Spagna e Grecia sono transitate verso l’Europa 172.301 persone, con 3.139 tra morti e scomparsi stimati (morti che potrebbero essere evitati con un accordo politico con i Paesi nordafricani, e una semplice rete di radar come accadde anni fa con i gommoni provenienti dall’Albania). Su 10 milioni di profughi africani insomma 172mila prendono la via del mare….” (Riccardo Barlaam e Giuseppe Chiellino, “Il Sole 24ore”, 15/7/2018)

……………………

LA PENOSA QUARANTENA DEI MIGRANTI

di Attilio Bolzoni, da “la Repubblica” del 16/7/2018
Urlano, twittano e postano, a volte minacciano, dichiarano, proclamano, solennemente promettono, discutono, litigano o fanno finta di litigare, si prendono le loro belle valanghe di like mentre quegli altri resistono ancora un po’.
Almeno per un altro giorno e sempre in mare. Vicino a MALTA o al largo delle PELAGIE, nel porto di TRAPANI o ancora in acque libiche. I primi hanno sempre la forza di gridare qualcosa o di irridere qualcuno, i secondi sono più morti che vivi e sprofondati in quell’altro mondo che è diventato per loro il MEDITERRANEO.
Fra le onde alte, il caldo torrido, le navi cariche che dondolano nel niente, una rotta che non si trova più. L’ultimo barcone è approdato nella rada di POZZALLO e soltanto dopo lunghe trattative il Viminale ha autorizzato lo sbarco di tutti i migranti: poche ore prima il via libera era stato dato solo a donne e bambini.
Roma ha accusato Malta, Malta ha chiuso i suoi porti, il nostro ministro dell’Interno aveva appena scritto «volere è potere, io non mollo» – commentando i due indagati dalla procura di Trapani – e poi è ritornato a gonfiare il petto e a rassicurare la sua claque: «Abbiamo già dato». Il ministro dei Trasporti Toninelli gli è andato dietro, secco: «Malta faccia subito il suo dovere».
DOVERE. Come cambia, come cambia il significato delle parole da una stagione all’altra, da un mese all’altro. Dovere.
Ditelo a quei quattrocento che sono stati a bordo di quel legno fradicio cos’è il “dovere”. Cos’è, in una giornata di mezza estate, per quest’Italia che sembra travolta da se stessa. Andate a spiegare a quelle madri e a quei padri che hanno guardato i loro figli sul peschereccio in un punto imprecisato del mare, cos’è “giusto” e cosa sono “i fatti” che – sempre Salvini – snocciola e rilancia («sono ministro da un mese e mezzo e sono sbarcate 3716 persone. Nello stesso periodo dell’anno scorso erano state 31.421»).

LA VIA DELL’INFERNO – “PRAGA «È una via per l’inferno». Non usa mezzi termini il premier ceco ANDREJ BABIŠ commentando sul suo profilo Twitter la lettera inviata dal premier italiano Giuseppe Conte che esortava ad accogliere una parte dei migranti e rifugiati arrivati a POZZALO. «Il nostro Paese non accetterà alcun rifugiato. Al Consiglio europeo siamo riusciti a far approvare il principio di volontarietà e ci atterremo a esso», ha continuato il premier ceco, nella cui visione il contributo volontario equivale, evidentemente, a contributo zero. (…)” (Jakub Hornacek, il Manifesto, 17/7/2018)

   Fatti e numeri, giusto e non giusto, fame e sete, dolore e terrore. E l’inferno cos’è? Quello che vivono su quel barcone che è arrivato a Pozzallo con il suo carico umano o quello che c’è stato e ci sarà in chissà quanti altri barconi sotto il sole cocente, o è quell’altro che immagina il premier della Repubblica Ceca, Andrej Babis, che dice di no al premier Giuseppe Conte, dice che non ne farà entrare uno solo nel suo Paese perché «questa è la strada per l’inferno»?
INFERNO, un’altra di quelle parole snervate, smontate pezzo per pezzo e poi rimontate a proprio uso e consumo.
L’inferno che ci sarà a Praga se Praga accetterà una piccola “quota” di quei migranti o l’inferno del popolo nero che ha lasciato l’Africa ma non sa quando e se mai arriverà in Europa.
Troppa la DISTANZA. Troppa la distanza fra le parole che pronunciano i nostri governanti e quelli di altre nazioni europee e le sofferenze di chi sta in queste settimane in mare, prigioniero in mare, murato in mare, condannato in mare. E chissà, mentre muoiono di crepacuore, se quegli uomini e quelle donne e magari pure quei bambini, scopriranno mai il significato di termini freddi e a noi familiari, “QUOTA”, “PATTI BILATERALI”, “ACCORDI”.
E chissà se qualcuno di loro – a bordo di qualche carcassa e in attesa di morire o di tornare fra i loro vecchi torturatori delle prigioni libiche – prima o poi riuscirà a capire cosa vuol dire «PRIMA GLI ITALIANI», la frase che ossessivamente ripete da sempre Matteo Salvini. Che esordisce nei suoi tweet e nei suoi post sempre con un’altra di quelle parole – «AMICI» – che nasconde dentro di sé qualcosa di indicibile in questa tragedia infinita. (Attilio Bolzoni)

…………………..

“…Il punto non è tanto «l’invasione» ma piuttosto UNA VERA INTEGRAZIONE CHE TRASFORMI I MIGRANTI, DA SCAPPATI DI CASA IN CITTADINI. Da fuggitivi a parte della società, energie vive per la comunità civile. Senza dimenticare i problemi. Che ci sono, dal contrasto al traffico di esseri umani alla ripartizione degli oneri dell’accoglienza. E andrebbero affrontati dalla politica in bancarotta etica – divisa – e non sui social. Per dirla con ROGERS WATERS, mente creativa dei PINK FLOYD, che in questo periodo apre i suoi concerti con una frase, sempre la stessa, che ricorda il titolo del libro di un giornalista italiano più conosciuto all’estero che da noi, VITTORIO ARRIGONI, ucciso dagli islamisti nel 2011: «RESTIAMO UMANI»…” (Riccardo Barlaam e Giuseppe Chiellino, “Il Sole 24ore”, 15/7/2018) (IMMAGINE da GREENREPORT: Il 11 luglio scorso più di 50 attivisti della rete #RESTIAMOUMANI si sono incatenati alla scalinata di ingresso del Ministero dei Trasporti, in Via Nomentana a Roma, «per protestare in modo pacifico e nonviolento contro le politiche dell’attuale governo che, con la connivenza dell’Ue, stanno causando l’aumento esponenziale del numero di persone che muoiono in mare nel tentativo di raggiungere le coste europee».

LA FUGA DA UN CONTINENTE

AFRICA: IN 10 MILIONI «SENZA TERRA», IL 2% PRENDE IL MARE
– In Europa solo il 2% degli africani in fuga –
di Riccardo Barlaam e Giuseppe Chiellino, da “Il Sole 24ore” del 15/7/2018
IL FRONTE SUD
NEL 2017 GLI SFOLLATI SONO STATI 10 MILIONI, APPENA 172MILA HANNO RAGGIUNTO LE NOSTRE COSTE DAL MEDITERRANEO, secondo l’Unhcr.
I NODI Continua a leggere

VIAGGIARE O FARE TURISMO DI MASSA? – il caso (ancora una volta) di Venezia – l’opera e le azioni amministrative perché le persone (pur oggi numerose) tornino ad essere viaggiatori, “ESPLORATORI DEI LUOGHI” e non turisti di massa – L’EDUCAZIONE all’antropologia dei luoghi

turisti a Venezia

   I turisti sono un importante business economico, ma non per tutti. Ad esempio i residenti delle più belle città europee, presi d’assalto da un turismo sempre più numeroso, sono in una situazione di stress, di tracollo psico-fisico. E anche le strutture artistiche, architettoniche, i monumenti… ma anche logistiche (strade, servizi igienici…) ne risentono. La speculazione edilizia, le strutture più o meno legali di accoglienza dei visitatori (affitta-camere, B&B…), portano a un modello odierno di turismo che tende a mandar via i residenti storici dai propri quartieri e colpisce l’ambiente.

FOTO DI GIANNI BERENGO GARDIN (DA IL CORRIERE DELLA SERA, SUPPL. “SETTE” DEL 22/2/2018

Venezia, Barcellona, Mont Saint Michel, Dubrovnik in Croazia…. sono di fatto diventate non più città (o luoghi ameni di grande pregio) ma parchi turistici…. con un turismo di massa che va ovunque (c’è perfino un turismo in eccesso nei luoghi dell’Olocausto nazista…). E poi il turismo d’assalto nei posti di montagna, i passi e rifugi raggiungibili in macchina…. Non parliamo che sovra-affollamento delle coste, pur quasi sempre nate solo per la vocazione turistica e poco come residenze storiche… E poi Il turismo religioso, a intasare cattedrali e altri luoghi sacri…
Poi, con l’aumentata minaccia del terrorismo in Maghreb e Medio Oriente, e con il successo delle crociere e la diffusione di luoghi in cui dormire a bassa prezzo (parlavamo prima di affittacamere più o meno tollerati, i B&B…), il turismo (anche quello di pochi giorni), si è rivolto verso destinazioni più nel Mediterraneo del nord, destinazioni “nostre”, mettendo sotto pressione gli ecosistemi cittadini, senza risposte adeguate da parte delle amministrazioni comunali, delle autorità sovracomunali (Regioni, Stato…).

(foto da VENEZIA TODAY) – “(….) È COME SE SI CERCASSE DI CANCELLARE LA VENEZIA DEL NOVECENTO: una città moderna, all’avanguardia, creativa. Oggi molto è cambiato, certo. Ma dimenticare che questa è stata una città moderna, e rifarsi solo a un passato distante, è un errore. QUESTA CITTÀ È NEL MONDO, NON FUORI DAL MONDO (…) ”(intervista a Paolo Baratta, presidente della Biennale, da SETTE de “il Corriere della Sera”, 22/2/2018)

E ancora, nella nostra epoca globale, una fascia sempre più larga di persone “lontane” riesce ad avere risorse finanziarie sufficienti per poter viaggiare, andare a vedere posti di cui una volta sentivano solo parlare (Venezia su tutte…) … e con i viaggi low cost, le opportunità aumentano.
Venezia è un emblema di questo divenire una “non città” per troppa presenza turistica: i residenti sono 55mila, che devono convivere (magari molti anche commercialmente guadagnandoci con la ristorazione, i negozi, alcune di queste attività in mano a stranieri) con gli oltre 20 milioni di visitatori all’anno. In ogni caso un disequilibrio che snatura la città.

GRANDI NAVI, FOTO DI GIANNI BERENGO GARDIN, da “Sette” del Corriere della Sera – «Qui le cose o sono eccezionali o non sono. E con il termine ‘eccezionale’ intendo qualcosa che esce dall’ordinario, dal locale. Qualcosa capace di dialogare con il mondo. Giustamente si parla del numero esagerato dei turisti e della fuga dei residenti. Però non dobbiamo fermarci a questo. Bisogna pensare a che cosa mettere accanto al flusso dei turisti, come far crescere la città attirando qui le competenze giuste, nazionali e internazionali». E LE GRANDI NAVI SUL CANAL GRANDE? BARATTA SE LA CAVA CON UNA BATTUTA: «QUELLE SÌ CHE SONO FUTURISTE! MARINETTI NON SAREBBE MAI ARRIVATO A IMMAGINARE TANTO…». (intervista a Paolo Baratta, presidente della Biennale, da SETTE de “il Corriere della Sera”, 22/2/2018)

E cresce però in tutta Europa la fronda contro il fenomeno “turistico” di massa. Ci sono sempre più città in cui le amministrazioni locali stanno valutando o attuando misure per porre un limite alla pressione turistica. Stop agli affitta-camere illegali, alla diffusione di B&B non autorizzati, e con la creazione di numeri controllati e limitati di visitatori nelle piazze principali (come l’esperimento del conta-persone che si è avuto a Venezia nello scorso Carnevale).

Venezia anni ’60, foto di Gianni Berengo Gardin, da Sette, supplemento del Corriere della Sera del 22/2/2018

Allora vanno bene le misure “anti-turista di massa”, però sarà difficile fermare il fenomeno. Per questo bisogna pensare ad allargare il giro delle destinazioni “alternative” all’interno delle città d’arte, scegliendo anche quelle minori; diversificare le attività proposte, ampliare la stagione…. E così rispondere alle esigenze dei residenti….. Pertanto ci vuole un’ipotesi di turismo diffuso, di educazione a un turismo motivato, culturale, rispettoso dei luoghi….. il sistema delle sanzioni può servire ma non può bastare.

CORRADO DEL BÒ, “ETICA DEL TURISMO”, ed. CAROCCI. – “SIAMO TUTTI TURISTI. NON VIAGGIATORI. Il turista è colui che si sposta per diletto, per svago, per divertimento. Viaggiare vuole dire scoperta, avventura, è un’idea dei tempi passati. Ed è inutile rifarsi a questo concetto affannandosi di distinguersi dalla massa”. Il professore di Filosofia del diritto e Filosofia del Turismo, CORRADO DEL BÒ, non lascia all’homo low cost un grosso margine di manovra. (vedi l’ultimo articolo di questo post dedicato a questo libro) (immagine tratta da http://www.ravenna.it/)

Il rapporto della Amministrazioni Comunali è però spesso ambiguo: sì alle limitazione, ma fa anche comodo avere persone che portano soldi (a volte pochi, ma pur sempre qualcosa spendono…). Rapporto ambiguo spiegabile anche emotivamente dal fatto che “è brutto” cacciare il visitatore, seppur povero, che vuole visitare la bellezza della tua città…

PATRIZIA BATTILANI, “VACANZE DI POCHI, VACANZE DI MOLTI”, IL MULINO, 2000 – VIAGGIO E TURISMO NELLA STORIA: 1- PROTOTURISMO 2- TURISMO MODERNO 3- TURISMO DI MASSA 4- TURISMO GLOBALE. – IL VIAGGIO. Impulso a viaggiare. Viaggio è desiderio di conoscenza, di scoperta. Possibilità di vivere in età e culture diverse. Viaggio come fuga dalla quotidianità, come ricerca di emozioni, di svago Viaggio come esperienza di vita e di crescita , di rinnovamento sia fisico che culturale, di conoscenza di sé stessi. Viaggio come metafora della vita… Artisti, poeti, esploratori, geografi, turisti… – VIAGGIO E GEOGRAFIA. Un modo diretto (o indiretto attraverso il racconto) di avvicinarsi a un territorio Ci dà una prima interpretazione (soggettiva) che richiede verifiche e approfondimenti. Dipende da ciò che esso offre ma , molto, da come viene vissuto. LA GEOGRAFIA STESSA È NATA DAL DESIDERIO DI VIAGGIARE E DAL RACCONTO DI VIAGGIO. (da AIIG – ASSOCIAZIONE ITALIANA INSEGNANTI DI GEOGRAFIA – PAESE CHE VAI… TURISTI O VIAGGIATORI? – A cura del Prof. CARLO CENCINI )

Più importante allora è per le istituzioni locali creare delle regole ferree cui il turista deve attenersi (stop a cose folli come il bagno nelle fontane o azioni simili, ma anche a pic-nic per strada, o alla paranoia di selfie dappertutto anche con bastoni appositi…); e poi (ribadiamo) invitarlo (il turista) ad uscire dai circuiti soliti di massa dove tutti si concentrano nelle città d’arte (Piazza San Marco a Venezia…) e proporre visite “intelligenti”. E Venezia (presa da noi in questo post come “campione simbolo”), Venezia avrebbe tante isole della Laguna di notevole bellezza ora abbandonate…
Il “turismo diffuso” sembra l’idea forse più interessante per non concentrare in un unico posto “tutta la gente”. Ed è pure quasi sempre un turismo più intelligente, meditativo, per far conoscere meglio popolazioni, luoghi ambienti….

IL VIAGGIO E L’ESPLORAZIONE SECONDO LÉVI-STRAUSS (nella foto) – “ODIO I VIAGGI E GLI ESPLORATORI”. Così suona l’inizio di TRISTI TROPICI, il libro che nel 1955 avrebbe reso il suo autore e l’antropologia noti in tutto il mondo. L’autore di quel libro, CLAUDE LÉVI-STRAUSS, aveva cominciato a viaggiare quando, giovane professore di filosofia nei licei di provincia francesi, aveva colto la proposta di andare a insegnare sociologia a San Paolo del Brasile. Lì sarebbe cominciata la sua grande avventura intellettuale e umana: le ricerche tra gli indios, il ritorno in Francia, la guerra, la sconfitta, la fuga in America, l’esilio, il ritorno. (Ugo Fabietti, Professore Ordinario di Antropologia culturale all’Università di Milano Bicocca)

Tutto questo però può nascere con una nuova cultura imprenditiva turistica, che privilegi la conservazione dei luoghi nella loro funzione naturalistica, artistica… rispetto al mero immediato profitto da ricavarsi sul turismo. E far divenire così il turismo il “migliore alleato” per la protezione e la conservazione; ma deve essere gestito correttamente. Un tentativo sarebbe di farlo tornare, il “turista”, all’origine del “muoversi per andare in altri luoghi” (per lavoro, conoscenza o altro), cioè che torni ad essere “viaggiatore” (ne parliamo nella seconda e ultima parte di questo post) (s.m.)

…………………………

«SCUSI, SA DIRMI A CHE ORA CHIUDE VENEZIA?»

di Gian Antonio Stella, da “Sette” supplemento de “il Corriere della Sera”, 22/2/2018
– Il turismo nella Serenissima è insostenibile, inconsapevole, spesso incivile. Tanto che qualche visitatore crede che la città sia un parco a tema, con orari di chiusura e apertura –
«Otto de sera. Camino verso el Pontil del Monumento, trovo un grupeto de turisti. “Scusi”, i me dixe, “A che ora chiude?” Rispondo: “Tranquilli: i vaporetti vanno, più rari, anche la notte”. I me varda: “Non i vaporetti: Venezia! Quando chiude, Venezia?” Robe da mati: i credeva che Venessia fosse un parco turistico!». Continua a leggere

NUOVO ELDORADO ARTICO: SARÀ GUERRA? – Nell’ARTICO, con lo scioglimento dei ghiacciai, si sono aperte NUOVE ROTTE geografiche, e GRANDI GIACIMENTI (minerari, petrolio, gas): CAUSE di una guerra strisciante tra grandi potenze mondiali – E il Circolo Polare Artico muore nel disequilibrio climatico globale

Il MAR GLACIALE ARTICO è un mare situato interamente nella regione del POLO NORD, circondato dalle estreme regioni settentrionali di EUROPA, ASIA e AMERICA. La caratteristica principale di questo mare è il fatto di AVERE, NELLA SUA PARTE CENTRALE, LA SUPERFICIE PERMANENTEMENTE GELATA, ATTORNO AL POLO NORD; da ciò deriva il suo nome. Si tratta della BANCHISA ARTICA, che subisce variazioni in base alla stagione, estendendosi verso sud durante i mesi invernali. L’innalzarsi della temperatura dovuta all’EFFETTO SERRA (il contenimento dei raggi solari nella biosfera, sta riducendo drasticamente lo strato di ghiaccio

   L’Artico, cui i ghiacci man mano si sciolgono, è due volte vittima: prima del riscaldamento globale che sta sciogliendo sempre più il permafrost, cioè il suo suolo ghiacciato, e poi come “protagonista” (…l’Artico, suo malgrado…) dell’inquinamento per lo sfruttamento delle risorse minerarie e del petrolio che Russia, Usa, Cina, Canada (ma anche Norvegia, Danimarca, e tanti altri Paesi, tra cui pur in misura minore l’Italia con l’Eni) stanno sfruttando. Cosicché in particolare l’individuazione in questi luoghi di petrolio non può che aggravare l’impatto sull’ecosistema artico, ma anche globale, per tutto il pianeta.

MAR GLACIALE ARTICO – (….) “SOTTO LO STRATO DI GHIACCIO C’È METANO IN FORMA GASSOSA LEGATO AL PROGRESSIVO SCIOGLIMENTO DEL PERMAFROST (il permafrost è il terreno tipico delle regioni dell’estremo Nordeuropa con un suolo perennemente ghiacciato), con la conseguente liberazione di riserve di idrati di metano e clatrati, e l’esposizione di antico materiale organico alla decomposizione dei batteri. È solo una delle componenti della cosiddetta «AMPLIFICAZIONE ARTICA», il fenomeno per cui A FRONTE DI UN CAMBIAMENTO CLIMATICO EFFETTIVO (ad esempio un aumento dei gas serra) I POLI SONO LE REGIONI TERRESTRI CHE TENDONO A RISCALDARSI DI PIÙ (nel caso dell’Artide, a velocità addirittura doppia rispetto al resto del pianeta). Ciò avviene soprattutto a causa della DIMINUZIONE DELL’EFFETTO ALBEDO: IL GHIACCIO RESPINGE FINO AL 70% DELL’ENERGIA SOLARE, L’ACQUA DI MARE SOLO IL 6%. La drastica riduzione di ghiaccio polare avvenuta dagli anni Settanta a oggi (da 8 milioni di chilometri quadrati a 3,4), ha fatto calare la capacità di rifrazione della Terra di diverse misure. Se questa rotta non viene invertita (e le possibilità che ciò avvenga, considerando la situazione degli accordi internazionali, non sono molte) PRESTO LA CALOTTA POLARE ARTICA SI RIDURRÀ SENSIBILMENTE, LIBERANDO NUOVI TERRENI, RISORSE E ROTTE NAVALI. Parliamo di UN NUOVO CONTINENTE — distribuito sui territori di SIBERIA, NORVEGIA, ALASKA, CANADA e, soprattutto, GROENLANDIA — che sta letteralmente emergendo dai ghiacci; un continente estremamente ricco, peraltro, tanto che secondo alcune stime in questa zona sarebbe custodito il 25% delle riserve mondiali di combustibili fossili. Naturalmente, c’è già chi si sta attrezzando per lucrarci sopra” (….) (Fabio Deotto, da “La Lettura”, “il Corriere della Sera” del 21/1/2018)

Nell’Artico da anni è così in atto una guerra poco visibile, strisciante, tra gli Stati che si affacciano sulla regione (Stati Uniti, Canada, Russia, Paesi Scandinavi) e la Cina, per l’accaparramento delle rotte marine e le risorse naturali, da quelle minerarie a quelle petrolifere e il gas. E’ una NUOVA CORSA COLONIALE, con la Russia di Putin che già avrebbe schierato quasi 1.400 testate nucleari nella regione.

da “la Repubblica” del 20/10/2016

Ci sono le “migliori” (si fa per dire) condizioni climatiche favorevoli nell’emergenza del riscaldamento globale. Basta pensare che a fronte di un cambiamento climatico effettivo (ad esempio un aumento dei gas serra) i poli sono le regioni terrestri che tendono a riscaldarsi di più, ad amplificare gli effetti del riscaldamento (nel caso dell’Artide, a velocità addirittura doppia rispetto al resto del pianeta).

Foto: BAMBINI INUIT – Gli INUIT – in lingua inuktitut, parola che significa uomini/umanità- è il piccolo popolo dell’Artico discendente dei Thule. Gli Inuit sono uno dei due gruppi principali nei quali sono divisi gli Eschimesi, insieme agli Yupik. Il termine “eschimesi” (che secondo alcuni, significa “mangiatori di carne cruda”, secondo altri “fabbricante di racchette da neve”) fu usato dai nativi Americani Algonchini del Canada orientale per indicare questo popolo loro vicino, che si vestiva di pelli ed era costituito da esperti cacciatori. Gli Inuit e gli Yupik non amano essere chiamati “eschimesi” considerato che hanno, appunto, un proprio nome specifico. Gli INUIT sono gli originari abitanti delle regioni costiere artiche e subartiche dell’America settentrionale e della punta nord orientale della Siberia. Il loro territorio è principalmente composto dalla tundra, pianure basse e prive di alberi dove il terreno è perennemente ghiacciato, il cosiddetto permafrost, salvo pochi centimetri in superficie durante la breve stagione estiva. Attualmente vivono in Alaska (Stati Uniti), in Groenlandia (Danimarca) ed in Canada dove risultano concentrati in particolare nel Territorio del Nord-Ovest, nel vicino Nunavut e nella regione settentrionale del Labrador della Federazione Canadese. (da Wikipedia)

Nel 2009 un’équipe di scienziati, utilizzando un moderno modello climatico e seguendo uno scenario di inquinamento medio, ha stimato che entro il 2100 nel mare Artico tutti i ghiacciai saranno fusi.

YAMAL, mega-impianto della Russia di gas nell’Artico siberiano – RUSSIA: ALLA CONQUISTA DEL POLO – GUERRA DELL’ARTICO: TRA LE POTENZE COINVOLTE C’È ANCHE L’ITALIA – 3 Gennaio 2018, da http://www.liberoquotidiano.it/ – Nella conferenza stampa di fine 2017 il presidente russo VLADIMIR PUTIN ha messo in chiaro che “la ricchezza della Russia crescerà con l’espansione nell’Artico”. Dove ormai da anni è in atto una guerra a “bassa intensità” tra gli Stati che affacciano sulla regione (STATI UNITI, CANADA, RUSSIA, PAESI SCANDINAVI) e la CINA, che un affaccio sull’Artico non ce l’ha ma negli ultimi anni ha investito nella regione qualcosa come 80 miliardi di dollari. La “guerra” ha come obiettivo l’accaparramento delle rotte marine (coi relativi dazi per il passaggio o veti a Paesi sgraditi) e l’accaparramento di risorse naturali, da quelle minerarie a quelle petrolifere e il gas. Con un potenziale illimitato e al quale si sta guardando con sempre più impazienza se è vero, come dichiara su “La Stampa” Davide Tabarelli di Nomisma Energia, che “tra due anni il petrolio nel mondo tornerà a mancare perché la domanda cresce più dell’offerta di shale oil”. (leggi anche: Putin inaugura il mega-impianto nell’artico siberiano ) . E tra gli attori che stanno intervenendo nell’Artico c’è anche l’Italia attraverso Eni, che da qualche mese ha iniziato le trivellazioni alla ricerca del greggio su SPY ISLAND, nell’estremo nord dell’Alaska in una località che si chiama OLIKTOK POINT. Il greggio non è ancora stata pompato, ma all’Eni sono pressoché certi di trovarlo perché l’isola si trova poco distante dalla costa in una regione il cui sottosuolo è ricchissimo di petrolio. La capacità sarà di 20mila barili al giorno.

E lo scioglimento dello strato ghiacciato è connesso alla velocità e risparmio economico del commercio internazionale: si è allungato il periodo estivo di accesso al PASSAGGIO A NORD-EST del Mar Glaciale Artico, che è un tragitto più corto rispetto alla rotta che passa dal Canale di Suez, e quindi appunto strategico per le rotte commerciali che dal Nord Europa arrivano all’Asia e all’Estremo Oriente.

DA “LA REPUBBLICA” 20/10/2016

Pertanto una volta, in passato, la ricerca dei passaggi di Nord-Est e Nord-Ovest era un motivo “geografico” degli esploratori, di spedizioni verso quei mari ghiacciati. Ora la gran parte dei navigatori di oggi è mossa da un’urgenza commerciale e politica, ben oltre, diversa, da quella scientifica e naturalistica.

Passaggio a nord est attraverso lo stretto di Bering fra la Russia e l’Alaska (passa a sud del Polo Nord). DAL WALL STREET JOURNAL

La Cina punta con ogni mezzo a espandere nel Grande Nord le sue ambizioni globali; gli Stati Uniti, ma anche la Norvegia, fronteggiano il pericoloso disegno neo imperiale di Vladimir Putin che considera l’Artico il “mare nostrum” della Russia e dispiega spie, basi e testate nucleari.
I giacimenti di oro, diamanti e nickel, tra i più estesi della Terra, vengono già sfruttati a pieno regime e il sempre più veloce ritirarsi dei ghiacci, unito allo scioglimento del permafrost, sta facilitando l’accesso anche a petrolio e gas naturale.

I SÀMI, LE ULTIME SENTINELLE DELL’ARTICO (di JACOPO PASOTTI) – “In una vastissima area a cavallo TRA RUSSIA E SCANDINAVIA vivono circa 100.000 SÀMI. Dopo secoli di adattamento e una collaudata capacità di integrare antiche tradizioni e nuove tecnologie, il cambiamento climatico minaccia ora di spazzarli via. Il problema non è però l’ennesimo esame di resilienza da superare, ma il rischio di diventare sempre più un ostacolo allo sfruttamento delle enormi risorse naturali custodite nelle loro terre che lo scioglimento dei ghiacci renderà finalmente disponibili”(…vedi i reportage di Jacopo Pasotti in conclusione di questo post)

Tra gli attori che stanno intervenendo nell’Artico c’è anche l’ITALIA attraverso l’ENI, che da qualche mese ha iniziato le TRIVELLAZIONI. Le associazioni ambientaliste sono naturalmente in cima alla lista degli oppositori delle perforazioni nei mari ghiacciati del Nord (il ramo americano dell’Eni, per esempio, è stata duramente contestata dalle associazioni ambientaliste).

ENI A OLIKTOK POINT – Tra gli attori che stanno intervenendo nell’Artico c’è anche l’Italia attraverso ENI, che da qualche mese ha iniziato le TRIVELLAZIONI alla ricerca del greggio su SPY ISLAND, nell’estremo nord dell’Alaska in una località che si chiama OLIKTOK POINT. Il greggio non è ancora stata pompato, ma all’Eni sono pressoché certi di trovarlo perché l’isola si trova poco distante dalla costa in una regione il cui sottosuolo è ricchissimo di petrolio. La capacità sarà di 20mila barili al giorno

E’ un mondo strano il nostro: con gli accordi sul clima di Parigi si riconosce l’emergenza ambientale climatica. Ma gli interessi delle nazioni non si fermano a niente: e i buoni propositi (e gli accordi internazionali) magari si cerca di applicarli con qualche regola più ferrea sul contenimento dei sistemi di inquinamento (dell’industria, delle auto, dei riscaldamenti domestici…) ma tutto il resto va drasticamente verso il disequilibrio globale.

IL GRANDE NORD (da Limes)

La lenta ma inesorabile fine dei ghiacci dell’Artico ne sta rappresentando un simbolo negativo assai temerario, preoccupante (dobbiamo trovare il modo non solo di enunciare i problemi ma risolverli). (s.m.)

…………………………

IL LIBRO – “ARTICO. LA BATTAGLIA PER IL GRANDE NORD” di MARZIO G. MIAN (Ed. NERI POZZA, 13,50 euro) – Era quasi la Luna, l’Artico. Un altro pianeta rispetto alla grande storia dell’umanità. Invece ora si trova al centro di trasformazioni epocali. Dallo spazio appare sempre meno bianco e sempre più blu; un nuovo mare sta emergendo come un’Atlantide d’acqua, perché il riscaldamento nel Grande Nord è doppio rispetto al resto della Terra. Ma lo scioglimento dei ghiacci perenni ha scatenato la contesa per la conquista dell’unica area del mondo ancora non sfruttata e che nasconde risorse pari al valore dell’intera economia Usa. Si aprono strategiche rotte mercantili, ampie e pescose regioni marittime, ciclopiche infrastrutture per le estrazioni. Una spietata corsa neocoloniale ai danni degli INUIT. Marzio G. Mian è uno dei pochi giornalisti internazionali ad aver esplorato sul campo il Nuovo Artico. Dalla Groenlandia all’Alaska, dal Mare di Barents allo Stretto di Bering, questo VIAGGIO-INCHIESTA racconta in presa diretta la battaglia per la conquista dell’ultima delle ultime frontiere. La Cina punta con ogni mezzo a espandere nel Grande Nord le sue ambizioni globali; gli Stati Uniti, ma anche la Norvegia, fronteggiano il pericoloso disegno neo imperiale di Vladimir Putin che considera l’Artico il mare nostrum della Russia e dispiega spie, basi e testate nucleari: un conflitto appare qui oggi più realistico che ai tempi della Guerra fredda, scrive Mian. Nel Grande Gioco del Ventunesimo secolo incombe su tutte una domanda: di chi è il Polo Nord?

…………

LA GUERRA FREDDISSIMA TRA I GHIACCI CHE SI RITIRANO

di Fabio Deotto, da “La Lettura” da “il Corriere della Sera” del 21/1/2018
– La nuova corsa coloniale coinvolge cinque nazioni: Norvegia, Usa, Canada, Russia e Danimarca (Groenlandia) impegnate in un tenace braccio di ferro – Putin avrebbe schierato già quasi 1.400 testate nucleari nella regione – Cina e Australia sono ossessionate dalle clamorose opportunità naturali –
La scena è ambientata in un lago ghiacciato ricoperto da una coltre di neve e circondato da una corona di conifere. Davanti alla telecamera ci sono due persone: una è in piedi e regge un lungo bastone appuntito, l’altra è in ginocchio e tiene tra le dita un fiammifero acceso. Appena il bastone perfora lo strato di ghiaccio, la fiammella si trasforma in una colonna di fuoco alta almeno due metri. Seguono urla e risate.
Il video si trova facilmente su YouTube ma non è stato girato per rastrellare visualizzazioni. La persona con il fiammifero si chiama Katey Walter Anthony, è professoressa alla University of Alaska di Fairbanks e se ha passato ore a far sputare fiamme a un lago ghiacciato è per dimostrare in tempo reale gli effetti del cambiamento climatico.
Il fatto che sotto quello strato di ghiaccio ci sia metano in forma gassosa è infatti legato al progressivo scioglimento del permafrost, con la conseguente liberazione di riserve di idrati di metano e clatrati, e l’esposizione di antico materiale organico alla decomposizione dei batteri. È solo una delle componenti della cosiddetta «amplificazione artica», il fenomeno per cui a fronte di un cambiamento climatico effettivo (ad esempio un aumento dei gas serra) i poli sono le regioni terrestri che tendono a riscaldarsi di più (nel caso dell’Artide, a velocità addirittura doppia rispetto al resto del pianeta). Continua a leggere

XI JINPING, il nuovo TIMONIERE della CINA, sarà il FUTURO IMPERATORE GLOBALE? C’è ambizione e determinazione cinese ad essere “prima” in tutti campi (economico, tecnologico, scientifico, politico…) – Ma rispetterà i DIRITTI UMANI e le TANTE ETNÌE dei suoi territori? Vincerà la SCOMMESSA AMBIENTALE?

IL CONGRESSO CINESE TENUTO DAL 18 AL 25 OTTOBRE SCORSO – “GLOBALISMO ECONOMICO SENZA UNIVERSALISMO POLITICO” . ““Un elemento su cui occorre meditare profondamente emerge dal concetto di globalizzazione espresso dal Congresso: LA CINA ACCETTA e promuove LA GLOBALIZZAZIONE ECONOMICA MA SI OPPONE A OGNI PROCESSO DI GLOBALIZZAZIONE POLITICA. Pechino esprime cioè un’assoluta contrarietà all’adozione di valori universali proposti e imposti da altri Paesi. In parole più semplici la Cina rifiuta la pretesa dell’Occidente democratico di definire quello che è bene e quello che è male o, per essere ancora più espliciti, essa si ritiene legittimata, almeno come l’Occidente, a definire quello che è bene e quello che è male. (….) La Cina continuerà quindi ad avere rapporti con tutti a seconda delle sue convenienze e senza assolutamente curarsi del regime dei paesi con cui tratta. Mi sembra quindi che, in questi ultimi mesi, siamo ormai entrati in una nuova fase storica che potremmo definire come GLOBALISMO ECONOMICO SENZA UNIVERSALISMO POLITICO”. (Romano Prodi, Il Messaggero, 5/11/2017)

Il 19esimo Congresso del Partito comunista cinese (tenutosi dal 18 al 25 ottobre scorso) ha incoronato Xi Jinping come segretario, erede e terzo leader più potente nella storia della Repubblica Popolare dopo Mao Tsetung e Deng Xiaoping. Il pensiero e i progetti di Xi sono ora entrati nella Costituzione. E così la Cina rivendica il ruolo di potenza globale.

Xi Jinping con Donal Trump

Molti osservatori dei fatti internazionali e studiosi di geopolitica stanno probabilmente pensando che nel giro di pochi anni il presidente cinese potrebbe sottrarre agli Usa la leadership globale. Perché Xi Jinping, e la “sua Cina” ne hanno tutte le caratteristiche, le ambizioni, il desiderio… di essere la nazione (e che nazione! 1 miliardo e 380 milioni di persone!) prima al mondo in grado di influenzare i destini di gran parte del resto dell’umanità.

LA NUOVA VIA DELLA SETA – “(….) E’ da XI’AN che ripartono le ambizioni “imperiali” cinesi. La culla del glorioso passato è il punto più a Oriente della NUOVA VIA DELLA SETA, il faraonico progetto promosso dal presidente Xi Jinping nel 2013 (…). A NORD, VERSO ALMATY IN KAZAKHSTAN, e di lì A OVEST, IN DIREZIONE DI TEHERAN E ISTANBUL, la Nuova Via della Seta piega poi DI NUOVO A NORD VERSO MOSCA, per tagliare BIELORUSSIA, POLONIA e GERMANIA fino ad arrivare a ROTTERDAM. Un tracciato arricchito dal CORRIDOIO CINO-PAKISTANO, che sfiora (e irrita) l’INDIA, e raddoppiato dalle ROTTE MARITTIME che circumnavigano l’INDOCINA, toccano l’AFRICA in KENYA e, attraverso SUEZ, sboccano nel MEDITERRANEO, fino alla VENEZIA di Marco Polo. Un progetto enorme, che secondo Morgan Stanley richiede 1.200 miliardi di investimenti in 10 anni per costruire strade, ferrovie, porti e reti elettriche (…)” (Gianluca Di Donfrancesco, “il Sole 24ore”, 27/10/2017)(MAPPA da http://www.agi)

Infatti è in questa fase storica (così difficile, problematica per quasi tutte, per motivi diversi, le aree geopolitiche del pianeta) che la Cina ha l’occasione di rafforzare le sue relazioni sia nella regione asiatica (accrescendo la dipendenza degli altri Paesi asiatici in tema di commerci, aiuti, investimenti e sicurezza), che nelle altre parti del mondo, specie verso l’Europa.

IL CONGRESSO CINESE TENUTO DAL 18 AL 25 OTTOBRE SCORSO – La «nuova era» è alle porte, e Xi Jinping è il suo profeta. Ad annunciarla è stato lui stesso. È salito sul palco con chi l’ha preceduto, tracciando metaforicamente una linea di continuità con gli ex presidenti Jiang Zemin e Hu Jintao, gli stessi che durante tutto il suo primo mandato sono stati messi all’angolo, quando non trattati da acerrimi nemici. Poco dietro, nel ritratto di famiglia, c’è persino Li Peng, il premier ai tempi dei fatti di Tian’anmen. Il messaggio è chiaro. Alla guida del Paese c’è sempre la stessa ideologia, una classe dirigente senza soluzione di continuità. Eppure gli strappi ci sono stati. Prova ne è la campagna contro la corruzione che ha assicurato alla giustizia interna del Partito 240 alti quadri e un milione e 140 mila funzionari minori, rompendo il tacito accordo sotteso all’avvicendarsi dei leader cinesi dai tempi delle purghe di Mao: la leadership non indaga al suo interno…(da http://www.pagina99.it/, 29/10/2017)

A proposito e in particolare dell’Europa, la Cina ha già avviato la sua grande opera strategica, la «NUOVA VIA DELLA SETA», con enormi investimenti in infrastrutture e agevolazioni commerciali, passando di suoi territori al nostro Continente attraverso l’Asia Centrale. E’ un’ambizione non solo simbolica, quella di ricreare la Via della Seta che nel Medioevo collegava l’Italia e le altre città europee con Pechino. Ma è prima di tutto un’ambizione politica(prima ancora che economica) quella di stabilire legami di dipendenza dalla Cina, imponendo la sua autorità e la sua influenza. Appunto quel ruolo che, fino a qualche tempo fa, ha esercitato l’America, gli Stati Uniti.

DISSIDENTI IN CINA – L’intellettuale e dissidente cinese LIU XIAOBO (nella foto) il 13 luglio scorso si è spento, per malattia: pochi giorni prima di morire, Xiaobo era stato rilasciato, in libertà condizionale per motivi di salute, dal carcere, ma a nulla erano valsi gli appelli per farlo uscire dal paese e curarlo all’estero, sebbene fosse in fase terminale. Aveva 61 anni. Nel 2009 Xiaobo era stato condannato per attività sovversive a 11 anni di carcere. Formatosi accademicamente anche all’estero tra Europa e Stati Uniti dopo gli studi di letteratura e filosofia in patria, Xiaobo è stato ATTIVISTA NELLE PROTESTE DI PIAZZA TIANANMEN nel 1989 e già condannato al carcere ai tempi per un biennio. Da sempre impegnato per una Cina più aperta e democratica, è anche CO-AUTORE DELLA CHARTA 08, un manifesto per una svolta del sistema politico e legale nazionale verso la democrazia. Liu Xiaobo, in absentia, HA VINTO IL NOBEL PER LA PACE NEL 2010, “per la sua lunga e non violenta lotta per i diritti umani fondamentali in Cina”

Pertanto è una sfida, quella della Cina di Xi Jinping, che si rivolge sì al suo interno, per superare sempre più la povertà e creare ricchezza (in questo momento di debole spinta economica delle maggiori potenze, la Cina ha un prodotto interno che è dal 6 al 7 per cento), ma si rivolge in modo organico all’esterno, volendo diventare punto di riferimento geografico nell’era globale.

Se tanti ragazzi di tutto il mondo si sono avvicinati alla storia del dissidente premio Nobel lasciato morire in prigione (LIU XIAOBO), è anche grazie a BADIUCAO, il Banksy cinese, questo dissidente della matita. Qui vediamo il ritratto che Badiucao ha fatto di LIU XIA, ora in carcere, vedova di Liu Xiaobo. La serie “CHI È LIU XIA”, lanciata con AMNESTY INTERNATIONAL, ritrae LIU XIA associata alle donne famose della pittura, da MONNA LISA alla RAGAZZA CON L’ORECCHINO DI PERLA (opera questa di Jan Vermeer del 1665-66)

A proposito della “sfida interna”, di sviluppare il Paese, la composizione della nuova leadership evidenzia la continuità nella visione che Xi ha della Cina e sembra rispondere alle diverse sfide che attendono il paese: migliorare la qualità della vita dei cittadini; ridurre il divario di ricchezza tra la costa (dove si concentrano gli hub politici ed economici) e l’interno, e tra città e campagne; puntare più sui consumi interni e il settore dei servizi; contrastare l’alto livello di debito e l’inefficienza che caratterizza le imprese di Stato; ridurre i livelli d’inquinamento determinato dall’uso massiccio del carbone. Perché va detto che i poveri “assoluti” in Cina sono ancora molti: secondo le stime e i dati pubblici, 55 milioni nelle sole zone rurali.

DISSIDENTI CINESI – AI WEIWEI è un artista e designer cinese. Artista di fama mondiale, icona della dissidenza, ma anche simbolo di dibattiti e polarizzazioni piuttosto forti: Nasce a Pechino nel 1957 in una famiglia di intellettuali. Il padre, poeta, viene accusato di “idee destriste” dal Partito Comunista Cinese, così lui e la famiglia vengono inviati in un campo di rieducazione militare. Per anni la famiglia sarà costretta a vivere in una spelonca nel deserto dei Gobi e al padre, Ai Quing, verrà affidato il compito di pulire le latrine del paese. Solo nel 1976 potranno tornare nella capitale. A Pechino Ai Weiwei ci rimarrà pochi anni perché già nel 1981, decide di lasciare la Cina per vivere a New York. Sono anni intensi in cui l’artista farà molti lavori per mantenersi e cambia molte case. È a New York che si innamora dell’arte concettuale di Marcel Duchamp e della Pop Art di Andy Warhol

In politica estera, la Cina dovrà fare anche i conti con le complicate relazioni con le potenze asiatiche (Giappone, India, Corea del Nord e del Sud) e mondiali (Usa e Russia) e le diffidenze provocate all’estero dalla sua escalation, così dichiarata, sia politica che economica.

In tale contesto, non sorprende che nello statuto del Partito sia stato esplicitato il “perseguimento” della BELT AND ROAD INITIATIVE (BRI, o NUOVE VIE DELLA SETA) da parte del paese.

Corridoi economici delle Nuove Vie della Seta (da LIMES)

Pertanto, ancora su Xi Jinping, è da dire che il suo «pensiero» (dal liberismo all’ambiente) apre una nuova era in Cina. E, in assenza di altri capi autorevoli nel pianeta, vuole dare indicazioni, il “pensiero di Xi”, anche al resto del mondo. E il congresso tenutosi ad ottobre ha disegnato una nuova nomenklatura, una nuova linea per i prossimi cinque anni, un ulteriore rafforzamento del potere del leader che è già il più potente che la Cina abbia mai avuto dai tempi di Mao. Nella costituzione comunista sarà proprio inserito «Il Pensiero di Xi Jinping» (per dire, come il “libretto rosso” di Mao), un passo verso lo «Xiismo».

PETER FRANKOPAN nel suo libro LE VIE DELLA SETA. UNA NUOVA STORIA DEL MONDO, traccia un affascinante affresco, pur con qualche piccola sbavatura, forse inevitabile in un’opera di tale ampiezza, della storia dell’Asia e dell’Europa mettendo al centro le idee, i commerci, gli eserciti che hanno percorso queste vie da quando Ciro il Grande salì al trono in Persia ai nostri giorni. L’opera di Frankopan ha avuto una vasta eco in Europa e negli Stati Uniti, proponendo un nuovo modo di fare Storia, prossimo a quella World History tanto in voga oltreoceano, e al tempo stesso un nuovo approccio alla geopolitica, un metodo di analisi che nell’interpretazione del fatto politico tenga conto della profondità temporale dei fenomeni storici.(Carlo G. Cereti) – Peter Frankopan, Le Vie della Seta. Una nuova storia del mondo, Mondadori, 2017, pp. 732, euro 29,75

Quel che preoccupa di più è che il “sistema cinese” per poter funzionare, non può ammettere dialettica interna, forme di democrazia e di dissenso. E non è poca cosa. A questo poi è da notare come il globalismo cinese, rivolto a comunicare verso l’esterno con tutti, è dato sì da scambi economici, ma non ha niente di “globalismo delle libertà, dei diritti”. Nel senso che la Cina si rivolge a tutti, ma non prevede che ci sia il modello dei principi usciti dalla rivoluzione francese (libertà, uguaglianza, fraternità)…. Nel senso che tutto il percorso della filosofia occidentale verso l’affermazione del valore dei diritti umani e della libertà (individuale e collettiva), della democrazia… tutto questo non è e non vuole essere nel DNA della nuova Cina, che non prevede “paletti umanitari”, distinguo, con i Paesi cui andrà a collaborare. Questa è una cosa preoccupante, pericolosa, da valutare bene. (s.m.)

ragazze “hostess” al 19° congresso comunista cinese (cosa atipica, nuova)

……………………………

LA CINA MOSTRA I MUSCOLI: IL VERTICE DEL SORPASSO TRA XI JINPING E TRUMP

di Federico Rampini, da “la Repubblica” del 9/11/2017

 – Rapporti di forza capovolti nel summit tra i due presidenti – Usa in crisi di leadership e Pechino allarga la sua influenza – Gli occupati cinesi sono 776 milioni: più dell’intera popolazione europea – Ma l’America può contare ancora su una forza militare che non ha rivali –

PECHINO. Nel primo vero summit fra Donald Trump e Xi Jinping va in scena un ribaltamento di forze spettacolare. La forza è passata di mano? Continua a leggere